Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Counter-Strike: Global Offensive

Counter-Strike: Global Offensive

Counter-Strike è tornato, e Valve ha optato per un approccio conservatore. Così, nel 2012 ci troviamo fra le mani un gioco sostanzialmente identico all'originale...

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

L'importanza dell'originale Counter-Strike non può essere sopravvalutata. È stato uno degli shooter più importanti, con un feeling realistico, e in un modo o nell'altro quasi ogni sparatutto contemporaneo deve qualcosa CS.

Fu anche il primo gioco a dimostrare il potenziale della scena mod. Counter-Strike è in effetti il primo mod che, sotto alcuni punti di vista,ha superato persino la popolarità del gioco da cui è tratto. È servito come fonte di ispirazione per altri giochi, e ha sollevato l'asticella di quello che ci si aspetta dalla scena mod. Tutti volevano creare il nuovo CS, ma solo pochi riuscirono ad andare oltre qualche screenshot e tanti sogni ambiziosi.

Counter-Strike è diventato un fenomeno tale da costringere che Valve ad acquisirlo e a farne un'esperienza autonoma, e da allora CS nelle sue varie incarnazioni ha venduto oltre 20 milioni di copie.

Counter-Strike: Global Offensive

La versione definitiva di Counter-Strike è la versione 1.6, uscita nel 2003, che girava ancora sul vecchio motore grafico che alimentava inoltre il primo Half-Life, un motore a dir poco arcaico per gli standard odierni.

I puristi, tuttavia, continuano a sostenere che questa è la migliore versione, e le versioni successive del gioco basate sul Source Engine non riescono a catturare quello che i veterani amano di CS.

Ed è con questo divario che Counter-Strike: Global Offensive è giunto a noi. L'ultima versione del gioco di Valve è essenzialmente un make-over, che cerca di non fare confusione con il gameplay classico, ma lo traspone in un motore di gioco più moderno.

Counter-Strike: Global OffensiveCounter-Strike: Global Offensive

Counter-Strike: Global Offensive corre pochissimi rischi. Usa le stesse modalità di gioco negli stessi livelli che abbiamo giocato dall'inizio del XX secolo. Una squadra di antiterroristi compete con una squadra di terroristi per uccidersi a vicenda, salvare ostaggi o far detonare una bomba, a seconda della modalità. Non ci sono respawn: una volta che sei morto sei fuori dalla lotta fino al prossimo round. Non ci sono elementi sbloccabili o progressione del personaggio - al contrario, si viene ricompensati con denaro che può essere utilizzato per acquistare attrezzature e armi. Se si sopravvive fino alla fine, si può mantenere la propria attrezzatura, altrimenti si riinizia con gli strumenti standard.

Niente di nuovo in questo senso - ma è strano descrivere quanto sia rimasta divertente questa vecchia formula. È un gioco impegnativo, in cui la chiave è mantenere il sangue freddo, e fino a quando si sono imparati i pro e i contro di ogni mappa, probabilmente, si durerà poco. La morte è improvvisa, e colpi alla testa sono un must assoluto se si vuole rimanere in vita.

Detto questo, spesso è una questione di buon istinto, e anche se a volte è più una questione di fortuna che di abilità, c'è un grande senso di realizzazione quando si coglie un avversario alla sprovvista e lo si elimina.

Counter-Strike: Global Offensive

Counter-Strike fa ancora il suo vecchio lavoro, anche nella sua nuova veste grafica. I controlli sono precisi, e il codice di rete appare solido (anche se si segnala una correzione un po' aggressivo della nostra posizione, a volte).

Anche se Global Offensive è un sequel molto conservatore, ci sono un paio di novità, e la novità più importante è una versione "casual" della modalità di gioco principale. Il fuoco amico è spento, e tutti cominciano con giubbotti in kevlar, e con un kit per disinnescare le bombe, elementi che altrimenti sarebbe necessario acquistare. Se siete giocatori della vecchia scuola, vi consigliamo di attenervi alla modalità normale, dove i giubbotti in kevlar e i kit devono essere guadagnati, il fuoco amico è attivo, e si gioca al meglio dei 30 round, anziché i 10 della modalità casual.

Inoltre, è stata fatta qualche modifica al mod Gun Game. In Arms Race si compete in un deathmatch senza squadre e con respawn, e ogni volta che si uccide un nemico si viene premiati con una pistola migliore. Il primo giocatore a sbloccare tutte le armi vince.

Questo concetto è capovolto in Demolition, dove si gioca in squadre e si è dotati di armi sempre più deboli ad ogni uccisioni. Entrambe le modalità sono discrete, ma non c'è dubbio che le modalità di gioco classico sono quelle più emozionanti.

L'arsenale è stato in parte modificato, e l'aggiunta più significativa è data dalle bombe molotov, mai viste prima in Counter-Strike. E se non si ha la pazienza di scorrere i menù, è sufficiente premere F1 per ottenere automaticamente le armi assegnate - di solito un AK47 o un M4A1, a seconda della vostra occupazione.

Counter-Strike: Global OffensiveCounter-Strike: Global Offensive

Oltre a queste caratteristiche secondarie, Global Offensive è un gioco che rispecchia i suoi predecessori, e che ti fa chiedere se c'era davvero bisogno di questa nuova versione del gioco. Certo, è bello che il gioco sia ora disponibile anche su console (anche se abbiamo giocato la versione PC per il bene di questa recensione), ma per il resto sembra un'occasione sprecata.

Non fraintendetemi, Global Offensive è divertente, indipendentemente dal fatto che siate un giocatore veterano di CS o un nuovo arrivato. Ma rispetto a Dota 2 di Valve, Counter-Strike: Global Offensive è un po' scadente. Entrambi i giochi rispecchiano i loro predecessori in maniera molto stretta, ma Valve ha aggiunto una modalità spettatore e un sacco di supporto e-sport a Dota 2, tanto da motivare una nuova release.

Counter-Strike: Global Offensive

Ma per il momento non vi è un supporto analogo in Global Offensive. Si tratta di un mero aggiornamento grafico e tecnico di un gioco classico, con alcune caratteristiche secondarie nuove. Non ho giocato abbastanza a CS 1.6 per poter capire se il gioco renderà felici i puristi o meno (i miei giorni di CS si collocavano tra la beta 6 e la versione 1.1), ma l'unica cosa che può attirare i giocatori vecchi in questo gioco è la grafica più bella e una tecnologia più aggiornata.

Counter-Strike: Global Offensive, è fedele al marchio di Counter-Strike. È molto divertente, ma fa lo stesso effetto degli americani che vanno a mangiare da McDonald in Giappone, quando avrebbero potuto mangiare gli stessi hamburger standosene a casa.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
Counter-Strike: Global Offensive
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Gameplay classico e solido, ottimo aggiornamento tecnico, fedele all'originale, più accessibile
-
Troppo conservatore, poche vere novità, la grafica non è un granché
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Counter-Strike: Global OffensiveScore

Counter-Strike: Global Offensive

RECENSIONE. Scritto da Rasmus Lund-Hansen

Counter-Strike è tornato, e Valve ha optato per un approccio conservatore. Così, nel 2012 ci troviamo fra le mani un gioco sostanzialmente identico all'originale...

Caricamento del prossimo contenuto