Italiano
Gamereactor
recensioni
Curse of the Dead Gods

Curse of the Dead Gods - La recensione del rougelite maledetto

Fai in modo di non essere maledetto in questo nuovo roguelite.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Curse of the Dead Gods è un roguelite action in cui ti immergi più a fondo in mostruosi dungeon e affronti i mali all'interno. Sebbene non offra nulla di unico al genere, combina comunque elementi di giochi come Hades, Darkest Dungeon e Dead Cells per creare un ambiente familiare, anche se a volte è blando e poco ispirato.

Con l'arrivo delle versioni console, ho giocato al titolo su Switch, in cui la portabilità offre un livello di vicinanza al gameplay che manca alla versione PC. Inoltre, ha funzionato perfettamente con me, a parte qualche piccolo intoppo in termini di framerate quando lo schermo ha iniziato a riempirsi di tanti nemici. A parte questo, non ci sono molti altri cambiamenti, il che delude un po' perché, ovviamente, speravo in un costume di Mario.

A proposito di costumi, non ce ne sono. Certo, neanche Hades non li offre, ma Dead Cells sì, e fa tanto per offrire nuovi set di elementi sbloccabili e la possibilità di cambiare il tuo guardaroba ogni tanto.

Ad ogni modo, quando avvii il gioco per la prima volta, lo stile artistico ricorda Darkest Dungeon, che ho trovato una scelta gradita in quanto si aggiungeva al mistero gotico presente nel dungeon. Questo può anche essere trovato nei ritratti delle armi del gioco che garantisce una sensazione inquietante.

Presto, sarai accolto da un'area hub, che funge da trampolino di lancio per il dungeon. Il negozio, che utilizza tre valute, trovate da nemici, boss e missioni completate, può essere utilizzato per acquistare potenziamenti per il tuo personaggio, sbloccare nuove armi e aumentare la rarità delle offerte di armi pre-missione. Sulla scia di Dead Cells, queste offerte di armi sono su piedistalli sbloccabili e sono casuali. Dopo aver scelto un set di armi, sceglierai quale missione desideri intraprendere. All'inizio, tre sono disponibili con un solo campione (boss) alla fine, anche se gli ultimi hanno due o tre boss.

Curse of the Dead Gods

Esistono tre tipi di dungeon, ciascuno con il proprio set di nemici, boss e trappole. Sebbene questo in qualche modo offra varietà e rigiocabilità, i templi sono troppo simili sia nel tema che nella disposizione della stanza, diventando rapidamente ripetitivi. In quanto tali, le piste sono troppo simili, anche se lo diventano meno quando hai sbloccato più oggetti. Nella mia esperienza, i templi erano generalmente di una difficoltà simile, e solo avanzando nei dungeon a due e tre campioni questa difficoltà diventa impegnativa. Lo dico come cosa positiva: la curva di difficoltà è accessibile e il gioco non ti lancia in profondità e ti aspetti che nuoti immediatamente.

Sebbene questi ambienti possano diventare noiosi, il gameplay è generalmente interessante e divertente. Il combattimento è più lento del movimento frenetico di Hades, essendo più simile al combattimento lento e metodico di Dark Souls. Detto questo, diventa più veloce quando diventi più forte, ma questo non fa che rafforzare il senso di progressione. Anche le armi sono varie, con lance, pugnali, fruste, martelli tra gli altri, e iniziano ad apparire casualmente nelle serie successive all'acquisto dal negozio hub, insieme al potenziale di effetti come fuoco o danni extra critici.

Probabilmente la parte più singolare di Curse è, hai indovinato, il sistema di maledizione. Il tuo livello di maledizione aumenta ogni volta che esci da una porta e può essere scambiato al posto dell'oro sugli altari di armi e artefatti. Ciò conferisce un livello di strategia al gioco, poiché sapere quando sacrificare la tua sanità mentale ti avvantaggerà a lungo termine. Quando il tuo livello di maledizione raggiunge cento, riceverai una maledizione. Ogni dungeon ha un numero di maledizioni uniche e una riserva generale. Questi forniscono sia debuff che buff, quindi possono essere mantenuti strategicamente. Si va dalla tua torcia che non fornisce più luce, al far aumentare passivamente il tuo misuratore di maledizione invece di quando usi le porte. È un sistema divertente che aumenta la varietà tra le corse. Tuttavia, sono rimasto deluso dal fatto che ci fosse solo una maledizione di quinto livello. Significa che sai sempre cosa sarà e quindi puoi prepararti, ma elimina ogni mistero da quella che dovrebbe essere la maledizione più pericolosa del gioco.

Nel complesso, Curse of the Dead Gods è un gioco piuttosto buono. Anche se non porta nulla di suo in tavola, le caratteristiche che combina da altri roguelite si combinano bene e con una certa profondità strategica. Vorrei solo che avesse più rigiocabilità perché, così com'è, vedere tre serie molto simili di ambienti, nemici e boss ogni run diventa rapidamente stantio e riduce significativamente la longevità del gioco. Detto questo, lo consiglierei comunque per un'esperienza mordi-e-fuggi.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Curse of the Dead GodsCurse of the Dead Gods
Curse of the Dead Gods
06 Gamereactor Italia
6 / 10
+
Un gameplay familiare. Armi varie. Profondità strategica in combattimento e sistema di maledizione
-
Spesso blando e banale. Manca di rigiocabilità. Ambienti, nemici e boss sono troppo simili.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.