Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Don't Starve

Don't Starve - Console Edition

L'inverno e in arriva e un cappello di paglia non vi terrà al caldo.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Ci siamo avventurati in Don't Starve senza alcuna esperienza precedente, aspettative o preparazioni. E' stato rilasciato su PC la scorsa primavera dopo circa sei mesi di test alpha pubblica e adesso i proprietari di console (quelli abbastanza fortunati ad essersi assicurati una PlayStation 4) hanno la possibilità di saltare nel mondo cupo di Don't Starve. Questo è il modo in cui Don't Starve è destinato ad essere giocato - si impara con l'esperienza senza puntatori reali, frecce, segnali di obiettivo o spiegazioni. A volte è necessario morire per imparare una lezione.

Il gioco ha una semplice premessa, dal momento che all'inizio si viene gettati in un deserto misterioso. Lì si raccolgono materiali - erba, legno, pietre, oro, fiori, funghi - e da qui il nome. Questi possono essere combinati in attrezzature più avanzate e raffinate, permettendo di salire un albero della tecnologia sorprendentemente profonda. E un modo per godersi Don't Starve è semplicemente quello di farsi oggetti a mano e costruire un campo dove si può sopravvivere al freddo dell'inverno.

Don't Starve

Il tempo vola in questo gioco, i giorni sono pari a pochi minuti, e quando si fa buio diventa pericoloso. È necessario costruire un fuoco o una torcia per tenere a distanza i cattivi che si nascondono nel buio. Il mondo è generato in modo casuale ogni volta che si avvia un gioco. Le risorse sono distribuite secondo i vari tipi di terra, così come i nemici e la fauna selvatica. Alcuni animali sono neutri e non vi attaccheranno a meno che non li attaccate (e presto vi scoprirete saggi a non cacciare gli animali più grandi).

Il gioco è pieno di meccaniche semplici, ma la caratteristica principale del gioco è esplorare e scoprire il mondo. Certo ci sono obiettivi o piccoli puzzle da risolvere: c'è una modalità avventura a cui si accede attraverso un portale, ci sono grotte (anche più pericolose del mondo esterno) e tonnellate di meccaniche da esplorare e sfruttare.

Ci sono un sacco di cose sotto la superficie, dal momento che il gioco tiene traccia degli animali innocenti da uccidere e simili (che potrebbe sfociare nei guai). Ci sono tattiche più avanzate che vi permette di pastorizzare pigmenti in modo da avere abbastanza chiari i nidi di ragno. Ci sono enormi uccelli ciclopi che depongono le uova e vi daranno la caccia fino in capo al mondo se rubate un loro piccolo non ancora dischiuso.

Don't Starve

Ci sono trappole da posizionare e per catturare delle esche. Vi è la pesca. Ci sono rane, api (e miele), cose orrende come nani da giardino (non siamo ancora sicuri di cosa si tratti). Ci sono altari maiale da attivare, esploratori morti da saccheggiare , e un sacco di strani rituali e cerimonie che si può decidere o no di interrompere.

Klei Entertainment è sempre stata famosa per la sua particolare estetica e Don't Starve spicca di certo per ciò che riguarda il suo stile artistico. Ad una prima pigra occhiata, ci viene subito in mente uno stile a là Tim Burton, e sicuramente è stata una fonte di ispirazione, ma Don't Starve ha un suo stile proprio che si può evitare di etichettarlo come un Nightmare Before Christmas isometrico. La prima volta che vi imbattete in qualcosa di nuovo nel panorama deve essere prezioso. Amico o nemico? Beh, diciamo solo che è meglio essere preparati a correre.

Oltre a fare in modo di essere sempre ben nutriti e con il culo al caldo, è necessario mantenere la vostra sanità mentale. Quando tale strumento si abbassa (attenzione ai funghi verdi che appaiono solo quando è buio), la vostra visione verrà offuscata e le creature dei vostri incubi vi attaccheranno (anche dove c'è luce).

Don't Starve

Avviamo la prima partita nel ruolo di un tizio di nome Wilson, che viene inviato in questo mondo da Maxwell (che sembra un collega decisamente cattivo) . Ci sono altri otto personaggi da sbloccare e ciascuno di loro aggiungono bei colpi di scena al gioco e caratterizzazione.

Wilson si fa crescere la barba che lo aiuta a proteggersi contro il freddo. C'è ragazza piromane chiamata Willow che dà fuoco a tutto quando è nervosa. C'è un robot, un uomo forte e un bibliotecario. Questi personaggi si sbloccano salendo di livello (non si livellano i personaggi - hanno un numero di punti salute - e si può solo renderli più forti con attrezzature migliori), e c'è sempre quell'inganno quando si muore e capita di sbloccare un nuovo personaggio.

La mia prima esperienza con Don't Starve è stata breve. Ho attaccato un Uomo-maiale. Non avrei fatto, e sono morto il mio primo giorno. Più tardi api, ragni, cani, buio e un tentacolo savrebbero accresciuto la lista dei miei morti in obitorio (fondamentalmente la vostra classifica in Don't Starve).

Don't Starve

Una volta che si muore, ogni salvataggio precedente viene eliminato. Questo è un roguelike ed è destinato ad essere vissuto come una serie di tentativi lunghi o brevi per sopravvivere. Dopo un po', ottenere cibo e sopravvivere alla notte non è più una sfida e si inizia a esplorare altre cose. Si inizia a farsi vari oggetti a mano, a mettere su una fattoria, a scavare risorse, a fare speleologia o allevare animali più grandi. Forse vedrete un bosco andare a fuoco (si dovrebbe davvero, è uno spettacolo).

Ci vogliono un paio di vite per riuscire ad abituarsi pienamente all'interfaccia utente, ma una volta fatto, è rapido e indolore da navigare attraverso tonnellate di oggetti e cose per le imbarcazioni. Forse manca un po' della panoramica offerta su PC, ma Don't Starve risulta abbastanza pulito nella sua interfaccia anche sulle console casalinghe.

Don't Starve: Console Editionsi è evoluto per noi nel corso della scorsa settimana. La profondità del gioco è strisciata su di noi e ci siamo trovati immersi per ore cercando di "preparci" nel miglior modo possibile a qualsiasi prova ci avrebbe atteso. La progressione dipende dal giocatore, piuttosto che l'avatar, che rappresenta una bella idea che permette al gioco di non diventare mai troppo facile o semplicemente una questione di premere gli stessi pulsanti.

Don't Starve è una rara esperienza su console da non perdere, indipendentemente dal fatto che l'avrete a disposizione nella vostra Instant Game Collection con PS Plus, oppure pagare 11,99 euro.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio
Don't Starve
Don't Starve
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Estetica meravigliosa; Meccanica profonde e gratificanti; Tantissimo da scoprire; Mondi generati casualmente;Personaggi affascinanti e diversi.
-
Inizia un po' lentamente; La mancanza di una direzione da seguire potrebbe creare non poche difficoltà; Difficile nelle prove e negli errori.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi