Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni
Halo Infinite

Halo Infinite - La campagna

343 Industries saranno riusciti nella mirabolante impresa di diventare i degni custodi della lore di Master Chief?

HQ

Anche se ormai è un po' un cliché, è comunque affascinante immaginare gli ultimi due anni all'interno di 343 Industries. Sebbene abbiano avuto un certo successo in questi anni, grazie, ad esempio, al lancio della sempre ambiziosa Halo: The Master Chief Collection, nessuno avrà da obiettare che, almeno dal punto di vista dei fan più devoti, hanno più mancanze che meriti. Che sia vero o no, sembra che per molti irriducibili di Halo, 343 semplicemente non siano stati attenti custodi, quei fedeli custodi che speravano, e in questo senso, Halo Infinite ha bisogno di essere - anzi, DEVE essere - un successo.

E quando finalmente è arrivata il reveal ufficiale del gameplay, e finalmente abbiamo potuto vedere i risultati di milioni e milioni di dollari investititi da Microsoft nel nuovissimo motore grafico Slipspace, tutto è crollato. Anche se parte della furia dei fan è stata del tutto immeritata, non si può non dare ascolto a loro - lo zoccolo duro della community - e così 343 è tornato, abbattuto, al tavolo da disegno, ed è stato successivamente oggetto di meme per via di Craig il Brute per i successivi 10 mesi.

Ancora una volta, sarebbe stato affascinante essere una mosca che svolazza all'interno di 343 negli ultimi due anni, perché il loro viaggio come studio porta tutto a questo. A Halo Infinite. Il peso sulle sue spalle, in quanto franchise di punta di Microsoft, e su quello dello studio è enorme, le aspettative sono altissime e tutto si riduce al fatto che 343 possa davvero ribaltare la situazione e dimostrare a tutti che sono davvero i guardiani perfetti per l'eredità di Chief. Insomma, scopriamo se ci sono riusciti.

HQ

La campagna di Halo Infinite, di cui vi parliamo in questa recensione (il multiplayer è stato recensito separatamente), rompe la tradizione sotto tanti punti di vista cruciali e vale la pena dedicare un po' di tempo a spiegare in che modo, per filo e per segno. Prima di tutto, la campagna non è strettamente lineare, tutt'altro. Anche se Chief svolge missioni principale e secondarie su Zeta Halo, in realtà esplora un mondo piuttosto aperto, e il gioco offre "trappole" classiche del mondo aperto, come liberare squadre UNSC prigioniere, riprendere i cosiddetti cosiddetti "FOB" o "Edifici per le operazioni di volo" e distruggere infrastrutture nemiche come basi, armerie e fonderie di armi d'assedio. Per tutto il tempo, ci sono Spartan da trovare, che vengono utilizzati per aggiornare gradualmente l'armatura di Chief in un modo simile a quello dei giochi di ruolo. Ci sono anche almeno una dozzina di combattimenti semi-boss con punti salute da ridurre a zerp.

In altre parole, anche se l'esperienza in sé e per sé ci vede esplorare le installazioni dei Precursori, fare breccia nelle difese nemiche con armi come l'MR40 e scoprire qualcosa di più sugli anelli Halo, il destino di Cortana o i piani Banished per Zeta, l'esperienza intorno a quel nucleo riconoscibile è stato molto ampliato.

E in meglio, fortunatamente. Il mondo di Zeta Halo è realizzato in modo magnifico e, sebbene non ci sia la varietà visiva di un tradizionale mondo aperto, le catene montuose, la fitta fauna selvatica e l'incredibile distanza di tiro creano panorami mozzafiato ed emozionanti campi da gioco. Inoltre, i suddetti FOB ti offrono l'opportunità di generare determinati veicoli e puoi anche selezionare un preciso carico di armi, il che significa che, in linea di massima, puoi scegliere come vuoi di avvicinarti a un determinato obiettivo. La diversità delle abilità di ritorno come i Propulsori, il Muro di Scudi, una varietà di granate e nuovi potenziamenti per armature Mjolnir, così come l'incredibile Rampino, è in realtà un cambiamento gradito.

Halo Infinite

Ora, ciò non significa che il doppio salto da un design lineare a un sandbox molto più aperto sia privo di difetti. Molti probabilmente troveranno le attività stesse piuttosto ripetitive, nel senso che non rompono esattamente gli schemi, né aprono nuovi orizzonti. Dirò anche che il motivo generale generato attorno al completamento di questi obiettivi facoltativi è narrativamente valido, e c'è una soddisfazione intrinseca nell'espandere gradualmente la presenza dell'UNSC su Zeta Halo, visto che le squadre di salvataggio, la protezione di FOB e indebolire il punto d'appoggio degli avversari aumenta la quantità di pattuglie sulle strade e aumenta la potenza di fuoco a tua disposizione quando ne hai davvero bisogno. Ma è "uguale", in mancanza di una parola migliore, e Infinite avrebbe potuto usare contenuti opzionali più unici, in quanto introduce per la prima volta una visione diversa del mondo di Halo.

Dopo aver detto e fatto tutto ciò, Halo Infinite resta uno degli sparatutto in prima persona più accurati e ottimizzati di cui ho recente memoria. Tutte le armi, tra le circa 22 offerte dal gioco, sono serrate come un tamburo, l'iconico ritmo di combattimento è più che mai soddisfacente. Eliminare alcuni bersagli da lontano, passare al combattimento ravvicinato, sparare con le pinze da un punto di osservazione elevato, lanciare una granata al momento giusto, afferrare una tanica di carburante, lanciarla contro un Brute in carica: c'è un senso di progressione, di fisica radicata ma fluttuante e di infinita cattiveria che è la quintessenza di Halo, e che 343 ha ricreato alla perfezione. È un gioco che, più di ogni altra cosa, fa sentire meno tesi, meno soddisfacenti, meno ottimizzati gli altri sparatutto in prima persona. Incarna la premessa che non si tratta dell'enorme quantità di meccaniche a disposizione del giocatore, ma di come possono essere messe insieme in una sequenza che sembra intenzionale.

Halo InfiniteHalo InfiniteHalo Infinite

A livello narrativo, 343 continua lungo il percorso iniziato dai precedenti giochi realizzati dallo studio. In una certa misura il gioco elimina parte del peso in eccesso, come Spartan Locke, Squadra Blu, Lasky e persino il dottor Halsey. Anche se alcuni vengono gradualmente reintrodotti e altri devono accontentarsi dei riferimenti tramite nastri audio, è un'esperienza narrativa più snella, che si concentra su alcuni aspetti selezionati della vasta lore. Quando dico che continua lo stesso percorso, intendo dire che continua a esplorare la relazione fraudolenta ma premurosa tra Cortana e Chief, si concentra più direttamente su Chief stesso, dipingendolo come un uomo sempre più stanco del mondo incline a combattere, ma magari che comincia a sentire gli effetti della ripetitiva eterna lotta per la sopravvivenza. È ben scritto, ottimamente ritmato e pieno di colpi di scena, ma molto ben fatto della stessa stoffa delle voci precedenti. Quello che intendo con questo è che bisogna prepararsi a nuovi nemici oltre al Banished, prepararsi per titoli vaghi come "The Endless" o "The Forge" e "The Key" e prepararsi a non ottenerlo del tutto all'inizio. È Halo, ed è comunque molto bello.

E anche la qualità della produzione è stellare, il che non pregiudica esattamente la sua efficienza nello stabilire un'atmosfera, un'ambientazione. Anche se il motore Slipspace non è totalmente perfetto, mettendo in panchina tutti gli altri motori utilizzati regolarmente nel settore oggi, è abbastanza ben ottimizzato, offrendo una splendida draw distance, un gameplay fluido e scene d'intermezzo ed effetti visivi ragionevolmente dettagliati. Halo Infinite riguarda più la scala che i dettagli più fini, ma penso di poter affermare con sicurezza che il gioco è sia bello che fluido. Il compositore Gareth Coker fa miracoli con l'universo musicale esistente di Halo, offrendo tamburi fragorosi, archi meravigliosi ed elettronica pulsante, e combinati creano un'esperienza piuttosto sontuosa.

HQ

Sì, sarebbe stato davvero interessante essere una mosca sul muro di 343 Industries durante gli ultimi due anni di sviluppo, visto che probabilmente sapevano nel profondo cosa sarebbe stato questo Halo Infinite. Era tutta una questione di fare o morire, creare o distruggere, se mai fossero stati riconosciuti come i legittimi o illegittimi custodi del franchising. Probabilmente centinaia di milioni di dollari e anni e anni di lavoro e fatica dopo ed eccoci qui: Halo Infinite è un vero successo, un valoroso sforzo di sviluppo e un sequel appropriato, proprio quello che una serie così importante che merita. Sebbene abbia alcuni aspetti familiari sia quelle trappole da mondo aperto, che a volte risultano ridondanti, il ritmo, la storia toccante, il gameplay serrato e l'estetica efficace, si spera, ricorderanno a tutti che Chief è esattamente dove dovrebbe essere.

Halo InfiniteHalo Infinite
Halo InfiniteHalo Infinite
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Narrazione efficiente, gameplay semplificato, mondo fantastico, combattimenti fluidi, sistemi versatili.
-
Alcune attività open world avrebbero potuto essere più distinte.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto