Italiano
Gamereactor
recensioni
Immortals: Fenyx Rising

Immortals: Fenyx Rising - Miti del Regno d'Oriente: La recensione

Lasciati alle spalle le scintillanti coste dell'Isola d'Oro e dirigiti verso le lussureggianti terre a est.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Per qualche ragione, dei tre grandi titoli Ubisoft usciti alla fine dell'anno scorso, Immortals: Fenyx Rising è stato quello che sembrava essere stato lasciato cadere nel dimenticatoio più di altri. Tuttavia, il gioco, sviluppato da Ubisoft Quebec, è in realtà piuttosto eccezionale, e personalmente anche il migliore dei tre, e questo lo mette davanti ad Assassin's Creed Valhalla e Watch Dogs: Legion. Il titolo ci ha fornito un nuovo sguardo alle divinità greche, in un bellissimo e colorato mondo aperto, e ha fatto sì che l'intero pacchetto fosse interessante, dando al giocatore anche molte abilità eccitanti e uniche. Proprio di recente è stata lanciata la seconda grande espansione del gioco (Miti del Regno d'Oriente), che ci ha portato una nuova posizione, un nuovo pantheon di dei e persino un protagonista completamente nuovo a cui affezionarci.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

A differenza del gioco base o della prima espansione, Miti del Regno d'Oriente è un'esperienza standalone non correlata a Fenyx. Creata da Ubisoft Chengdu, questa avventura si concentra su un nuovo eroe di nome Ku e si allontana dal pantheon greco in favore degli dei cinesi. A causa di questo cambio di ambientazione, Miti del Regno d'Oriente ha anche una mappa completamente nuova da esplorare e, sebbene condivida molte somiglianze con il gioco base, praticamente tutto è stato ridisegnato per adattarsi all'ambientazione asiatica. Dagli oggetti consumabili come i melograni (che ora sono pesche), i vari nemici che dovrai affrontare e persino le monete di Caronte (che ora sono monete di giada), l'espansione è radicata nella familiarità, ma è anche unica e diversa.

Anche la trama stessa è molto simile al gioco principale. Ku si risveglia in una terra mistica dove i suoi amici sono stati trasformati in pietra. Confuso e solo, Ku segue un richiamo armonioso, che si scopre essere la dea Nuwa che canta. Dopo aver chiacchierato con la divinità, Ku scopre che Tao Lu ha aperto la montagna Bu Zhou, creando una Cicatrice che appanna i cieli sopra la terra (simile alla montagna di Tifone nel gioco principale) scatenando una forza troppo potente sia per l'uomo che per il dio. Usando le sue abilità, Ku deve aiutare la dea a salvare le terre - e sì, questo è praticamente lo stesso identico concept del gioco base.

La parte interessante è che le somiglianze non sono necessariamente una cosa negativa. Ti vengono dati molti aggiornamenti dal gioco principale per iniziare, e oltre a dover sbloccare Poteri divini (che sono ancora una volta simili a quello che abbiamo imparato a conoscere) e riacquistare le tue ali, puoi praticamente fare tutto ciò che Fenyx potrebbe fare dal primo minuto. Dirò che questo ostacola molto la difficoltà del DLC. Ho deciso di giocare alla difficoltà più difficile per la mia prima run di Miti del Regno d'Oriente, e non ricordo di essere mai morto in combattimento perché ero praticamente completamente equipaggiato dal primo minuto - questo non vuol dire che non ci fossero incontri difficili da affrontare.

Immortals: Fenyx Rising

Le principali differenze tra questo DLC e l'avventura di Fenyx derivano dal fatto che non puoi cambiare l'aspetto di Ku. Ci sono altre skin per armi e armature che offrono un aspetto unico e sono dotate di diversi miglioramenti, ma il genere e l'aspetto fisico di Ku non è un tratto che può essere modificato, a differenza di Fenyx. Inoltre, la terra stessa è molto diversa dall'Isola d'Oro. Il mondo aperto è situato tra le montagne con una profonda copertura nuvolosa che lo nasconde dal mondo sottostante, il che significa che ci sono molte più opportunità di cadere verso la tua morte - cosa che mi è accaduta più volte di quanto mi piacerebbe ammettere.

A parte il fatto che Miti del Regno d'Oriente è semplicemente una versione mini e ridisegnata della trama di Immortals, è davvero divertente da giocare ed è una boccata d'aria fresca rispetto al DLC A New God che è venuto prima - che fondamentalmente è servito solo come un'edizione eccezionale di nuovi vault da risolvere. Miti del Regno d'Oriente non è esente da difetti: è piuttosto breve e la mappa è ricca di meno contenuti rispetto al gioco base. Sono riuscito a far esplodere tutto il nuovo DLC offerto in circa cinque ore, che in realtà è meno tempo di quanto mi ci è voluto per completare A New God - un'espansione di cui non sono ancora un grande fan oggi.

Ma, anche con i suoi difetti e la lunghezza ridotta, mi sono davvero divertito a giocare a Miti del Regno d'Oriente. È esattamente ciò che i fan di Immortals: Fenyx Rising cercano: una nuova trama ricca di tradizioni, combattimenti, enigmi e dialoghi stupidi e spesso esilaranti. Ascoltare il dio cinese dell'acqua Gong Gong dirmi "nessun problema" quando non è riuscito a far accendere il suo bastone di fuoco è qualcosa che apprezzo, ma è solo una parte di ciò che rende questa espansione e questo gioco così divertente da giocare.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Immortals: Fenyx RisingImmortals: Fenyx Rising
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
La nuova ambientazione e gli oggetti creano un'esperienza familiare ma nuova. Ricco di lore. l dialoghi sono ancora una volta divertenti.
-
Troppo facile. Sarebbe meglio se fosse stato un po' più lungo. Più sfide e obiettivi in tutto il mondo renderebbero le cose più interessanti.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.