Italiano
Gamereactor
recensioni
It Takes Two

It Takes Two - La recensione del delizioso gioco co-op di Hazelight

Hazelight torna con un altro gioco co-op.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Non è la prima volta che si parla di giochi creati a partire dalla sola modalità cooperativa. Molto spesso, questo significa aiutarsi a vicenda per riuscire a raggiungere sporgenze più alte o far sparare un giocatore mentre un altro guida un'auto. Tuttavia, il creative director Josef Fares e il suo studio Hazelight sono andati ben oltre questo semplice concetto, e oserei dire che It Takes Two è semplicemente un nuovo standard per quello che possono essere oggi i giochi cooperativi.

All'inizio del gioco, ci vengono introdotti i due genitori, Cody e May, il cui amore è oramai svanito nel nulla fa tempo, portando a piccoli litigi sulle cose più inutili. Ed è sempre molto difficile quando ci sono bambini coinvolti, perché tendono a rimanere intrappolati nel mezzo. La loro scelta di separarsi colpisce la figlia di Cody e May, Rose, la quale si rifugia nel capanno del giardino desiderando che smettano di litigare e ci riprovassero. In seguito, i due genitori si ritrovano trasformati, come d'incanto, in piccole bambole in una versione fantastica del mondo reale, dove i giocattoli sono animati e gli animali sono esseri intelligenti.

Un libro e un personaggio (il libro e il personaggio sono in realtà la stessa persona) chiamato Dr.Hakim è l'unico che sembra sapere cosa stia realmente accadendo e funge come una sorta di collante per la storia, che è essenzialmente una sitcom ragionevolmente ben scritta. I due genitori devono fare i conti con gli errori commessi in passato e sono costretti ad aiutarsi a vicenda per cercare di andare dal giardino a casa per contattare la figlia.

Se questo viaggio, che si svolge all'interno di una casa normale, fosse stato facile, non sarebbe stato un gran gioco. Ma come puoi immaginare, scopriamo che le cose sono molto difficili per coloro che hanno le dimensioni di un pollice. It Takes Two è davvero pensato per divertire e se stai cercando il realismo, è meglio cercare altrove. Ciò significa essenzialmente che durante l'avventura potrai fare cose come sperimentare il rafting sul fiume, esplorare lo spazio e aiutare gli scoiattoli a contrastare un alveare di api.

Sono volutamente vago perché vorrei che i giocatori scoprissero da soli come funziona, ma il fatto che l'intera avventura si svolga tra il giardino e la casa non significa affatto che manchi di varietà né in termini di ambiente né di gameplay. Anche così, sono soprattutto gli aspetti della modalità cooperativa a rendere questo gioco davvero magnifico.

Se hai giocato all'ultimo gioco di Hazelight A Way Out, riconoscerai in una certa misura la configurazione e il gameplay. Quasi tutte le avventure vengono visualizzate a schermo condiviso, sia che giochi in locale che online. Devi riuscire a vedere cosa sta facendo il tuo compagno di gioco affinché funzioni tutto in modo ottimale, ma rispetto al titolo precedente, questo è tutto più avanzato.

Le sfide includono enigmi, azione, platform, test di memoria, esercizi di coordinazione, scontri con i boss e molto altro ancora. Nel corso del gioco, sono rimasto davvero sorpreso dall'enorme creatività per quanto riguarda le sfide che due persone devono risolvere collaborando e comunicando. Non esiste una modalità a giocatore singolo ed è praticamente impossibile se il tuo partner di gioco non comunica con te.

It Takes Two

In alcuni casi, sono cose più semplici come spararsi l'un l'altro da un cannone dove uno spara e uno mira, o veicoli dove uno dovrebbe girare e l'altro regolare la velocità. L'abbiamo già visto, ma nella maggior parte degli altri casi è roba geniale che non ho mai visto nei giochi prima e mi fa venire in mente il tipo di idee folli che di solito offre Nintendo. Inoltre, durante il livello a volte hai accesso a strumenti o gadget che aiutano ulteriormente a scuotere la giocabilità, e in nessun momento ti sembra che It Takes Two stia ristagnando o smetta di sorprendere.

Inoltre, ci sono anche minigiochi in cui hai la possibilità di giocare l'uno contro l'altro. La configurazione è spesso semplice e intuitiva, ma abbastanza profonda da intrattenere comunque. Ad esempio, c'è un minigioco di carri armati, corse di cavalli e lanci di precisione, solo per citarne alcuni. È possibile accedere a questi minigiochi anche dal menu del gioco se vuoi giocarne alcuni senza iniziare l'avventura principale.

Non tutto è rose e fiori, però, poiché ci sono un paio di difetti. Il problema più grande è relativo ai controlli. Quando c'è così tanto da fare, è ovviamente difficile far funzionare tutto alla perfezione. I controlli non sono così reattivi quanto avrei voluto e penso che gli stessi sviluppatori lo sappiano. Questo è stato risolto con un basso livello di difficoltà cui puoi sempre tornare finché l'altro giocatore è vivo e da checkpoint estremamente generosi, anche durante i combattimenti contro i boss.

Le boss fight sono spesso i momenti salienti dei giochi, ma in It Takes Two ritengo che siano tra gli elementi peggiori. Da un lato, il gioco cambia le cose e diventa più incentrato sull'azione, il che non si adatta bene ai controlli sciatti e, dall'altro, non è sempre ovvio cosa fare per ferire il boss. Dover trovare soluzioni senza aiuti inutili è in realtà uno dei punti salienti del gioco, ma durante i combattimenti contro i boss muoio se non lo so, e quindi la soluzione è incentrata sul "trial-and-error".

Tuttavia, nonostante questi difetti, It Takes Two è ancora senza dubbio un gioco ben fatto. Oltre a offrire una modalità cooperativa che supera di gran lunga tutto ciò che ho visto prima, anche la recitazione vocale è buona, la musica ben scritta e la grafica molto stravagante. La storia probabilmente non guadagnerà alcun premio letterario, ma la configurazione simile a una commedia romantica funziona bene e il viaggio di Cody e May è ancora qualcosa di cui vorrai sapere la fine.

Tutto sommato, It Takes Two si guadagna un punteggio alto e meritato. Sentiti libero di giocare con qualcuno che ti piace, che sia un buon amico o un partner. La presenza di una modalità cooperativa significa che la tua amicizia sarà messa alla prova, ma anche potenzialmente migliorata quando i problemi saranno risolti insieme. Grazie al fatto che puoi condividere il gioco con un'altra persona online, non dovrebbero esserci difficoltà a trovare qualcuno con cui giocare. Assicurati di farlo, perché con It Takes Two si è stato stabilito un nuovo standard per i giochi cooperativi.

It Takes TwoIt Takes Two
It Takes Two

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Il gameplay cooperativo rimane fresco ed eccitante. La sua interpretazione del genere delle commedie romantiche è avvincente. Il doppiaggio è buono e la musica è ben scritta.
-
I controlli non sono così precisi come dovrebbero. I boss richiedono molto trial-and-error.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.