Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni
Jett: The Far Shore

Jett: The Far Shore - La recensione

I Superbrothers sono tornati con un'avventura interstellare d'atmosfera.

HQ
HQ

Quando si tratta di videogiochi, mi piace pensare di essere abbastanza aperto a nuove opportunità. Non importa il genere o la piattaforma, di solito sono pronto a giocare a qualcosa di nuovo e, il più delle volte, riesco a trovare i lati positivi oi punti di forza di quell'esperienza. Ma, di tanto in tanto, qualcosa di troppo bizzarro mi capita nel piatto e, nonostante tenti di trovare gli aspetti positivi, non ci riesco. Con questa dichiarazione potrei riassumere la mia esperienza in compagnia dell'ultimo titolo di Superbrothers, Jett: The Far Shore.

HQ

Questa strana storia mette i giocatori nei panni di Mei, un'esploratrice interstellare inviata sulle stelle per garantire la sopravvivenza del suo popolo intrappolato su un pianeta sull'orlo dell'oblio. Atterrando su un mitico pianeta oceanico, Mei comanda un Jett, un veicolo veloce che danza sulle onde imponenti che circondano la superficie del pianeta, mentre lei e un gruppo di esploratori (noti come Scout) osservano il mondo oceanico per determinarne l'ospitalità.

La maggior parte del gameplay di questo titolo prevede il pilotaggio del Jett, l'utilizzo della sua mobilità e di vari gadget per interagire e analizzare le diverse forme di vita e strutture geologiche sparse per il vasto paesaggio. Sotto questo aspetto, Jett: The Far Shore suona come una vera spedizione scientifica, che per chi non vive e respira un campo di studio, è in realtà incredibilmente noiosa a causa del suo ritmo lento e costante. Dopo circa 30 minuti, inizi a farti un'idea del tipo di gameplay che Jett offrirà, e sfortunatamente non cambia molto man mano che avanzi nella storia, il che significa che questo gioco fatica a generare interesse.

C'è una narrazione al centro del gioco, raccontata attraverso Mei e i vari Scout, e si avvicina all'enormità del loro compito, così come alle relazioni che la squadra ha l'una con l'altra. Ma, dal momento che i personaggi parlano tutti in una lingua aliena (con i sottotitoli ovviamente), non è certo una trama avvincente, il che non è aiutato dal fatto che gran parte della narrazione avviene durante le fasi di guida del Jett, arrivando persino a convincerti a interrompere la tua avventura ad alta velocità per ascoltare a intervalli frequenti alcune scoperte scientifiche "rivoluzionarie".

Jett: The Far ShoreJett: The Far Shore

In effetti, proprio questa cosa è una delle mie più grandi seccature di Jett: The Far Shore. Ho menzionato come il gioco faccia fatica a rimanere coinvolgente, ma questo è in gran parte dovuto al ritmo. Jett si definisce un'avventura per giocatore singolo con "atti accattivanti che abbracciano momenti monumentali", ma è un po' ripida per un gioco che offre un periodo di esplorazione non ignorabile lungo 20 minuti, intrappolato su una piccola sezione di terra, molto presto. Seriamente, devi solo ammazzare 20 minuti per continuare la storia.

Non fraintendermi, ci sono alcuni momenti in cui il design del mondo ti lascia a bocca aperta. Ma spesso implica vedere per la prima volta un enorme punto di riferimento geografico, o una nuova creatura, e semmai sono fugaci e poco frequenti. Per il resto del tempo, mi sono ritrovato a lottare per trovare cose interessanti da fare, molto probabilmente a causa del fatto che il mondo è assolutamente enorme e la narrazione impiega troppo tempo per permetterti di esplorarlo in modi significativi.

E poi ci sono i modelli dei personaggi, che sono più inquietanti del terrore esistenziale che le persone di Mei stanno affrontando. I personaggi sembrano Playmobil tranne che con facce semi-realistiche e in realtà sono terrificanti, e sono praticamente un ottimo riflesso di ciò che Jett: The Far Shore è nel suo insieme: un gioco che è così strano e scandalosamente bizzarro, che è difficile da seguire e con cui è altrettanto difficile connettersi.

Jett: The Far Shore

Ma non è tutto male. Come ho brevemente accennato in precedenza, ci sono aree di Jett: The Far Shore che sono davvero interessanti e che meritano il tuo tempo. Il mondo è enorme ed è stato progettato in modo tale che tu voglia esplorarlo, facendo a pezzi e scoprendo i misteri che si nascondono sulla superficie del pianeta. La colonna sonora aiuta anche questo, e offre una tracklist di fantascienza atmosferica che ti fa immergere nel mondo e nel viaggio di Mei. E anche gli stessi Jett sono davvero divertenti da pilotare. Hanno un sacco di meccanismi diversi a loro disposizione che ti permettono di planare, rotolare e saltare intorno al pianeta, e i gadget di cui sono dotati (uno strumento di analisi e un rampino per esempio), ti permettono di iniziare a smontare l'ecosistema, rivelando la vera natura di questo mitico mondo oceanico.

Eppure, anche con questi aspetti positivi in mente, non mi sento allettato o entusiasta di tornare a Jett: The Far Shore. Il titolo è semplicemente troppo lento e insolito per sembrare coinvolgente, il che non è come dovrebbe essere un videogioco. Certo, Superbrothers ha creato un gioco raffinato e unico, ma non posso raccomandare di scommetterci sopra, dato che ci sono titoli molto più interessanti e avvincenti in circolazione che vale la pena provare.

Jett: The Far Shore
Jett: The Far Shore
Jett: The Far Shore
05 Gamereactor Italia
5 / 10
+
Il Jett è fantastico da pilotare quando ti è effettivamente permesso di volare liberamente. Le immagini sono piuttosto impressionanti. La colonna sonora è ricca di atmosfera e si adatta all'esperienza.
-
Il ritmo è troppo lento. Il design è così strano che a volte scoraggia. La trama non è coinvolgente.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto