Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
recensioni
Lara Croft GO

Lara Croft GO

Quando la nostra serie adventure preferita diventa un gioco strategico.

  • Testo: Gillen McAllister
Skip

I titoli classici della serie con protagonista Lara Croft sono stati relegati a giochi arcade digitali, da quando la serie ha assistito ad un reboot con il lancio della nuova generazione di console, ed è probabile che questo sia anche l'ultimo posto in cui i fan vecchia scuola del franchise possono continuare ad avere l'illusione di andare a caccia di tombe e affrontare avversari mitici. Seppur di fatto sia un puzzle game a turni, Lara Croft GO è quello che tra tutti più si avvicina alla purezza dei giochi originali. Anche se al posto del combattimento si fa spazio la componente strategica.

Come avvenuto con il loro ultimo progetto, Hitman GO, Square-Enix Montreal ha deciso di reinterpretare il marchio Tomb Raider partendo da una prospettiva isometrica - simile a quanto visto con Il Guardiano della Luce e Il Tempio di Osiride - e i movimenti di Lara sono mappati direttamente sull'ambiente circostante. Basta semplicemente far scorrere il dito in una direzione e se il percorso è libero, Lara si sposterà in quel punto.

Non dovremo lanciare dadi, gli ambienti sono caratterizzati da affascinanti templi, giungle, ma tutto ha quel tocco imprescindibile da gioco da tavolo, che permette all'esperienza di funzionare a meraviglia. Troveremo anche delle pietre che rotoleranno di un passo non appena ne faremo uno, o nemici che pattugliano percorsi stabiliti con lo stesso movimento costante rispetto al nostro. Nel momento in cui verremo notati da alcuni nemici, questi inizieranno a seguirvi, muovendosi allo stesso modo di un passo non appena anche noi ne farete uno.

Per ciò che riguarda la curva di apprendimento, possiamo dire che quest'ultima si rivela davvero molto immediata, in quanto gli sviluppatori introducono con gradualità le nozioni base del gioco, offrendoci una stanza o due per provare ogni volta queste nuove aggiunte, come nemici o parti di puzzle. E per "stanza", intendiamo quella parte del livello presente in quel momento sullo schermo. Per la maggior parte del tempo, lo studio fa in modo che gli interruttori e i potenziali pericoli siano sempre ben visibili, in modo da poter pianificare un possibile percorso - se raggiungiamo un dato interruttore per primi, è possibile che riusciamo a mettere in trappola il nemico che ci sta seguendo, ad esempio. Naturalmente, come spesso accade in queste situazioni, è più facile a dirsi che a farsi, dunque è molto probabile che dovremo fare più di un tentativo prima di riuscirci. Grazie ad un rapido riavvio, si riparte dall'inizio della stanza senza che si ricada nel classico vortice, talvolta frustrante, del trial-and-error. La curva di apprendimento, come dicevamo, è immediata, anche se, non appena andremo un po' più in profondità, le cose si faranno leggermente più complesse. Non c'è nessun timer che vi obbliga a fare le cose in fretta e furia, ma anzi avete davanti a voi tutto il tempo per contemplare e decidere la prossima mossa.

Lara Croft GO

Per quanto riguarda la presentazione grafica del gioco, non possiamo che esserne soddisfatti. Lo stile è morbido, in stile acquerello, che lascia ancora più a bocca aperta, se si pensa che si tratta di un titolo che stiamo giocando sullo schermo di un dispositivo mobile. Raramente viene usata la musica, ma quelle poche volte in cui c'è, marca in modo efficace i momenti più importanti dell'azione, dimostrando quanto possa essere interessante l'uso di una buona colonna sonora quando usata con moderazione. Quando è stata l'ultima volta che avete avuto i brividi ad entrare in un tempio fatiscente in un gioco di avventura? Lara Croft GO riesce a catturare perfettamente quei momenti, e per il resto c'è una colonna sonora ambient, che serve sostanzialmente ad aumentare il senso di isolamento. Vi sentirete davvero persi e soli nelle viscere della Terra.

I collectible sono ben nascosti in vasi disseminati per l'ambiente di gioco che, una volta aperti, svelano i loro segreti. Questi si fanno sempre più nascosti a mano a mano che si procede nel gioco, tra le grotte e le cascate presenti in background, anche se una spia luminosa sopra di loro permette comunque di individuarli. Si tratta di un sistema semplice, ma molto gratificante.

Lara Croft GO è un gioco che senza dubbio non possiamo che raccomandare sia agli appassionati di puzzle sia ai fan di Lara Croft. Abbiamo giocato su un iPhone 6, quindi non possiamo dirvi quali siano le sue prestazioni su altri dispositivi, ma il gioco ci ha consumato quasi metà della batteria, visto che ci abbiamo giocato praticamente tutto il giorno. Ma è il tipo di gioco per cui vale la pena avere nella borsa o nello zaino una batteria di scorta.

Skip
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Meccaniche puzzle interessanti: Grafica eccezionale.
-
Alcuni vestiti vanno acquistati separatamente.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi