LIVE
HQ
logo hd live | MultiVersus
See in hd icon

Chat

X
      😁 😂 😃 😄 😅 😆 😇 😈 😉 😊 😋 😌 😍 😏 😐 😑 😒 😓 😔 😕 😖 😗 😘 😙 😚 😛 😜 😝 😞 😟 😠 😡 😢 😣 😤 😥 😦 😧 😨 😩 😪 😫 😬 😭 😮 😯 😰 😱 😲 😳 😴 😵 😶 😷 😸 😹 😺 😻 😼 😽 😾 😿 🙀 🙁 🙂 🙃 🙄
      Italiano
      Gamereactor
      recensioni
      Lorelei and the Laser Eyes

      Lorelei and the Laser Eyes

      L'ultima uscita di Simogo è di gran lunga il loro gioco più ambizioso e un classico istantaneo nel genere puzzle.

      HQ

      Nelle ultime due settimane, il mio cervello è stato oggetto di una vera e propria acquisizione. Guardando indietro, ci sono stati momenti in cui sono stato praticamente ossessionato. Anche durante innocenti giri di shopping, i numeri romani, le antiche lettere greche, il ciclo lunare del 1847, l'astrologia e cose ancora più misteriose hanno messo in sovraccarico le mie facoltà cognitive e hanno fatto del loro meglio per aprire il mio terzo occhio.

      Questa acquisizione è in parte avvenuta in base alla progettazione. Lorelei and the Laser Eyes è un vero e proprio buffet quando si tratta di design di puzzle. Come spesso accade con il genere, gli enigmi del gioco si muovono all'interno di un'area specifica. In questo caso, è la tua capacità di trovare un significato e delle connessioni tra testo, numeri e simboli per aprire le serrature - fisiche e metaforiche - che si frappongono tra te e la verità. Ma mentre giochi come Return of Obra Dinn o The Witness mantengono una stretta attenzione, l'ultimo gioco di Simogo, e di gran lunga il più ambizioso, va in una direzione diversa e più colorata. Proprio quando ti sei abituato a un ritmo di rimandi incrociati, analizzando opere d'arte astratte e trovando modelli in poster strappati, il gioco cambia personaggio e ti chiede di navigare in misteriosi labirinti. È davvero enigmatico.

      Lorelei and the Laser Eyes
      Annuncio pubblicitario:

      Tuttavia, il motivo risiede anche nel mondo e nella storia affascinanti del gioco, che più e più volte mi hanno fatto superare gli enigmi impegnativi e accettare i periodi in cui ero bloccato perché la curiosità di scoprire in che direzione sarebbe andata la storia era così grande.

      Lorelei and the Laser Eyes è anche una testimonianza del fascino dei piccoli mondi. Il gioco è essenzialmente un piccolo mondo aperto incentrato sul misterioso Hotel Letztes Jahr, la cui architettura labirintica e l'arredamento eccentrico ricordano Resident Evil Spencer Mansion. Poiché il mondo ha un'area limitata, consente al giocatore di conoscere intimamente i suoi numerosi angoli e fessure, creando una forte connessione con il mondo digitale. Questo hotel è anche, sia dal punto di vista narrativo che meccanico, una vera e propria scatola di puzzle in cui ci si addentra sempre più a fondo.

      E chi siete "voi" in questa equazione? La risposta a questa domanda è inizialmente anche un indovinello, la cui risposta non rivelerò qui. All'arrivo a Hotel Letztes Jahr, vieni semplicemente chiamato 'Signorina' dal misterioso regista Renzo Nero, che ti ha invitato a partecipare alla sua opera magna. Inizialmente, questa partecipazione si presenta sotto forma di un personaggio di un gioco in cui presenta apertamente varie sfide a una giovane donna, ma presto sorgono dubbi sulla natura del gioco e su chi ha il controllo. Parallelamente, la storia a dir poco movimentata dell'hotel si dipana e si intreccia con il presente e il futuro. Inizialmente ero un po' preoccupato che la storia si sarebbe rivelata un esercizio intellettuale con i personaggi del gioco ridotti a pezzi degli scacchi glorificati, ma man mano che la storia progrediva, i personaggi e le emozioni sono diventati più evidenti, anche se il gioco parla ancora più al cervello che al cuore.

      Se questo suona pomposo, è perché per molti versi lo è, e questa impressione è solo rafforzata dall'estetica monocromatica, ma per fortuna Simogo è abile nel punzecchiare l'intera faccenda con umorismo e autoconsapevolezza, evitando che il gioco cada nella trappola dell'autoparodia. E meccanicamente, Lorelei and the Laser Eyes sarà effettivamente un personaggio riconoscibile per quelli di voi la cui storia di gioco risale agli anni '90. Se immaginate l'originale Resident Evil senza la gestione dell'inventario e tutti i non morti, avete un'idea molto precisa di cosa significhi giocare a Lorelei and the Laser Eyes. Da angolazioni fisse, esplori l'hotel e cerchi di trovare oggetti che possano aiutarti a sbloccare sempre di più l'hotel in modo da poter andare a fondo del gioco, del lavoro o di qualsiasi altra cosa di Renzo Nero.

      Annuncio pubblicitario:

      Tuttavia, questa descrizione con i piedi per terra non rende giustizia alla natura estremamente avvincente del gioco. Le immagini da sole, con il loro stile low poly ben definito, in cui il forte uso del rosso rompe l'estetica altrimenti per lo più monocromatica, sono una vera delizia. E la musica di sottofondo jazz fa da contrappunto all'inquietante inquietudine suggerita dallo scricchiolio dell'hotel. Come suggerisce la mancanza di nemici, non è un vero gioco horror - pensate a un film come la storia di fantasmi di Guillermo del Toro The Devil's Backbone - ma prende in prestito liberamente dal genere, e l'assenza di pericoli e jump scares non fa che rafforzare il senso di isolamento e disagio che il gioco costruisce pazientemente. Uno degli altri capolavori di Simogo è il modo in cui intrecciano tradizione e gameplay. Lo sviluppatore svedese riesce a costruire un mondo ricco attraverso libri, articoli di giornale, prototipi di giochi, installazioni artistiche e altro ancora, integrando tutte queste informazioni negli enigmi del gioco. Ogni informazione è sia una lettura interessante in sé che un potenziale indizio per il prossimo enigma infernale, e quindi le ho lette con grande attenzione, il che non ha fatto altro che aumentare la mia immersione nell'universo del gioco.

      Lorelei and the Laser Eyes

      Uno dei principali punti focali del gioco è il mondo dell'arte. Una scelta pericolosa sotto molti punti di vista. Perché quando gli sviluppatori si accingono a costruire industrie fittizie, di solito finiscono con rappresentazioni inaffidabili che prendono le distanze dal gioco e dal suo mondo. Ciò rende ancora più impressionante il fatto che Simogo riesca effettivamente a presentare molti dei personaggi come artisti pienamente realizzati attraverso le loro opere d'arte, che a loro volta svolgono un doppio ruolo come ingredienti nel design del puzzle. La serie di installazioni di Lorelei Weiss, in particolare, è stata un piacere da risolvere con le sue descrizioni testuali di accompagnamento, che si riferiscono ai testi elevati trovati in vari musei d'arte e allo stesso tempo forniscono chiari suggerimenti su come affrontare l'opera per risolvere l'enigma associato.

      Trovare un significato e una sistematizzazione nell'arte astratta in questo modo mi ha dato un senso inebriante di percezione. Una sensazione che è comune alla maggior parte dei puzzle. C'è qualcosa di letterario e di alto livello nell'attenzione di Lorelei and the Laser Eyes ' per l'arte, il linguaggio strobogrammatico, il greco antico e i manoscritti che devo confessare che il mio snob interiore trova incredibilmente attraente come struttura per la progettazione di puzzle. Se dovessi lasciar andare il mio entusiasmo per un momento e indossare i miei occhiali critici, alcuni degli enigmi del gioco sono un po' troppo criptici e contorti per i miei gusti (o forse piuttosto per la mia intelligenza), ma per lo più è stato solo un piacere scarabocchiare sul mio taccuino e mettere la mia capacità mentale al lavoro a tutta velocità.

      Lorelei and the Laser Eyes, tuttavia, non si accontenta di rimanere all'interno di questa soddisfacente formula di base. Il gioco presenta oscuri prototipi di giochi in stile anni '90, giochi arcade fotogenici degli anni '80 basati sui precedenti titoli di Simogo e due diversi labirinti in cui la navigazione diventa improvvisamente al centro della scena. In questo modo, Simogo gioca sia con il genere che con il passato del medium di gioco, ancora una volta, proprio come fa la narrazione.

      È questo intreccio di gameplay e narrazione che è la qualità migliore e più ben eseguita di Lorelei and the Laser Eyes '. Ma su tutta la linea, il gioco merita di essere celebrato. Con la sua interpretazione letteraria del genere puzzle, le soluzioni a volte oscure e la libertà travolgente che può rendere difficile sapere se si hanno le informazioni per risolvere un determinato puzzle, il gioco di Simogo potrebbe essere scoraggiante per alcuni. Ma se sei il tipo che si diverte a dare un senso a testi, numeri e simboli per rimuovere gli strati di una storia labirintica che sa in parti uguali di Hitchcock e Lynch, ci sono pochi posti migliori per trovare la tua strada di Hotel Letztes Jahr. Lorelei and the Laser Eyes è un'esperienza esteticamente piacevole, cognitivamente stimolante e narrativamente stimolante di quelle che raramente riusciamo a godere, e già mi manca l'ossessione di svelarne tutti i segreti.

      09 Gamereactor Italia
      9 / 10
      +
      Design di puzzle vario e di alta qualità che gioca magnificamente con la storia avvincente. Estetica nitida. Gioca con il genere e il mezzo.
      -
      La soluzione di alcuni enigmi diventa troppo oscura e inizialmente può sembrare confusa.
      overall score
      Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

      Testi correlati

      0
      Lorelei and the Laser Eyes Score

      Lorelei and the Laser Eyes

      RECENSIONE. Scritto da Ketil Skotte

      L'ultima uscita di Simogo è di gran lunga il loro gioco più ambizioso e un classico istantaneo nel genere puzzle.



      Caricamento del prossimo contenuto