Italiano
Gamereactor
recensioni
Monday Night Combat

Monday Night Combat

Un'arena, tanti omaccioni pieni di steroidi, una mascotte e tanti robot da fare a pezzi. Ecco lo sport del futuro: Monday Night Combat.

HQ

Ve lo ricordate L'Implacabile? E Rollerball? Filmacci di venti o trenta anni fa, entrambi con protagonista un gioco allucinante, sadico, drammatico ma spassoso. Monday Night Combat fa lo stesso, senza però il sadismo e il dramma dei vecchi film.

Nel futuro gli sport diventano più movimentati, questo è certo, tant'è che Monday Night Combat pone il suo nucleo attorno alla nobile arte di fare a pezzi robot armati fino ai denti. Nel gioco si entra in un'arena, nella quale continue orde di robot attentano all'integrità di un'enorme palla da difendere, denominata Soldisfera. Per farlo si devono massacrare i vari robot facendo uso di armi, tecniche e costruendo torrette difensive. I robot sono di diverse classi - robot d'attacco, robot di difesa, robot di disturbo, eccetera - e il giocatore non deve fare altro che evitare il loro avvicinamento al centro dell'arena, difendendola spesso su più fronti. Una specie di Defend Your Castle in versione 3D, pompato e steroideo.

Monday Night Combat

Nel gioco è possibile selezionare diverse classi di gioco, un po' come avviene nel classico Team Fortress 2: prima di iniziare ogni turno il giocatore sceglie che tipo di personaggio interpretare, scegliendo tra Assalto, Carro Armato, Artigliere, Assassino, Cecchino e Supporto. Ognuno di questi personaggi ha caratteristiche e abilità estremamente diverse dagli altri, determinando radicali cambiamenti nel gameplay. Un Assassino, ad esempio, è pensato per rapide incursioni oltre le linee nemiche, per attacchi e fughe rapidissime, per un gioco fatto di azioni molto rapide. Un Carro Armato, al contrario, obbliga il giocatore a movimenti lenti, impacciati, ma gli consente violente piogge di fuoco. Insomma: le sei classi garantiscono grande varietà nel gameplay e non c'è certo il rischio di stufarsi. Naturalmente si sviluppa ben presto una preferenza per una determinata classe, la quale verosimilmente tendiamo a scegliere con più frequenza.

Annuncio pubblicitario:

Il gioco in modalità single player prevede la difesa della Soldisfera da continue orde di robot. In altre parole, il gioco è monotono, stantio e forse fin troppo facile. Certo, nel gioco qualunque azione - dalla costruzione delle torrette all'attivazione di piattaforme di lancio fino al miglioramento delle proprie abilità - si paga con del denaro, acquisibile uccidendo nemici. Ma la dinamica "strategica" non è poi così forte. Ottime invece le digressioni generate dagli sponsor assurdi che si alternano sullo schermo, nonché da una sorta di bonus sottoforma di mascotte del gioco (una specie di Minchione di Capital City, chi conosce i Simpson capirà certamente di cosa sto parlando).

Fortunatamente Monday Night Combat non è un gioco dedicato al single player: accompagnandosi con un amico on-line ecco trasformare l'esperienza in qualcosa di molto appassionanti. Si possono studiare le tattiche a vicenda e lanciarsi contro quaranta orde di robot pronte ad attaccare su quattro diversi fronti: un vero delirio che dà il meglio di sé se accompagnato da un buon microfono per scambiarsi consigli (e ingiurie). Purtroppo lo stesso non si può dire della modalità Xbox Live con giocatori casuali, i quali tendono in maniera più o meno naturale a farsi i cavoli propri, rovinando il gusto dell'esperienza cooperativa. Questa non è certo una colpa del gioco, tuttavia gli sviluppatori avrebbero potuto fare di meglio per obbligare i giocatori alla vera cooperazione, magari innalzando il livello di difficoltà.

Le cose cambiano ulteriormente nella modalità competitiva, nella quale due squadre si dedicano alla distruzione della Soldisfera altri. Per farlo, però, è necessario scortare le proprie orde di robots fino al campo avversario, oltrepassando le difese, sconfiggendo gli altri giocatori in un deathmatch e al contempo evitando che i bot avversari raggiungano la propria metacampo. In altre parole, un delirio. Durante le sessioni di gioco capita spesso di trovarsi nel bel mezzo di fuochi incrociati semplicemente impossibili da gestire: torrette che sparano ai bot, bot che sparano ad altri bot, giocatori che sparano ad altri giocatori, bot che sparano ai giocatori, giocatori che difendono bot... pur essendoci anche solo 8 o 10 giocatori sul campo, la sensazione è di trovarsi nel bel mezzo di un campo di battaglia, con morti continue, pericoli dietro ad ogni angolo.

Annuncio pubblicitario:

In questo senso è opportuno sia imparare a conoscere la propria classe che imparare a valutare la situazione sul campo, capendo al volo quale sia la classe necessaria per aiutare al meglio la propria squadra. Il gioco dà infatti la possibilità di selezionare una nuova classe dopo ogni morte, anche se così facendo è necessario ricominciare ad acquisire i bonus per ottimizzare il proprio giocatore. Il denaro qui è molto più raro, e va dunque speso con parsimonia. In particolare, grazie al denaro si possono costruire nuovi bot da inviare oltre le linee nemiche, il cui tipo varia a seconda del personaggio che ne richiede la costruzione.

Tutto è dunque molto ben bilanciato, assolutamente frenetico e in grado di fornire un mix perfetto di strategia e azione, pur mantenendo l'ago della bilancia vistosamente pendente verso l'action. Unica pecca le mappe di gioco, davvero troppo poche e troppo poco variegate. Spesso si ha la sensazione di giocare sempre nella stessa mappa, una lacuna che - ci auguriamo - possa essere colmata con qualche upgrade scaricabile.

In ogni caso Monday Night Combat è un titolo XBLA il cui prezzo vale certamente l'acquisto. Se siete amanti dei giochi d'azione online e, al contempo, avete nel sangue la capacità di mettere in atto strategie in tempo reale, questo gioco fa decisamente per voi. Il rapporto qualità/prezzo è ottimo e lo spasso garantito. A prova di Jackbot.

08 Gamereactor Italia
8 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Monday Night CombatScore

Monday Night Combat

RECENSIONE. Scritto da Lorenzo Mosna

Un'arena, tanti omaccioni pieni di steroidi, tanti robot da fare a pezzi e una mascotte. Ecco lo sport televisivo del futuro: Monday Night Combat!



Caricamento del prossimo contenuto