Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
One Piece: Burning Blood

One Piece: Burning Blood

Dopo aver passato anni ad aspettare un picchiaduro a tema One Piece, arriva Burning Blood. E' all'altezza di Naruto e Dragon Ball?

  • Sergio Figueroa y Manuel ÁlvarezSergio Figueroa y Manuel Álvarez

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Con Rufy e i suoi pirati abbiamo già combattuto in quasi tutti i modi possibili. Bandai Namco è passato negli anni di sviluppatore in sviluppatore per il franchise di One Piece, riuscendo sempre a raccontare la stessa storia più e più volte, senza tuttavia annoiarsi e annoiarci. Questa volta è toccato a Spike Chunsoft, che ha offerto una nuova variante del gioco: un picchiaduro in 3D, un formato che sta ottenendo grande successo, soprattutto con i franchise dedicati a manga e anime.

Questa versione ha molti assi nella manica per riuscire a funzionare, grazie anche al gigantesco roster di personaggi e l'impareggiabile varietà di tecniche che ne derivano. One Piece racconta la storia di un giovane che ha deciso di solcare le onde per diventare il Re dei Pirati in un mondo in cui ci sono un sacco di persone dotate di poteri speciali, grazie ai cosiddetti Frutti del Diavolo. Dopo 10 anni di esistenza sul mercato, sicuramente i contenuti disponibili non mancano.

Cominciamo con la prima cosa che ci mostra il gioco, ossia la modalità Guerra Suprema. Probabilmente siamo di fronte al più grande fallimento di One Piece: Burning Blood, la sua modalità storia. In essa riviviamo l'arco della battaglia di Marineford, una delle più importanti della serie, ma non sembra eccezionale per un gioco basato su uno dei manga/anima più persistenti e longevi. Oltre a questo, ripercorriamo questa storia attraverso quattro dei personaggi principali (Rufy, Barbabianca, Akainu e Ace), un aspetto che rende molte delle battaglie ridondanti, in quanto cambia solo il personaggio che impersoniamo.

La presentazione è estremamente semplice, con una mappa altrettanto semplice, ma almeno ci sono alcune sequenze d'intermezzo che sono state ben ricreate e animate con le voci originali, che ci permettono di andare indietro nel tempo e ricordare cosa è accaduto nella grande battaglia tra pirati e Marina. Ci sono anche battaglie opzionali che ci permettono di prendere il controllo di altri personaggi.

One Piece: Burning Blood

Per fortuna, il gioco offre modalità che estendono la longevità del titolo e sono decisamente più invitanti. Come la modalità Bandiera Pirata, una modalità cooperativa online dove sceglieremo una squadra e combatteremo sulla mappa del mondo di One Piece in battaglie online o contro l'intelligenza artificiale per recuperare i territori della nostra fazione. C'è anche la modalità Battaglia Libera, in cui affronteremo la IA con rivali pre-fissati e affronteremo delle sfide. Insomma, avremo davvero parecchie modalità, online e offline, con cui divertirci.

Durante la modalità storia otterremo i personaggi che partecipano alla battaglia di Marineford, oltre alle versioni più recenti dei Mugiwara che vengono sbloccate all'inizio. E con i soldi ottenuti dopo ogni battaglia, si possono acquistare i personaggi più noti della serie, fino ad un totale di 42 personaggi tra pirati, marines e vari. Può sembrare un numero abbastanza limitato di personaggi, data la quantità enorme di personaggi che appaiono nella serie, ma per essere una prima ondata, diremmo che è già un buon inizio. Inoltre, avremo 65 personaggi di supporto che potremo selezionare per aiutarci a combattere. Potremo conferire loro piccoli bonus (migliorare le qualità, la salute, effetti negativi sul rivale, ecc ...), ma questi in realtà non appariranno sul campo di battaglia. Sia i personaggi principali sia quelli di supporto hanno un costo in punti, quindi nelle battaglie contro altri giocatori o modalità libere avremo dei limiti sulla possibilità di utilizzarli.

One Piece: Burning Blood è dotato di un sistema di combattimento simile ad altri giochi del genere, basato su diverse combo semplici, abilità speciali per ciascun personaggio e altre qualità che permettono loro di riempire la barra speciale. E' un'esperienza piuttosto bilanciata e richiede una maggiore abilità mano a mano che si procede, un aspetto che farà certamente la gioia degli esperti dei giochi picchiaduro. La tattica di base è quella di combinare gli attacchi semplici con attacchi speciali di ricarica rapida e l'abilità di schivata, anche se quest'ultima non è facilissima vista la configurazione un po' confusa dei pulsanti. E' richiesta un sacco di velocità e praticamente nessuna pausa per ripensare le strategie.

One Piece: Burning BloodOne Piece: Burning BloodOne Piece: Burning Blood
One Piece: Burning BloodOne Piece: Burning Blood

A questa formula si aggiunge una componente Tag che ci permette di selezionare 3 personaggi e passare da uno all'altro durante il combattimento, oltre ad aggiungere alcune trasformazioni molto divertenti che cambiano il modo di combattere radicalmente. Avremo personaggi da breve distanza e lunga distanza così come quelli che usano i Frutti del Diavolo, maestri Haki, spadaccini e cyborg; tutti hanno una propria identità meccanica e offrono una certa varietà al gioco.

Una delle cose che maggiormente spicca nel combattimento è l'importanza data ai poteri dei Frutti del Diavolo Logia, in quanto coloro che li usano possono evitare di essere colpito. Questa capacità viene neutralizzata dagli attacchi Haki e dagli attacchi speciali, il che offre ai personaggi con queste competenze uno stile di gioco caratteristico.

A livello grafico, il gioco è una vera e propria delizia. Spike Chunsfot ha portato lo stile cel-shading ad un livello inimmaginabile e con dettagli come le ombre che danno al gioco un aspetto che si avvicina molto allo stile anime della serie. In particolare, le sequenze di intermezzo e le animazioni sono davvero spettacolari, e realizzare con una tecnica senza precedenti.

One Piece: Burning Blood è un titolo picchiaduro divertente, con un gameplay estremamente rapido, in grado di soddisfare anche gli appassionati della serie, nonostante la debolezza della sua campagna. In termini di contenuti, non raggiunge i livelli di titoli come Naruto Ninja Storm 4 o Dragon Ball Xenoverse, ma offre un sistema di combattimento molto buono e i personaggi offrono davvero grande varietà. Sia i fan della serie sia i fan del genere picchiaduro avranno qui pane per i loro denti, senza dubbio.

One Piece: Burning BloodOne Piece: Burning BloodOne Piece: Burning Blood
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Animazioni, cutscene e aspetto generale; I controlli molto interessanti; Tante modalità.
-
Modalità storia ripetitiva; Poca ricchezza in termini di personaggi; Pensato principalmente per i fan.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi