LIVE

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Live broadcast
Pubblicità
logo hd live | Saints Row: The Third Remastered
Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Ori and the Will of the Wisps

Ori and the Will of the Wisps

Torna l'amato spiritello Ori in un'avventura incantevole, ma poco coraggiosa rispetto al gioco originale.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

"Questa recensione è stata scritta prima che fosse disponibile una patch day-one, ma abbiamo deciso di pubblicare questo testo perché i problemi tecnici, sebbene prevalenti, non sono decisivi al punto da influire sul voto finale. Sai bene che per ricontrollare se i bug che abbiamo riscontrato durante il nostro primo play through fossero presenti dopo il lancio della patch, avremmo dovuto riprodurre l'intero gioco da zero, il che semplicemente non era fattibile date le circostanze".

In genere, esistono due modi per mandare avanti una storia. In un primo caso, come nella trilogia di Mass Effect, i capitoli successivi sono programmati sin dall'inizio, con script che si estende su migliaia di pagine. Altri, come The Last of Us, Final Fantasy X o Life is Strange, che hanno dato seguito in modo spontaneo ai loro sequel, e questo solo grazie al successo ottenuto dall'originale. Dopo esserti trovato con una gallina dalle uova d'oro tra le mani, sembra ragionevole che Microsoft e Moon Studios abbiano voluto scommettere su un franchise di successo anziché rischiare di ricominciare con uno nuovo. Ironia della sorte, ciò conduce spesso all'effetto opposto di quello desiderato: può essere abbastanza difficile portare avanti una storia che è già conclusa. Anche se quel finale offre possibilità di apertura ad altro, alla fine mette un punto alla trama. Non c'è bisogno di scarabocchiarci sopra o trasformarlo in una virgola, perché quel punto è stato messo lì per dare al gioco un finale perfetto.

Puoi già intuire a quale categoria appartenga Ori and the Will of the Wisps. Il primo è stato un gioco bellissimo, meraviglioso e sorprendentemente stimolante. Solo attraverso il gameplay, è riuscito a raccontare la storia di un piccolo spirito della foresta che combatte le avversità della natura. Il primo viaggio di Ori, sfuiggito alle grinfie del malvagio gufo Kuro e cercando di ridare vita alla foresta, ha lasciato un segno significativo nella recente storia dei videogiochi. E questo perché questa affascinante creatura bianca come la neve è riuscita a salvare non solo la sua patria morente, ma anche l'intero genere metroidvania. Il suo successo ha scatenato una nuova ondata di titoli di genere, tra cui giochi del calibro di Hollow Knight e Dead Cells.

Ora, a cinque anni di distanza dalla prima avventura, abbiamo avuto occasione di ottenere il sequel che meritava. E per quanto Hollow Knight abbia tratto ispirazione da Ori and the Blind Forest, la nuova avventura di Ori sembra essere l'erede di Hollow Knight.

Ori and the Will of the Wisps

È certamente un'esperienza intrigante osservare come la storia sia tornata al punto di partenza, facendo sì che entrambi i titoli si ispirino in modo reciproco, ma non è sufficiente per garantire che questo sequel lasci un segno forte nella memoria. Non puoi ripetere il successo dell'originale semplicemente copiando tutto ciò che funzionava. Su Ori and the Will of the Wisp si profila un'ombra; un'ombra cui il gioco semplicemente non può sfuggire, anche se ci prova con tutte le sue forze.

Inizialmente, sembra che Moon Studios abbia voluto realizzare un sequel in un formato simile a quello che Bioware ha fatto con Mass Effect: recuperando dal suo predecessore le solide basi per poi creare qualcosa di completamente nuovo. Durante la sua prima ora, Ori è caratterizzato da una formula visibilmente alterata - proprio come Hollow Knight, è stato più elaborato. Anziché servirsi di una trama semplice guidata dal gameplay, racconta la sua storia attraverso lunghe e dettagliate cutscene. Sembra più quasi un RPG in quanto introduce gli NPC con cui Ori può interagire e completare le quest. Aggiunge sfide, una modalità gara, oltre a un sacco di nuove attività come consentire di acquistare e migliorare nuove abilità e persino sviluppare il proprio insediamento. A differenza del gioco precedente, ha una funzione di salvataggio automatico, ma non lasciarti ingannare dal senso di sicurezza: Ori and the Will of the Wisps è significativamente più difficile del suo predecessore. Anche il primo boss in difficoltà normale richiede diversi tentativi prima di riuscire ad abbatterlo (e un'incredibile pazienza e autocontrollo, se si vuole evitare di lanciare il controller contro il muro).

Con tutte queste nuove funzionalità, sembra che sia abbia tra le mani un sequel soddisfacente, a tutti gli effetti - e tuttavia in aspetti chiave, è ancora lo stesso vecchio Ori. In effetti, se giocassi a Will of the Wisps subito dopo la fine di Blind Forest, probabilmente ti annoieresti a morte.

Ori and the Will of the WispsOri and the Will of the WispsOri and the Will of the Wisps

A prima vista, Ori and the Will of the Wisps sembra avere un'atmosfera molto più leggera del suo predecessore, ma questa è stata solo una prima impressione superficiale. Il giocatore viene accolto con una lunga sequenza che presenta la vita quotidiana di Ori e degli amici che ha incontrato nel primo gioco: Gumo, Naru e la civetta Ku. Gli eventi del primo gioco si ripercuotono con tutte le loro conseguenze: la piccola ala di Ku gli impedisce di volare e quindi la sua famiglia adottiva sta cercando di trovare un modo per aiutarla a volare nei cieli. Alla fine, assistiamo a un toccante momento di gioia mentre gli amici partono per il primo vero volo di Ku. Questo, tuttavia, non finisce bene e i nostri eroi, essendosi separati l'uno dall'altro e lontani da casa, devono trovare un modo per tornare alla sicurezza del loro nido.

Ma una volta che siamo più nella profondità nei boschi - questa volta letteralmente - ci siamo resi conto che questa terra, proprio come la patria di Ori Nibel, è assediata da un misterioso male.

Ora, se c'è una cosa che NON ci aspettavamo che ci deludesse in Ori è la musica e la grafica del gioco. Tuttavia, è difficile non pensare che Will of the Wisps sia molto meno vibrante e diversificato rispetto al suo predecessore. La maggior parte dei luoghi si fonde in uno e non ci sono neanche aree memorabili, anche se non mancano alcune eccezioni, come Mouldwood Depths o Luma Pools - se non fosse per il level design esemplare, probabilmente ci saremmo persi in esse.

Sfortunatamente, non migliora il fatto che molti elementi sono stati copiati direttamente da Blind Forest e dalla sua formula abusata. Attraversando Niwen incontriamo gli stessi nemici noti, sbloccando le abilità che abbiamo usato migliaia di volte in passato, evitiamo punte e spine minacciosi e persino gli stessi laghi e fiumi avvelenati, ben consapevoli delle località sottomarine che esploreremo liberamente in dettaglio una volta che sono stati purificati. Non è che a Will of the Wisps manchi di innovazione - al contrario, gli elementi da gioco di ruolo espandono le possibilità e gli danno un nuovo stile - ma sembra che Moon Studios non abbia sfruttato appieno il suo potenziale.

Ori and the Will of the WispsOri and the Will of the WispsOri and the Will of the Wisps

Ma detto ciò, è comunque un gioco piacevole e stimolante - e quando sbagli sei comunque incoraggiato a fare un nuovo tentativo. Oltre a una serie di vecchie abilità, ne abbiamo anche molte altre di nuove e piccoli cristalli raccolti lungo la strada ci consentono di espandere ulteriormente la loro utilità. Le abilità attive si trovano nel menu radiale (a tre di esse possono essere assegnate scorciatoie se stai giocando su PC), mentre le abilità passive vengono messe in posti speciali nell'inventario, il cui numero può essere espanso nel tempo. Questo aspetto rende Will of the Wisps molto più personalizzabile - e più divertente - e meno passivo quando si tratta di lottare con i nemici.

L'introduzione degli NPC espande la lore del gioco e sono così carini che è impossibile non trovarli simpatici, anche se spesso sono solo un gruppo di archetipi della cultura pop. Ogni razza comunica con Ori in un modo diverso, ognuno conduce uno stile di vita diverso, ma hanno una cosa che li unisce: una malattia sinistra che sta devastando la loro terra. Essendo la creatura dal cuore puro qual è, Ori li aiuta in ogni modo possibile; porta loro gli oggetti necessari, trova membri della famiglia scomparsi, ricostruisce il villaggio grazie ai minerali che raccoglie o pianta semi trovati in posizioni distanti sulla mappa.

Si potrebbe dire che Ori and the Will of the Wisps soffra della sindrome di Skyrim: il suo contenuto secondario offre trame complesse, colpi di scena sorprendenti che avvengono molto più spesso di quanto non facciano nella quest principale. Alla fine, sono chiaramente superiori rispetto alla trama principale e risultano molto più elaborati e intriganti.

Ori and the Will of the WispsOri and the Will of the Wisps

A proposito della storia principale, assomiglia a Blind Forest fino al midollo. Moon Studios sembra troppo ansioso di ricreare quei momenti che hanno funzionato così bene nel primo gioco, con una fuga da una montagna infuocata, sequenze stealth con un antagonista con occhi maliziosi e abbaglianti e il salvataggio di un amico morente. Ogni scena significativa era già presente nel primo gioco e ciò riduce significativamente il valore di questo sequel, che non cerca di essere una nuova puntata e ma rimette in dubbio alcune idee che si sono rivelate vincenti nel suo predecessore.

Forse il nostro divertimento è stato anche disturbato da alcuni fastidiosi bug che hanno ostacolato efficacemente l'esperienza stessa. Anche se magari questo problema è limitato alla versione pre-lancio che abbiamo giocato (ci sarà una patch al day one), il gioco si è bloccato diverse volte (ci siamo persino bloccati nel menu principale). Abbiamo riscontrato anomalie, texture mancanti e abbiamo visto cose levitare; in molte location, il numero di fotogrammi al secondo sembrava scendere a 20. Detto questo, la cosa più esasperante è il sistema di salvataggio automatico rotto; dopo ogni morte, non importa quando accadesse, caricava un particolare salvataggio e perdeva progressi - almeno fino a quando non ripristiniamo la console. Speriamo che i successivi aggiornamenti aiuteranno a correggere questi bug, ma dobbiamo dire che questi problemi hanno lasciato un retrogusto amaro.

Alla fine, Ori and the Will of the Wisps non è molto più di una solida continuazione dell'originale. Dà al giocatore sfide nuove e più impegnative, espande l'universo intrigante; e a volte è visivamente sbalorditivo come pensavamo che sarebbe stato. Nonostante alcuni bug, gli elementi RPG e la chiara ispirazione presa da Hollow Knight assicurano ore di intrattenimento. Sfortunatamente, non riesce a essere diverso e, soprattutto, memorabile come Blind Forest, anche se ci prova. In effetti, ci prova un po' troppo.

Ori and the Will of the WispsOri and the Will of the WispsOri and the Will of the Wisps
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Elementi RPG; level design esemplare; trama più dettagliata e interessante; missioni secondarie; nuove abilità; è bello e divertente da giocare e soddisfa alcune delle nostre aspettative ...
-
.. anche se è anche meno diversificato e non particolarmente memorabile; è pieno di bug; troppo spesso cerca di imitare elementi dell'originale anziché aggiungere qualcosa di nuovo.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto