Italiano
Gamereactor
recensioni
Pacific Drive

Pacific Drive

Fuggi da una gigantesca e pericolosa cupola in auto. Un concept originale, ma lo sviluppatore Ironwood Studios riuscirà a realizzarne il potenziale?

HQ
HQ

Se un gioco dovesse essere giudicato esclusivamente in base all'atmosfera che la sua premessa, le meccaniche, la struttura e la presentazione possono generare, Pacific Drive non solo si classificherebbe tra i migliori dell'anno, ma si unirebbe a una miriade di altre gemme indie come prova dell'immensa abilità creativa di studi relativamente piccoli. Esplorare il cosiddetto Olympic Exclusion Zone nella tua fidata station wagon è un'esperienza sottile in cui non puoi mai contare su nulla e dove la natura tattile del controllo di ogni variabile ti coglie davvero di sorpresa.

Ma sfortunatamente, l'atmosfera non è tutto, o se lo è, viene raggiunta e mantenuta anche in altri modi, ed è qui che la mancanza di rifinitura tecnica di Pacific Drive e le meccaniche di sopravvivenza leggermente troppo irregolari iniziano a stridere.

Pacific Drive
Annuncio pubblicitario:

Partiamo dall'inizio. Pacific Drive si svolge nel nostro mondo, ma con una differenza fondamentale: un certo numero di anni fa, una sorta di anomalia ha iniziato ad emergere da qualche parte nella regione del Pacifico nord-occidentale del Nord America (si pensi all'Oregon, allo Stato di Washington e a parti della Columbia Britannica). Si tratta di un evento geografico, biologico e assolutamente incomprensibile che introduce fenomeni in un raggio di ben oltre 100 chilometri, e in vero stile Annihalation (sul serio, guardate quel film) rende gli animali, le piante, il suolo su cui camminiamo e l'aria che respiriamo divertenti, imprevedibili e mutevoli. L'uomo decide di studiare la zona, ma alla fine i risultati sono troppo irregolari, troppo strani, e invece si decide di incapsulare il fenomeno con una cupola alta diverse centinaia di metri, lasciandone alcune dietro le pareti.

È qui che vieni risucchiato senza motivo e i pochi sopravvissuti all'interno della zona decidono di aiutarti a fuggire. Questo può essere fatto solo prendendosi cura di una vecchia station wagon, una vera auto familiare americana degli anni '70, e trasformandola in uno strumento che può aiutarti a mappare i fenomeni nella zona e alla fine fuggire.

Pacific Drive

Sto dedicando più tempo del solito a preparare la scena qui, ma forse è solo per assicurarmi che vi rendiate conto di quanto funzioni bene l'intera configurazione e di quanto il gioco riesca a creare la sua scena in modo efficiente e senza soluzione di continuità. In termini più pratici, il gioco è un leggero mix di diversi elementi che abbiamo già visto. Il gioco si svolge in prima persona e da una base, che è anche la tua officina, parti per spedizioni in zone aperte relativamente grandi all'interno di... beh, la zona. Qui raccogli risorse, eviti fenomeni ostili e fuggi di nuovo in officina per effettuare le riparazioni necessarie, potenziare l'auto e, infine, espandere l'officina con nuovi strumenti che ti consentono di viaggiare più in profondità nella zona, dove si nascondono solo pericoli peggiori.

Annuncio pubblicitario:

Quindi sì, un po' di roguelite, un po' di sopravvivenza, un po' di crafting: è tutto qui, e si ha il piacere di mantenere una visione d'insieme delle proprie risorse, risparmiare per gli aggiornamenti cruciali, mentre a volte si viene gettati sotto l'autobus dai vari fenomeni malevoli del gioco e si deve tornare all'officina con un'auto distrutta, mentre è povero di risorse cruciali anche per le riparazioni più basilari.

Tuttavia, il gioco riesce a strutturare la tua esperienza con obiettivi ovvi, quindi mentre puoi esplorare liberamente parti selezionate della zona e raccogliere risorse in una volta sola, ci sono sotto-obiettivi specifici da raggiungere, come raggiungere una certa parte della zona o interagire con un oggetto. È tutto messo insieme in modo abbastanza intelligente e, sebbene il gioco manchi di una struttura narrativa più organizzata e quindi di momenti più emotivi, riesce, come Firewatch, a sfruttare al meglio il fatto di non avere davvero alcun personaggio nell'immagine. Tuttavia, derubare il giocatore della propria voce è un vero errore.

Pacific DrivePacific Drive

La cosa più bella, però, è quanto sia tattile il tutto. Tutto ciò che si trova in Pacific Drive richiede l'input. Mettere l'auto in D o P, accendere i tergicristalli quando piove o le luci quando è buio, togliere una ruota rotta e metterne una nuova: tutto richiede che tu sia lì, presente, e contribuisce a un ciclo caratterizzato da compiti rudimentali ma soddisfacenti.

Allora, qual è il problema? Atmosfera solida, una buona premessa, belle strutture di sopravvivenza? Come per molti progetti, sono le piccole cose. Innanzitutto, il gioco è a dir poco in cattive condizioni tecniche su PS5, dove il frame rate è solitamente di 30fps, ma è anche caratterizzato da cali a 20fps, il che è decisamente inaccettabile. Inoltre, è fantastico essere coinvolti così tattilmente nelle riparazioni, ma l'intera convenzione, l'insieme di regole dietro le quali i pulsanti fanno cosa, è così confusa che mi ci sono voluti giorni per familiarizzare con l'intera configurazione. E alla fine, è tutto un po' sbilanciato. Richiede troppe risorse per fare aggiornamenti generali, le notti sono un po' troppo lunghe e ti privano di una visibilità piuttosto basilare e quindi di una visione d'insieme di ciò che diavolo sta succedendo, e alcuni fenomeni sembrano piuttosto ingiusti colpi al giocatore piuttosto che sfide solide che possono essere superate o evitate.

Pacific DrivePacific Drive

In altre parole, Pacific Drive era probabilmente a una o due revisioni QA dall'essere pronto per la prima serata, il che è un peccato quando lo sviluppatore si sta presumibilmente spingendo per far uscire il gioco in quello che è forse il mese più impegnativo dell'anno, specialmente su PS5. Non sono sicuro del perché, ma sembra particolarmente inappropriato quando i problemi principali del gioco sono legati alla messa a punto, al bilanciamento e al perfezionamento tecnico, che potrebbero essere raggiunti con pochi mesi in più di tempo di sviluppo.

Tuttavia, significa anche che, anche se oggi gli do un 7, Pacific Drive potrebbe un giorno essere qualcosa di speciale, uno di quei meravigliosi beniamini indie che mettono davvero lo studio sulla mappa. Tienilo d'occhio, perché questa idea è così dannatamente bella.

HQ
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Atmosfera fantastica. Bella meccanica tattile. Ottime scelte stilistiche in tutto.
-
Prestazioni tecniche piuttosto abissali su PS5. Alcuni problemi strutturali irregolari. Qualche ripido picco di difficoltà qua e là.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Pacific Drive Score

Pacific Drive

RECENSIONE. Scritto da Magnus Groth-Andersen

Fuggi da una gigantesca e pericolosa cupola in auto. Un concept originale, ma lo sviluppatore Ironwood Studios riuscirà a realizzarne il potenziale?



Caricamento del prossimo contenuto