Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Sea of Thieves

Sea of Thieves

L'avventura piratesca di Rare ha sciolto gli ormeggi e dopo una settimana in sua compagnia, siamo pronti a dare il nostro verdetto.

  • Kieran HarrisKieran Harris

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

L'avventura piratesca Sea of ​​Thieves è finalmente approdata su PC e Xbox One permettendo a molti di noi di vivere uno dei propri sogni infantili: diventare dei pirati. L'attesissimo titolo di Rare è stato in sviluppo per quattro anni e vede i giocatori riunirsi insieme ad altri membri di un equipaggio altrettanto scorbutici in cerca di avventure e preziosi bottini. Il gioco è la prima esclusiva per Xbox One del 2018 ed è anche la prima esclusiva della piattaforma ad arrivare in contemporanea anche su Xbox Game Pass, il servizio di giochi on demand di Microsoft, una sorta di Netflix dei videogiochi. Insomma, Sea of ​​Thieves è quel system seller di cui Xbox One ha un disperato bisogno oppure si rivela un altro affondamento nel vasto oceano di opportunità mancate?

Dopo aver scelto il proprio pirata da un editor piuttosto limitato, il giocatore è libero di iniziare la propria avventura. Parlando con i mercanti di tutta l'isola, è possibile acquistare missioni per le tre principali fazioni: Cacciatori di Tesori, Alleanza dei Mercanti e Ordine delle Anime. Le tre diverse fazioni vi vedono rispettivamente mettervi alla caccia di tesori, catturare maiali e polli e mettere a tacere equipaggi di scheletri che infestano le rive delle isole vicine. Dopo aver votato quale viaggio intraprendere, il vostro equipaggio deve capire in quale direzione andare, lavorando in modo cooperativo per raggiungere la destinazione e restare a galla.

Potete, chiaramente, navigare per i fatti vostri, ma non è molto divertente e consigliamo vivamente di reclutare un equipaggio. Qui c'è maggiore flessibilità in quanto i giocatori possono selezionare vascelli veloci che sono più facili da gestire grazie ad equipaggi più piccoli, mentre gruppi più grandi (fino a quattro giocatori) possono scegliere di navigare a bordo di un galeone. Se si gioca in squadra, è possibile dividersi i compiti con altri giocatori, così uno di voi può controllare la mappa mentre qualcun altro può guidare la nave, e un altro giocatore sistema le vele. Quando giocate in solitaria, ci sono troppe responsabilità da gestire e vi troverete costantemente ad abbandonare il timone della nave per completare altri compiti urgenti. Difendersi dai gruppi di soldati scheletrici può anche essere difficile quando gicoate da soli, in quanto facilmente sono più numerosi di voi e si rigenerano durante le missioni Ordine delle Anime. Fortunatamente, se non ne avete altre con cui giocare, c'è un sistema di matchmaking senza interruzioni e ci sono comandi testuali per chi non è dotato di un microfono. Non è l'ideale, e consigliamo di giocare con gli amici in un party, ma almeno ci sono comunque delle opzioni per i pirati solitari.

Sea of Thieves

È possibile spendere le monete d'oro guadagnate dai viaggi in una marea di oggetti cosmetici per le vostre armi, la vostra nave e il vostro personaggio. Tra i nostri acquisti preferiti c'è stata un'iconica benda sull'occhio, una nuova fisarmonica e una lanterna spettrale illuminata dalle anime dei guerrieri scheletri. Man mano che svolgete più missioni per ciascuna fazione, il vostro grado nei loro confronti si rafforzerà e potrete intraprendere missioni più avanzate. Gli oggetti cosmetici fungono da principale forma di ricompensa per le missioni in quanto non ci sono livelli e aggiornamenti XP o stat per il vostro personaggio o equipaggiamento. Questa mancanza di progressi, oltre al potenziamento delle relazioni con le tre fazioni, deluderà sicuramente alcuni giocatori, ma capiamo che Rare sta cercando di creare un'esperienza in cui ogni giocatore è uguale.

Forse la nostra più grande critica nei confronti di Sea of ​​Thieves è il fatto che il suo gameplay diventa presto ripetitivo a causa della mancanza di variazione nei viaggi. Vi ritroverete a ripetere le stesse tre quest di recupero, in cui quelle più difficili prevedono solo l'aggiunta di enigmi e obiettivi aggiuntivi che arricchiscono (di poco) le cose. Per questo motivo, è facile avere la sensazione di aver visto tutto ciò che il titolo ha da offrire dopo pochi viaggi nell'oceano. L'esplorazione è, naturalmente, una grande perdita di tempo, ma se state giocando con un gruppo di estranei probabilmente vorrete fare qualcosa che sia più mirato. Queste missioni offrono solide fondamenta, ma ci piacerebbe che ci fosse qualcosa di più per mantenere i giocatori impegnati nel lungo periodo e, per coloro che si sentono a loro agio nel giocare all'interno di una struttura narrativa definita, cosa che al momento del lancio non c'è a sufficienza.

Sea of Thieves
Sea of Thieves