Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Sekiro: Shadows Die Twice

Sekiro: Shadows Die Twice

Un nuovo capolavoro firmato FromSoftware.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Sekiro: Shadows Die Twice è un gioco sviluppato in modo evidente da FromSoftware. Storia di vendetta e con un personaggio incredibilmente affascinante, il nuovo titolo dello studio prodotto da Activision ha molti elementi comuni con le opere precedenti dei creatori della serie Souls, a partire dai sistemi di gameplay già presenti nei precedenti progetti dello studio nipponico. Eppure, per quest'ultima creazione, From Software ha voluto mettere in pratica qualcosa di molto importante: conferire al gioco sua anima unica.

In Sekiro: Shadows Die Twice interpretiamo uno shinobi senza nome, ma molto forte, spesso definito Wolf. Una nazione straniera vuole ardentemente entrare in possesso di un potere, che si ritiene provenga dalla venerabile linea di sangue del nostro impero. Il giovane Lord Kuro è l'erede di questa dinastia e nella fase di apertura del gioco, Wolf non riesce a proteggerlo da questi invasori. Secondo il codice shinobi, dobbiamo fare ammenda e liberare il nostro padrone dalla sua prigionia, meditando vendetta per suo conto, uccidendo orde di soldati e nemici ispirati all'antica tradizione giapponese. Quella che sarebbe stata una trama sufficiente nei giochi precedenti dallo sviluppatore è solo il preludio dell'avventura spirituale di Sekiro sull'indomabile volontà di un leggendario spadaccino.

Tuttavia, nel difendere il suo padrone, Wolf è stato ferito mortalmente e ha perso il braccio sinistro. Così, un vecchio misterioso lo trascina fuori dal campo di battaglia depredato e rimpiazza il suo arto perduto con una protesi meccanica, permettendoci di riprendere il nostro lavoro incompiuto. Questa protesi può essere migliorata con tanti strumenti shinobi, come un'ascia che permette di distruggere gli scudi di legno e un attacco a fiamma progettato per danneggiare alcuni nemici, anche se il suo uso è limitato. In un certo senso, questa meccanica sostituisce il complesso sistema di classi dei vecchi titoli Soulsborne, poiché la progressione dei personaggi qui è molto più semplice e offre poca varietà in termini di opzioni di personalizzazione, nonostante siano presenti gli alberi delle abilità.

Un cambiamento più ovvio alla formula Souls di FromSoftware va rintracciato nel gameplay stealth. Wolf può nascondersi nell'erba alta, aggrapparsi alle sporgenze o arrampicarsi sui muri per evitare di essere visto dai suoi avversari. Quando ci avviciniamo abbastanza ai nostri obiettivi, possiamo colpire nell'ombra con un attacco mortale critico. La maggior parte dei nemici muore all'istante a seguito di questo attacco brutale, quindi diventa molto utile assegnare priorità ai nemici e assottigliare il gruppo. Le meccaniche stealth sono rozze e semplici, ma sta a noi capire se e come utilizzarle.

Sekiro: Shadows Die TwiceSekiro: Shadows Die Twice

Sekiro sostituisce la ben nota meccanica di resistenza implementando un sistema incentrato sulla postura di un personaggio. I nostri attacchi non sono più volti ad azzerare la barra della salute di un nemico, ma sono destinati a far vacillare un avversario e offrirci apertura per un attacco. Il gioco punisce pesantemente tutti gli errori - sia i tuoi che quelli dei tuoi nemici - con la precisione mortale di un samurai. Per riuscire dobbiamo usare l'impeto di un attacco nemico e contrattaccare di conseguenza.

Gli attacchi di spada e lancia, per esempio, richiedono reazioni diverse agli attacchi radicali, che di solito hanno un raggio d'effetto più ampio. D'altra parte, non possiamo difenderci quando provano ad afferrarci, quindi la nostra unica opzione è di evitare il nemico spostandoci lontano dalla sua portata. È importante valutare quali attacchi è possibile sopportare e quando è opportuno evitare del tutto una zona pericolosa. Allo stesso tempo, non dobbiamo dare al nostro rivale un attimo di respiro, poiché la loro postura si rigenera lentamente nel tempo.

I samurai più esperti e le bestie assassine che affrontiamo nel corso del gioco mostrano poco rispetto per i nostri attacchi più leggeri, e un solo colpo mortale non sarà sufficiente per sconfiggere avversari così pericolosi. Solo chi riesce a capire i pattern di attacco e impara a farne uso uscirà vittorioso dalla battaglia - questo non è mai stato più vero, nemmeno in un gioco Souls. Mantenere la velocità e la finezza di queste danze sanguinose è tanto stimolante quanto gratificante. La cosa più interessante è che le battaglie di alto livello di solito non durano troppo a lungo, poiché spesso il vincitore può essere determinato dopo un breve, intenso scambio di colpi.

Sekiro: Shadows Die TwiceSekiro: Shadows Die Twice

Molte battaglie possono essere semplificate o addirittura aggirate completamente con un'adeguata preparazione e pazienza. Se corri verso una trappola, magari ti conviene ritirarti in modo tattico su terreno più alto e pensare alle opzioni rimanenti mentre il gruppo di nemici in basso si sta ricaricando. La maggiore libertà di movimento consente tattiche del genere, perché il nostro braccio shinobi è dotato di un gancio molto utile, che ci consente di cambiare rapidamente posizione sul campo di battaglia.

Le numerose opzioni di movimento presenti in Sekiro e l'architettura del gioco modellata su templi e fortezze giapponesi si traducono in un'avventura verticale sorprendente (che è particolarmente evidente nella seconda metà del gioco). Naturalmente, i tetti e le strade giapponesi sono i nostri punti focali, ma questo design si mescola con un sacco di idee inaspettate. Boss battle dinamiche, sezioni platform e segreti sapientemente nascosti sono alla base della ricchezza e della gamma di idee per cui lo studio è noto. Tutto ciò rende Sekiro: Shadows Die Twice un videogioco piacevolmente sorprendente.

La parola "sorprendente" potrebbe essere un'utile introduzione al tema della risurrezione. Sekiro: Shadows Die Twice ci permette di far risorgere il nostro eroe proprio sul momento - ferito e malconcio ma ancora mezzo vivo. Questa funzione è abbastanza limitata e va comunque considerata attentamente perché dobbiamo pagare un prezzo enorme per tutto questo. La storia offrirà una spiegazione e un contesto al nostro dono speciale, anche se il gioco mantiene il segreto per molto tempo. Dopo la morte, Wolf perde metà del suo attuale conto in banca e anche parte della sua esperienza accumulata. Tuttavia, c'è una possibilità che il gioco non permetta alla morte di reclamare quelle cose dal nostro corpo morto, anche se questa possibilità diminuisce ogni volta che lo facciamo rivivere ...

Sekiro: Shadows Die TwiceSekiro: Shadows Die Twice

Meno sorprendenti sono i valori di produzione di alta qualità di Sekiro: Shadows Die Twice, in particolare per la sua grafica e audio. Il gioco riesce ad offrire un'immagine coerente di un Giappone mistico, mostrando alcuni paesaggi davvero belli. Il design un po' realistico dei personaggi potrebbe non essere il miglior lavoro fatto dallo studio, ma FromSoftware ha compensato il tutto in termini di animazioni e con gli strumenti shinobi e gli effetti speciali associati. Inoltre, le sequenze finisher brutalmente esagerate hanno senza dubbio attirato la nostra attenzione, dimostrando ancora una volta l'incredibile potenza di alcuni dei più potenti spadaccini della storia. Per questa recensione abbiamo giocato su PlayStation 4 Pro e abbiamo notato solo alcuni difetti minori, con tempi di caricamento leggermente lunghi ma in definitiva accettabili, ma quando il team di GRTV ha acquisito il gameplay dalla versione PC, abbiamo notato alcuni problemi minori con la versione PC.

Nel 2015, Miyazaki e la sua squadra hanno cercato di rompere la formula Souls con Bloodborne, ma non sono andati abbastanza lontani. Sekiro: Shadows Die Twice combina il comportamento implacabile dei cacciatori assassini di Bloodborne con le abilità sovrumane del leggendario samurai e la pura presenza e potenza di questi guerrieri rendono Sekiro unico anche all'interno dei confini delle opere passate di FromSoftware. Le sue intense battaglie sono accompagnate dalla storia e dall'ambientazione feudale, che fonde amorevolmente tutto insieme. Nonostante molti cambiamenti audaci ed eccitanti, lo stile unico dello studio resta preservato e Sekiro: Shadows Die Twice rappresenta un'altra avventura stimolante e gratificante.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Interpretazione elegante dell'ambientazione feudale giapponese; Dominare gli avversari in combattimento è esaltante; Incredibilmente variegato; Le opzioni stealth e la "resurrezione" aiutano i giocatori.
-
Il sistema di classi non c'è; Quasi nessuna personalizzazione del personaggio è possibile; il sistema di abilità sembra un incentivo bonus inutile.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto