Italiano
Gamereactor
recensioni
Song of Horror

Song of Horror - Recensione della versione console

Dopo aver subito due ritardi, Song of Horror è finalmente approdato su console.

Lanciato inizialmente su PC nel 2019, Song of Horror è un survival horror che osa essere diverso. Il gioco ci ha lasciato ottime impressioni al momento del lancio in quanto presentava una struttura a episodi e una meccanica permadeath in cui ogni personaggio giocabile scompare per sempre se lo metti in pericolo. Abbiamo recensito il primo episodio del gioco quando è stato pubblicato nel 2019, ma ora che è disponibile anche su console, abbiamo valutato l'opera nel complesso.

Come accennato in precedenza, la trama agghiacciante di Song of Horror è ambientata nel corso di cinque episodi separati. Ti vede nei panni di Daniel Noyer, un uomo alcolizzato e recentemente divorziato, che è stato incaricato di cercare un autore scomparso. Quando arriva alla sua inquietante villa, Daniel fa diverse strane scoperte e alla fine diventa anche lui una persona scomparsa. Ho trovato il doppiaggio di Song of Horror un po' incostante (soprattutto con i personaggi minori), ma quello che mi è piaciuto è stato lo stile quasi da fumetto usato nei filmati.

Qualcosa che permette a Song of Horror di essere diverso dagli altri horror contemporanei è la sua meccanica permadeath. All'inizio di ogni capitolo puoi scegliere tra diversi personaggi giocabili e questi hanno le loro statistiche individuali, oggetti speciali e fonti di luce. Personalmente, non ho visto molta differenza tra i personaggi, ma è stato interessante vedere come tutti avessero le loro interazioni personali con gli oggetti. Una volta che ciascuno di questi personaggi viene ucciso non puoi più giocare con loro e sei costretto a ricominciare da capo un capitolo se non ci sono sopravvissuti. Fortunatamente, per coloro che vogliono giocare in modo casuale, è presente una modalità che non presenta lo stress della morte permanente.

Ho scoperto che la permadeath crea un senso di stress e tensione che raramente ho provato in altri horror. Se sbagli qui, la morte è praticamente imminente e i filmati che accompagnano la tua morte sono quel brivido che non vorrai più vedere. I mostri sono in agguato dietro ogni angolo, quindi è importante ascoltare i suoni dietro ogni porta prima di entrare e devi pensarci due volte quando ti imbatti in una situazione rischiosa. A volte ti verrà chiesto se vuoi rischiare di afferrare un oggetto facendo qualcosa come infilare la mano in una vasca da bagno o sollevare il coperchio da un vecchio specchio impolverato e non è mai chiaro se questo sia un passaggio obbligatorio o se sia un'altra trappola che ti porta alla morte.

Il combattimento non è presente, ma ci sono comunque diversi scenari interattivi in cui dovrai salvarti di fronte al pericolo. Di tanto in tanto dovrai avere il massimo tempismo nella pressione dei pulsanti insieme a un grafico sullo schermo per rallentare la frequenza cardiaca e impedirti di fare rumore quando una creatura è nelle vicinanze. Questi momenti accadono in modo casuale ogni volta, il che significa essenzialmente che non ci sono due playthrough del gioco uguali. Sebbene crei tensione sapere che ognuna di queste situazioni poteva essere fatale, ho trovato comunque piuttosto noioso dover eseguire lo stesso esercizio con i pulsanti ancora e ancora.

Song of Horror

Oltre a spaventarti a morte, Song of Horror richiede in realtà molta riflessione da parte del giocatore. Sorprendentemente, è molto simile a una classica avventura punta e clicca, poiché devi esaminare l'ambiente circostante e raccogliere oggetti che possono essere utilizzati per risolvere i puzzle. Quando incontri un problema come una chiave che è troppo lontana per essere raggiunta, devi esaminare il tuo inventario per trovare gli strumenti giusti per riuscirci e, a volte, dovrai combinare gli oggetti insieme. Anche oggetti da collezione come lettere e note svolgono un ruolo fondamentale durante questi puzzle e non sono puramente opzionali da leggere poiché spesso contengono suggerimenti e combinazioni utili.

Di solito non sono un fan dei giochi a episodi, ma in realtà penso che questa struttura vada a vantaggio del gioco per diversi motivi. Ogni episodio qui presenta il proprio ambiente inquietante con il primo episodio ambientato in una vecchia villa abbandonata e il secondo in un negozio di antiquariato. C'è un grande senso di varietà ambientale e non ti senti mai a tuo agio con ciò che ti circonda mentre ti stai solo spostando da un set spettrale all'altro. Mi piace anche il fatto che ci fossero nuovi personaggi da interpretare all'interno di ogni capitolo e questi sarebbero cambiati a seconda del tuo precedente successo o fallimento.

Anche se ho molti elogi da fare per Song of Horror, ciò non significa che non sia a corto di meccaniche frustranti. Prima di tutto, il gioco ha controlli pesanti proprio come i classici giochi Resident Evil e il tuo personaggio cammina a un ritmo così letargico anche di fronte al pericolo. Anche l'angolo di ripresa fisso che accompagna questo movimento goffo l'ho trovato fastidioso, poiché spesso non riuscivo a vedere se ci fosse una porta nell'angolo della mia visuale senza vederla su una mappa. La mia ulteriore critica è relativa alla permadeath. Quando muori, il tuo inventario viene abbandonato consentendo al personaggio successivo che interpreti per ottenerlo facilmente. Questo viene spesso lasciato dove sei morto l'ultima volta, ma occasionalmente ho trovato i miei oggetti generati in aree casuali difficili da raggiungere.

Song of Horror è un gioco davvero innovativo in un momento in cui molti horror sembrano walking simulator o si affidano a tattiche economiche come i salti mortali. Il senso di stress e tensione che crea appare autentico, poiché è abilitata la morte permanente e c'è un costante senso di minaccia e di pericolo. Mi è piaciuta anche la varietà di ogni capitolo in termini di impostazioni e il fatto che il gameplay punta e clicca ti richieda di pensare ed esaminare attentamente l'ambiente circostante. Detto questo, i controlli sono pesanti e ho trovato noiose alcune delle sue sezioni in cui devi solo premere pulsanti.

Song of HorrorSong of Horror
Song of Horror
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
La permadeath rende il gameplay teso, ogni capitolo sembra unico, gli enigmi richiedono di pensare ed esaminare l'ambiente circostante.
-
Doppiaggio incostante, i controlli sono ingombranti, le sezioni in cui devi premere dei pulsanti sono noiose da ripetere
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.