Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni
The Dark Pictures: House of Ashes

The Dark Pictures: House of Ashes

Quali orrori si nascondono sotto le montagne irachene di House of Ashes?

HQ

House of Ashes è la terza iterazione di The Dark Pictures Anthology di Supermassive Games. La formula rimane più o meno la stessa, in cui si segue un gruppo di personaggi, che si trovano in una situazione poco fortunata e sta al giocatore aiutarli a sopravvivere fino alla fine. È una formula che è stata provata e testata sia nei precedenti giochi della serie antologica che nel rivoluzionario gioco di Supermassive, Until Dawn, dove il giocatore ha il controllo del destino dei personaggi, poiché prendi il controllo di ognuno di loro in diverse situazioni.

Tuttavia, House of Ashes non è esattamente identico ai suoi predecessori. Anche se segue lo stesso tema horror visto in altri giochi di Supermassive, l'ambientazione in cui si svolge House of Ashes non è come gli altri. In effetti, ricorda più Alien vs. Predator che il primo film di Alien.

The Dark Pictures: House of Ashes

L'ambientazione è la guerra in Iraq nel 2003 e tu prendi il controllo di una squadra di marines guidata da un colonnello appena arrivato di nome Eric King. All'inizio del gioco, parti per una missione per trovare i silos nucleari nascosti di Saddam Hussein, individuati da un satellite avanzato, sviluppato da King, ma ovviamente niente è così facile come sembra. La missione va rapidamente a scatafascio e la squadra finisce intrappolata in un vecchio tempio sotto le montagne irachene, e l'obiettivo ora è scappare e sopravvivere agli orrori mitici presenti là sotto, nel tentativo di far sopravvivere il maggior numero possibile di membri della squadra (a meno che tu non abbia intenzione di ucciderli per divertimento, ovviamente!).

Durante le prime fasi del gioco, vieni introdotto al cast di personaggi: Rachel King, la moglie di Eric, che è anche il leader della squadra (interpretata dalla star Disney Ashley Tisdale, tra l'altro); Jason, un marine molto stereotipato pieno di pregiudizi e tossicità maschile; Nick, un marine più romantico e sensibile, che ha anche una relazione con Rachel; e infine - il mio preferito - un soldato iracheno di nome Salim. Il cast magari non è così diversificato come nei giochi precedenti, ma i personaggi hanno comunque i loro tratti caratteriali individuali e segreti che scoprirai durante il tuo gioco.

The Dark Pictures: House of Ashes

Come previsto, il gioco è pieno di "Oorah!" e di energia marine, e anche se è sicuramente diverso dall'ambientazione dei giochi precedenti, diventa automaticamente più un'atmosfera action/horror che un vero survival horror. Da qui il mio riferimento ad Alien vs. Predator piuttosto che al primo film di Alien. L'ambientazione in realtà traccia molti parallelismi con Alien vs. Predator, entrambi ambientati in un tempio/tomba sotterraneo abbandonato con molti marine dal grilletto facile. Quindi faresti meglio a cambiare le tue aspettative sui survival horror e aspettarti un sacco di colpi di pistola ed esplosioni, e sfortunatamente anche inutili "misoginie" dell'esercito e un po' troppe battute degne di nota su "tua madre".

Il cast principale, tuttavia, è cresciuto con me durante il mio playthrough e ovviamente questo potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che tu, come giocatore, sei in qualche modo responsabile nel modo in cui vengono forgiati i diversi tratti dei personaggi e dipende da te se Eric si comporta come uno stronzo arrogante o da leader/marito gentile e romantico.

Non tutte le scelte sono senza conseguenze, che è la premessa della maggior parte dei giochi di Supermassive, e questo Ashes non fa eccezione. Se fai la scelta sbagliata, potrebbe portare alla morte di uno dei tuoi personaggi principali del cast, e questo è qualcosa che ti tiene costantemente sulle spine.

The Dark Pictures: House of Ashes

Proprio come i titoli precedenti, il gameplay consiste principalmente in filmati e quick-time event mescolati con una piccola quantità di esplorazione e ricerca di segreti. Anche se gli eventi veloci stessi non si sono mai rivelati abbastanza impegnativi come i giochi di Quantic Dreams, ti tengono comunque sulle spine e il ritmo di questi potrebbe essere piuttosto spietato. Voglio dire, una volta ho fallito per colpa di un singolo pulsante e il mio personaggio è morto. Non per una scelta sbagliata che avevo fatto, ma perché ho premuto X troppo velocemente in una situazione intensa. Mi è sembrato ingiusto e l'ho trovato abbastanza frustrante.

Certo che l'avrei accettato se fosse dipeso per colpa mia, ma non poterti grattare il naso senza morire è al limite del troppo spietato per me. Non è stato nemmeno per via della difficoltà, perché i prompt non si basavano mai su più di un singolo pulsante e penso di averne falliti solo due durante l'intero playthrough. Tuttavia, sarebbe stato diverso se avessi condiviso il controller con un amico.

Perché i giochi di The Dark Pictures Anthology si apprezzano al meglio con un paio di amici che si passano il controller, e House of Ashes ha persino un'impostazione "Serata Cinema" che si basa proprio su questo. Penso che potrebbe essere uno dei motivi del sui gameplay semplice, e anche se un veterano giocatore di quick-time event come me potrebbe non sentirsi molto stimolato in termini di difficoltà, le situazioni sono piuttosto intense e ancora di più con diversi giocatori che urlavano a destra e a manca contemporaneamente. La sfida più grande per me non è stata il gameplay, ma la scelta delle risposte e dei percorsi giusti da seguire.

The Dark Pictures: House of Ashes

Fortunatamente, House of Ashes ha un sistema accurato per aiutare il giocatore a scegliere la giusta linea d'azione, qualcosa che chiamano "Premonizioni". E scusa se sembro un disco rotto, ma se hai giocato a precedenti giochi Supermassive, non c'è niente di nuovo sotto il sole. Le Premonizioni mostrano un possibile esito a situazioni rischiose e molto spesso mostrano la morte di uno dei tuoi personaggi. Il che potrebbe darti un indizio su quale decisione evitare durante un conflitto o un momento di azione. Mi è sempre piaciuta quella meccanica, poiché è piuttosto sottile nella situazione esatta e non rivela mai troppe informazioni. Ma se riesci a ricordare i diversi luoghi e le situazioni nelle premonizioni - dato che hai trovato quelli giusti - potresti essere in grado di salvare vite.

Graficamente il gioco ha un'incredibile ambivalenza. È sia molto bello, ma anche davvero brutto. Gli attori fanno un ottimo lavoro nell'interpretare i personaggi, ma le animazioni facciali sono così inaffidabili da essere assurde. Un momento assomiglia davvero a un film, e in quello immediatamente successivo le animazioni sono così rigide che potrebbe essere un gioco per PS3. Il gioco è in bilico tra l'essere una meraviglia tecnica e un enorme passo indietro per le animazioni facciali, e quindi non è migliore di Until Dawn del 2015. Le animazioni rigide e il gameplay goffo non aiutano affatto in questo senso!

The Dark Pictures: House of Ashes

A parte i problemi grafici/tecnologici e i quick-time, sfortunatamente penso che uno dei punti deboli di House of Ashes sia l'intera ambientazione. Anche se mi piace molto l'Antico Tempio e lo sfondo della guerra in Iraq, l'atmosfera del film d'azione toglie molto dall'aspetto horror, e i nemici sottostanti non sono mai così spaventosi. I "mostri" vengono rivelati troppo rapidamente e l'orrore, sfortunatamente, svanisce troppo velocemente e l'attenzione si concentra principalmente sulla sopravvivenza da allora in poi. A mio parere, i nemici sono troppo "fisici" nel loro essere e l'intero gioco manca di un aspetto psicologico, più che necessario affinché un gioco horror sia davvero orribile. Questo, e il fatto che la maggior parte delle soluzioni richiedono sparare una tonnellata di proiettili ai problemi o farli esplodere. Avrebbe potuto essere risolto in modo più elegante e più spaventoso, credo.

Non che non mi sia piaciuto House of Ashes, perché penso davvero che sia molto divertente, anche se potrebbe non essere stato il divertimento che mi aspettavo. Se speri in un altro gioco horror elettrizzante, potresti rimanere davvero deluso, ma se sei un fan di Aliens (nota che è il secondo film e non il primo!) questo potrebbe fare al caso tuo. È pieno di momenti intensi, decisioni difficili e letali quick-time event, che magari non fanno per te.

The Dark Pictures: House of Ashes
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Situazioni intense richiedono che il giocatore stia con i piedi per terra; Cast emozionante; Fantastica ambientazione da film d'azione.
-
Troppo concentrato sull'azione per essere un gioco horror. Le animazioni facciali sono troppo rigide. A volte, il gameplay risulta goffo; Manca un aspetto psicologico.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto