Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
preview
Ancestors: The Humankind Odyssey

Ancestors: The Humankind Odyssey - Provato

Abbiamo messo le mani su questo titolo straordinario che racconta le origini dell'umanità.

  • Testo: Paul Blanchard

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Il nome Patrice Désilets ti risulta familiare? Si tratta del nome del creatore di una delle più famose saghe videoludiche degli ultimi vent'anni. Stiamo parlando del creative director di Assassin's Creed e del suo sequel, oltre a Prince of Persia: The Sands of Time. È un curriculum piuttosto importante, non pensi? Dopo aver lasciato Ubisoft e aver lavorato a THQ (che è poi finita in bancarotta), l'uomo dietro ad Altair ed Ezio ha deciso di fondare un suo studio, Panache Digital Games. Siamo stati invitati a Parigi per mettere le mani sul primo progetto più importante del suo studio, chiamato Ancestors: The Humankind Odyssey.

Il titolo è un gioco adventure/survival che parte da un'idea molto semplice: sopravvivere come hanno fatto i nostri antenati 10 milioni di anni fa. Giochi nei panni di una scimmia o, meglio, di una tribù composta da pochi individui, e il tuo obiettivo è quello di evolvere - sì, in senso letterale - il che significa che devi far partire la storia dell'umanità da zero.

Tutto inizia con un filmato durante il quale uno dei membri del tuo piccolo gruppo sta camminando nella giungla con un bambino sulle spalle. Ad un certo punto, vengono entrambi afferrati da un grande predatore alato. L'uccello li porta nel suo nido e colpisce violentemente l'adulto alla testa, mentre il bambino cade fuori dall'albero. Una volta a terra, prendi il controllo di questa scimmia molto giovane, spaventata e disorientata. Come discuteremo più avanti, la paura è un fattore cruciale nel gameplay in Ancestors. Con una semplice pressione di un pulsante, attivi la funzione "intelligenza" che ti consente di identificare gli elementi che costituiscono il tuo mondo; cose come rami, ciottoli, fiori medicinali e fonti d'acqua. Individui un posto dove nasconderti e ripararti. A questo punto, il gioco si sposta e ci mette nei panni di un altro membro del gruppo, questa volta un adulto, che è riuscito a sentire le grida disperate del piccolo che hai appena lasciato. Con un altro pulsante sul controller, attivi i tuoi "sensi" e questi ti aiutano a localizzare il bambino e a recuperarlo.

Ancestors: The Humankind Odyssey

Il passo successivo è trovare il nido in cui è stato portato il tuo amico. È anche l'occasione per il gioco di mostrarti le meccaniche che permettono di muoverti di ramo in ramo perché sì, anche se impersonerai una scimmia, la verticalità gioca un ruolo molto importante in Ancestors. Il tuo personaggio può aggrapparsi alla maggior parte delle superfici e oscillare da un ramo all'altro. Senza raggiungere la fluidità di giochi come Spiderman di Insomniac, la traversata rimane piacevole e istintiva. Una volta nel nido, scopri che il tuo alleato è morto e devi andare a dirlo al resto del clan.

E poi? Beh, quello poi dipende da te! Non esiste uno scenario lineare, non ci sono obiettivi specifici se non quello di sopravvivere ed evolvere. "Evolvi come specie ma anche come giocatore in Ancestorsi", ha spiegato Désilets. A tal fine, ci sono molte cose da fare e scoprire. Ad esempio, è necessario avere familiarità con il proprio ambiente. All'inizio del gioco, se cerchi nella piccola area della giungla in cui ti trovi, vedrai molti punti interrogativi. Puoi andare in questi posti per esaminarli ed esplorarli. Quel fiore è commestibile? Posso usare questa pietra come proiettile? È un buon posto dove andare a pescare? E va avanti così mentre si arriva a capire che il tuo ambiente è fondamentale per progredire ed evolversi.

Esplorando, sblocchi nuove "connessioni" nel tuo cervello, e si tratta di abilità che sblocchi tramite un albero delle abilità. Molto rapidamente impari a tenere un oggetto con l'altra mano, che ti permette di modificarlo, a tua volta lasciandoti recuperare pezzi di legno da un ramo per farne bastoncini o rompere una noce di cocco. Più impari ed esplori, più sblocchi abilità che ti rendono più capace di esplorare e comprendere il tuo ambiente. Questo vale anche per lo sviluppo dei sensi e dell'intelligenza, dal momento che più usi queste facoltà, più le puoi migliorare e, a loro volta, renderle più utili.

Ancestors: The Humankind Odyssey
Ancestors: The Humankind Odyssey

Prima abbiamo parlato della gestione della paura, quindi ecco un esempio di come funziona. Dopo esserci allontanati troppo da dove soggiornano le altre scimmie, siamo entrati in quella che viene chiamata una "zona di paura" - una parte della mappa completamente sconosciuta e quindi spaventosa. La chiave per conquistare questi nuovi territori è analizzarla usando i tuoi sensi e la tua intelligenza. Ancestors offre anche una funzione interessante dal momento che è necessario gestire i livelli di dopamina. Visualizzato in basso a destra sullo schermo, il tuo livello di dopamina corrisponde al tuo stato mentale generale. La maggior parte delle volte sei calmo e quindi il tuo livello di dopamina è normale. Tuttavia, se incontri un animale ostile (nel nostro caso un boa), la tua scimmia sarà in allerta o addirittura preoccupata e i livelli di dopamina scenderanno. Probabilmente ti starai chiedendo cosa succede quando vai sotto il livello critico. Fortunatamente per voi (e sfortunatamente per noi) siamo stati attaccati da una tigre dai denti a sciabola mentre eravamo in una zona di paura e quindi possiamo rispondere a questa domanda per voi. Se la tua dopamina scende troppo in basso, la tua scimmia diventa isterica e diventa incontrollabile, rimandandoti al campo.

Nulla ti obbliga a provare e conquistare la giungla a tutto spiano. Puoi anche decidere di stare con altre scimmie per sviluppare le tue capacità comunicative interagendo con loro o recuperando altre scimmie che sono sparse sulla mappa, convincendole ad unirsi a te. Il successo sarà basato su un sapiente mix di esplorazione e comunicazione con i membri del clan.

Durante la nostra breve intervista, Patrice Désilets ci ha spiegato come Ancestors miri ad essere un cosiddetto gioco "tripla I", l'equivalente di un tripla A, ma per giochi indipendenti. "Noi non realizziamo pixel art, il mondo è bello, interagiamo con tutti gli elementi e poi abbiamo visto solo l'inizio, stiamo parlando di una mappa che rappresenta il continente africano, non è una mappa piccola".

"Uccidere un leopardo nella savana al chiaro di luna con cascate sullo sfondo o essere inseguiti dalle iene, questi sono momenti unici", ha aggiunto Désilets più tardi. Secondo il suo creatore, Ancestors non è un gioco che si gioca come la maggior parte dei titoli al giorno d'oggi. "Se vai avanti da solo e cerchi di essere l'eroe, può funzionare, ci arrivo, ma ..." Il direttore creativo ci ha poi spiegato come dovremmo giocare in modo intelligente, e non solo andare avanti senza pensare.

Ripensando al nostro tempo in compagnia del gioco, Ancestors sembra un progetto interessante che certamente interromperà le abitudini dei giocatori durante le prime ore (come è avvenuto per noi), tuttavia, a lungo termine, dovrebbe diventare un'esperienza unica se il giocatore si prende il suo tempo. Inoltre, sebbene il gioco sia ancora in fase di sviluppo, Désilets ci ha promesso che il gioco uscirà quest'anno. "Sono passati 10 anni da quando ho fatto uscire un gioco, è pronto [...] sarà quest'anno, e non vedo l'ora."

Ancestors: The Humankind OdysseyAncestors: The Humankind Odyssey