Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
preview
Away: Journey to the Unexpected

Away: Journey to the Unexpected

Siamo approdati in un mondo colorato e pieno zeppo di amici, il tutto mescolato con ottimi elementi rougelite.

Quando si pensa ai roguelite e ai giochi generati in modo procedurale, c'è una certa connotazione che ne deriva - di solito esperienze impegnative con atmosfere dark e dungeony. Bene, Away: Journey to the Unexpected è all'altezza del suo nome, in quanto ha tutti questi elementi ma è colorato e cortese come ci si aspetterebbe, colpendoci con veri colpi ben assestati in piena faccia.

Abbiamo giocato un'anteprima su PC prima del suo lancio su PC, PS4, Switch e Xbox One a febbraio, e dopo esserci fatti un'idea di cosa ha da offrire, ci siamo divertiti molto a combinare gli elementi randomizzati con le creazioni fatte a mano. Ciò che intendiamo dire è che c'è una storia che è stata creata per te, che ti vede andare nel seminterrato della tua casa di famiglia per poi entrare in un mondo pieno di mostri, a cui poi si aggiungono elementi randomizzati sotto forma di dungeon.

Da quello che abbiamo visto dalla storia, sembra molto bella, dove il personaggio che interpretiamo deve fare alcune indagini per capire come mai alcuni animali si sono trasformati in mostri. Tutti gli elementi della storia sono annotati in un taccuino in possesso del tuo personaggio (è un bambino, non un eroe o un guerriero, come chiarisce la descrizione) ed è adorabile leggere le note sugli strani eventi che stanno accadendo.

Se questo non fosse già abbastanza carino, Away: Journey to the Unexpected è anche una storia di amicizia, in cui si raccolgono dei cubi magici e avviando opzioni di conversazione appropriate, puoi persino ottenere degli alleati per aiutarti. Questi si aggiungono al tuo party, e cambiandoli al volo ottieni nuove abilità, come un amico degli alberi che può piantare mine sotto forma di semi pericolosi. Questo è molto più di una nuova abilità, in quanto questo amico può cambiare anche il punto di vista del gioco, inondando il tutto di colori seppia.

Away: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the Unexpected
Away: Journey to the Unexpected

Si combatte praticamente solo con un bastone (che otteniamo dal nostro cane di famiglia) contro i nemici, il che è più facile a dirsi che a farsi. Tutti i cattivi fanno danni quando sono in stretto contatto con te, quindi hai davvero poco margine per attaccarli quando sono abbastanza vicini da poterli colpire ma abbastanza lontani da non farti male. Poi arrivano i nemici che possono sparare proiettili, lanciare bombe, per non parlare dei nemici più grandi che si trovano più avanti e dei boss che combattono. È molto più difficile di quanto l'aspetto del gioco possa far credere, anche se sei aiutato un po' dai tuoi nuovi amici e oggetti extra come fuochi d'artificio. C'è anche un negozio da visitare che permette di acquistare oggetti come un hamburger per recuperare salute e un altro cubo di amicizia, e ricordati di prendere attentamente in considerazione tutto questo, perché se muori tornerai indietro (a meno che tu non abbia sbloccato delle scorciatoie - è un roguelite, in fin dei conti).

Ciò che rende più difficile colpire i nemici è che l'intero gioco ha personaggi 2D in un mondo 3D in prima persona, un po' come Danganronpa ad eccezione dei personaggi che si muovono e sono animati. È uno stile unico che Away porta con orgoglio, e anche se rende le cose un po' più difficili è sicuramente molto bello da guardare. Se lo stile nel suo complesso è unico, gli ambienti giocano su temi classici come dungeon, foreste, ghiaccio, deserti e così via, con aree che sbloccherai a mano a mano che avanzi nel gioco.

Abbiamo parlato del fatto che il gioco ha in sé alcuni tropi tipici degli anime, e questo non si applica solo ai personaggi e ai film. La musica di Kazuhiko Naruse è forse la parte più intensa di tutto il gioco, poiché è altrettanto folle e esagerata come ci si aspetterebbe da una qualsiasi opera come potrebbe essere Dragon Ball Z, con le sue chitarre selvagge che contribuiscono ad aggiungere peso all'azione mentre fai oscillare il tuo bastone contro qualsiasi avversario.

Abbiamo visto solo alcuni mondi di Away: Journey to the Unexpected, ma quello che abbiamo visto è già ricco di personalità, e il fatto che ci sia una bella dose di difficoltà, appena sotto l'involucro carino con cui è confezionato il gioco, ci è piaciuto davvero tanto. Non vediamo l'ora di scoprire quali altri cattivi 2D ci attendono tra due mesi e con quali amici possiamo creare i nostri cubi.

Away: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the UnexpectedAway: Journey to the Unexpected
Away: Journey to the Unexpected
Away: Journey to the Unexpected
Away: Journey to the Unexpected
Away: Journey to the Unexpected