Italiano
preview
Battlefield V

Battlefield V: Grand Operations - Provato

Dopo il reveal hands-off, abbiamo messo le mani sul nuovo titolo di DICE ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Il prossimo autunno DICE e Battlefield si preparano a tornare nell'era in cui tutto ebbe inizio 16 anni fa. L'amato franchise tornerà al punto di partenza, alla Seconda Guerra Mondiale, ma questa volta, si tratta di storie inedite e di eroi sconosciuti che non abbiamo mai visto prima, rappresentati in forma di videogioco. Battlefield V, che sta per "Five" o "Victory" (non abbiamo ancora capito qual è quella giusta, a dire il vero), è stato rivelato il mese scorso quando EA ha presentato un trailer di gameplay stravagante, roboante e altamente scriptato che non è piaciuto a moltissime persone. Era pieno di folli esplosioni, carri armati che si dirigevano verso gli edifici, una donna davvero tosta che indossa un braccio protesico, personaggi che scivolavano giù da una collina mentre abbattevano un aereo. Tutto questo è successo in una frazione di dieci secondi o qualcosa del genere, e va bene e tutto, ma abbiamo avuto la sensazione di vedere il remake di Dunkirk, ma questa volta scritto e diretto da Michael Bay.

In realtà, sembrava quasi che DICE volesse attirare l'attenzione di tutte quelle persone ancora ammaliate dal mondo vivido e folle di Fortnite, perché sicuramente non assomigliava a nulla di relativo a Battlefield. Fortunatamente, quel piccolo trailer non ha reso giustizia al gioco, perché dopo aver giocato a Battlefiled V durante l'E3 2018, non solo siamo convinti che il prossimo capitolo sia il tipo di Battlefield che tutti conosciamo e amiamo, ma pensiamo anche che sarà il più coinvolgente e sorprendente visto fino ad oggi.

Battlefield VBattlefield V

Anche se il gioco è ancora una volta incentrato su combattimenti basati su classi, su larga scala, per cui la serie è conosciuta, ciò che ci ha davvero sorpreso sono stati i cambiamenti nel movimento dei giocatori. Non appena siamo entrati nella mappa di Narvik sulle innevate montagne norvegesi e abbiamo iniziato a correre verso il nostro obiettivo con la nostra squadra, tutto ci è sembrato molto più agevole rispetto alle precedenti. Scivolare giù per una collina, premere il pulsante per accovacciarsi e scivolare verso il basso per avanzare mentre si spara si è rivelato incredibilmente soddisfacente, e non rigido come azioni simili in altri giochi. Che inciampiate nel fango, colpito da un'esplosione violenta, o che vi tuffiate da una finestra al secondo piano, Battlefield V si rivela un'esperienza incredibilmente fluida.

Quindi, anche se parlare di "immersione" è una parola grossa con cui gli sviluppatori amano giocare, DICE è sempre stata fedele alle proprie dichiarazioni e ha mantenuto fede alle promesse. E Battlefield V non fa eccezione. Il sound design e gli ambienti giocano un ruolo altrettanto importante qui, in cui gli echi degli spari vi allertano in merito a battaglie vicine e i venti ghiacciati della Norvegia che bloccano la visuale, a volte. Anche la distruttività ambientale è stata migliorata, e se volete vedere quanto possono essere folli, basta guardare una clip di gameplay di qualcuno che guida un carro armato attraverso un edificio e vedere l'intera cosa crollare come un castello di carte. Dopo un'intensa battaglia a Narvik, l'intero villaggio può essere ridotto in macerie. Niente è scriptato e le macerie possono anche ferire i giocatori troppo vicini al caos. Detto questo, Battlefield V non sarà solo caratterizzato da distruzioni, ma anche da costruzioni. I giocatori possono fortificare diverse aree sulla mappa con sacchi di sabbia, scatole di munizioni e simili. Durante il nostro tempo con il gioco, ci è sembrato di essere davvero lì a Narvik, combattendo una vera guerra per riconquistare la baia dai tedeschi.

Battlefield VBattlefield VBattlefield V
Battlefield V

Questa sensazione di guerra vera e propria passa anche attraverso la nuovissima modalità di gioco chiamata Grand Operations, che consiste essenzialmente in quattro match multiplayer riunite in un'unica narrazione, ambientata nel corso di quattro giorni. Ogni giorno offre un nuovo obiettivo su ogni lato e nuove aree della mappa su cui concentrarsi. L'assedio di Narvik è iniziato con le forze alleate che saltavano dagli aerei in una modalità di gioco chiamata Airborne. Tutti i giocatori della squadra possono decidere da soli dove atterrare, e anche se atterrare vicino all'obiettivo potrebbe sembrare una grande idea in un primo momento, si potrebbe diventare un pratico bersaglio per i cecchini tedeschi. Gli inglesi hanno dovuto quindi cercare esplosivi sulla mappa per far saltare in aria cannoni anti-aerei tedeschi, che a loro volta potevano essere usati dall'Asse per distruggere gli aerei che trasportavano i rinforzi dei paracadutisti.

Il risultato del primo giorno deciderà quale tipo di vantaggi la squadra porterà con sé nel secondo giorno di combattimento. E così la partita continua con gli stessi giocatori e tutti mantengono le loro statistiche, ma questa volta combattono su nuove aree in una nuova modalità di gioco. Le Grand Operations possono concludersi prima del quarto giorno ovviamente, ma se le portate avanti fino alla fine tutti dovranno fare un ultimo tentativo per restare in vita con pochi rifornimenti rimanenti e poche munizioni. È come una morte improvvisa, ma molto più bella. DICE ha anche rivelato che stanno lavorando su una modalità Battle Royale per Battlefield V, ma non erano pronti a mostrarlo all'E3. Detto questo, la serie è nota per le sue grandi mappe e il gameplay tattico, quindi non vediamo l'ora di saperne di più al momento del lancio del gioco il 16 ottobre.

Se non siete ancora convinti del fatto che DICE stia intensificando il suo gioco, aspettate quest'ultima notizia: Battlefield V non avrà un pass premium. Invece, ogni singolo pezzo di contenuto scaricabile sarà reso disponibile gratuitamente. In questo modo la community sarà unificata in quanto ha accesso allo stesso contenuto in ogni momento. Era ora, finalmente. Altre modifiche grafite sono ancora più enfatizzate dal gioco di squadra, in quanto i compagni di squadra riescono a trascinarsi l'un l'altro in sicurezza quando sono abbattuti e la rimozione della deviazione casuale del proiettile presente in Battlefield 1. Quindi, anche se Battlefield V può sembrare molto simile al suo predecessore, sembra un'esperienza nuova di zecca grazie al movimento fluido e ad alcune piccole modifiche. Siamo lieti di sapere che DICE si sta concentrando su questo genere di cose dal momento che l'esperienza di base di Battlefield è già ben consolidata e probabilmente non dovrebbe allontanarsi troppo dai sentieri battuti. Tutto ciò si aggiunge a una viscerale Seconda Guerra Mondiale che non vediamo l'ora di provare più avanti in autunno.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Battlefield VScore

Battlefield V

RECENSIONE. Scritto da Kim Orremark

Riuscirà Battlefield a competere con altri giganti del genere quest'anno?



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.