LIVE
logo hd live | Ninja Gaiden: Master Collection
See in hd icon
Italiano
Gamereactor
articoli
World of Warcraft: Classic

Burning Crusade - Noi siamo pronti

Abbiamo parlato con Ion Hazzikostas mentre i giocatori si preparano ad attraversare di nuovo il Portale Oscuro.

Burning Crusade è stata la prima espansione di World of Warcraft, e anche molto amata, nel 2007. Nonostante l'antagonista Illidan Stormrage abbia avvertito i giocatori che non erano "pronti", l'espansione ha battuto i record, i server sono stati inondati di giocatori ed è stato conosciuto un mondo completamente nuovo in Outlan. Ora, i giocatori di World of Warcraft Classic avranno la possibilità di rivisitare questa grandiosa espansione quando verrà lanciata il 1° giugno. Preparandoci ancora una volta a passare il Portale Oscuro, abbiamo chiacchierato con il game director Ion Hazzikostas, che pensa che i giocatori siano decisamente "preparati" ad affrontare Illidan Stormrage questa volta.

"Penso che i giocatori siano abbastanza preparati. Una delle cose divertenti del ritorno di Classic e di Burning Crusade, è vedere cosa può fare una base giocatori moderna con questi 15 anni di esperienza. Ciò che Burning Crusade offre è l'esplorazione delle Outlands e per molte persone un ritorno a dove erano rimasti nel 2007, un'opportunità per rivivere quei giorni. Ma per la nuova generazione è la possibilità di sperimentare qualcosa che si sono persi, qualcosa di cui hanno solo sentito parlare, come Illidan e Kael'thas, che gestiscono Shattered Halls... possono finalmente provarlo con tutti gli altri per la prima volta. Dipende dalla prospettiva in cui ti trovi. Alcune persone pensano di avere il gioco risolto, alcuni vogliono andare alla cieca e provarlo per la prima volta. Ma sarà una grande avventura per tutti."

Per provare WoW Classic o Burning Crusade Classic, hai solo bisogno di un abbonamento attivo a World of Warcraft: non è necessario acquistare il gioco o l'espansione, anche se sono disponibili un Dark Portal Pass (€ 39,99) e un Digital Deluxe Edition (€ 64,99) che puoi acquistare, se vuoi qualcosa in più nella tua avventura. Ma indipendentemente da come si comportano i giocatori, ci chiediamo... ci sono più nuovi giocatori o veterani che si godono WoW Classic?

"A dire il vero, è un mix. Una delle cose che ci ha sorpreso quando è uscito WoW Classic... pensavamo che per molte persone sarebbe stato un viaggio nostalgico, un'occasione per rivisitare un'era videoludica che si sono persi, ma quello che abbiamo visto è che centinaia di migliaia di persone sono entrate per la prima volta. Sono circa in parti uguali rispetto alle persone che tornano a giocare, alle persone che stanno giocando a WoW Shadowlands e che vogliono provare il gioco classico , e anche le persone che entrano per la prima volta."

"In quanto giocatore io stesso nel passato, ho dedicato un'enorme quantità di tempo a Burning Crusade, quindi conosco molto bene il gioco e lo ricordo molto bene. Non ci sono in realtà cose che ho dimenticato e ne sono rimasto sorpreso, ma ripensandoci e ricostruendolo, una delle cose più impressionanti è stata quella di realizzare l'interconnessione e il progresso di quest, dungeon, armonizzazioni e raid, mentre l'originale WoW erano esperienze più autonome che sono state rilasciate nel corso un paio di anni. Burning Crusade è stato pianificato in modo magistrale, progettato con questa struttura a più livelli, in cui le persone e le loro gilde ha collaborato per raggiungere l'obiettivo di combattere Illidan nel Tempio Nero. Era molto ambizioso, e mentre ricostruivano la sua logica logica, ci siamo ricordati quanto fosse stata grande l'impresa messa in atto dal team originale."

World of Warcraft: Classic

Ion Hazzikostas ha confermato che questa nuova versione avrà un diverso programma di lancio per i contenuti. L'originale Burning Crusade è uscito con un sacco di contenuti end game, ma i giocatori hanno dovuto aspettare molto tempo prima di ottenere le patch successive. Per la versione Classic, Blizzard rilascerà il gioco con contenuti end game inferiori e lo amplierà con più patch. Indipendentemente da questo, non c'è ancora nulla di totalmente definitivo e Ion Hazzikostas ci ha assicurato che il feedback dei giocatori determinerà la frequenza con cui verranno resi disponibili i nuovi contenuti. Questa schedule, però, non sarà l'unico cambiamento tra la versione originale e quella classica.

Quando un'espansione viene lanciata in World of Warcraft, tutti i giocatori ottengono modifiche ai talenti e alle abilità che ne derivano, anche se non acquistano l'espansione. Non sarà così per Burning Crusade Classic, poiché Blizzard è consapevole che alcuni giocatori vogliono mantenere l'esperienza classica originale.

"Sappiamo che quando alcune persone si sono iscritte per giocare a Classic, volevano solo l'esperienza classica, con level cap a 60, con quei talenti e quell'ecosistema. Quello che abbiamo fatto è stato preservare un ambiente dell'era classica e permetteremo ai giocatori di scegliere. Possono portare i loro personaggi nell'era Burning Crusade o continuare nell'era classica originale. Volevamo assicurarci che i giocatori avessero ancora questa possibilità di scelta."

World of Warcraft: ClassicWorld of Warcraft: Classic

Dopo l'annuncio di Burning Crusade Classic, molti giocatori hanno ipotizzato che Classic potrebbe essere una trilogia, composta da WoW, Burning Crusade e Wrath of the Lich King. Pensiamo che abbia senso, non solo perché portare il combattimento ad Arthas è davvero la fine di un ciclo, ma anche perché il rilancio di Cataclysm non avrebbe molto senso, poiché Cataclysm è proprio il motivo per cui avevamo bisogno di Classic in primo luogo, poiché ha cancellato il contenuto originale di Azeroth. Blizzard non l'ha ancora ammesso, ma sembra proprio che questo sia il piano.

"In questo momento ci stiamo concentrando sul lancio di Burning Crusade e metterlo nelle mani dei giocatori. Ma ascolteremo la nostra community vedremo cosa vogliono fare dopo, e questa è sicuramente un'opzione."

Quello che non c'è è un'opzione per consentire ai giocatori Classic di passare al WoW moderno, poiché sarebbe ingiusto per i giocatori. Il motivo principale è che ci sono molti oggetti rari di quell'epoca che i giocatori non possono più ottenere nel gioco base, e consentire ai giocatori di passare da Classic a Shadowlands lo "romperebbe". Ciò renderebbe inutili i risultati dei giocatori di allora e costringerebbe in qualche modo i giocatori a giocare a Classic, anche se non vogliono.

Questo è tutto dalla nostra intervista, ma il 1° giugno attraverseremo il Portale Oscuro per offrirvi la nostra recensione. Ci vediamo nelle Terre Esterne?

World of Warcraft: ClassicWorld of Warcraft: Classic
World of Warcraft: ClassicWorld of Warcraft: Classic

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.