Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Empire of Sin

Empire of Sin - La nostra prova dalla Gamescom 2019

Abbiamo provato questo nuovo gioco tattico gangster ambientato durante il proibizionismo.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Eravamo già stati conquistati da Empire of Sin prima ancora di giocarci alla Gamescom, dal momento che il gioco tattico basato sui sistemi firmato da Romero Games ha dalla sua parte un sacco di ingredienti fantastici a cui è difficile essere parziali. Il claim "Quando Xcom incontra l'era del proibizionismo di Chicago" ha sicuramente fatto un certo effetto su di noi, e dopo aver parlato con John Romero recentemente, non vedevamo l'ora di mettere le mani sul gioco.

Prima di provare la demo alla Gamescom, in uno stand a porte chiuse a Colonia, abbiamo anche avuto la possibilità di parlare con la creator-in-chief Brenda Romero, che ci ha raccontato tutto della sua idea dietro a Empire of Sin oltre ad averci condiviso alcune sue esperienze aneddotiche con il gioco (puoi gustarti l'intervista completa alla fine di questo articolo), ma l'aspetto senza dubbio più interessante è stato metterlo alla prova, dal momento che siamo grandi fan del genere e non vedevamo l'ora di capire cosa avesse da offrire.

La demo ci ha dato la possibilità di scegliere tra diversi personaggi iniziali, ma naturalmente abbiamo scelto IL gangster che per molti aspetti definisce l'epoca, il famigerato Alphonse Gabriel "Al" Capone. Capone era uno spietato leader che ha commesso la giusta dose di crimini in un periodo di tempo in cui il Governo degli Stati Uniti, nella sua infinita saggezza, decise che sarebbe stata una buona idea vietare il consumo di alcool. Questa decisione di mettere fuorilegge l'alcool ne ha semplicemente spinto l'uso e la vendita nell'ombra, dove uomini come Capone hanno potuto sfruttare la situazione a proprio vantaggio e Empire of Sin è un gioco che esplora questo affascinante e sanguinoso periodo della storia nord-americana.

Quasi subito il nostro amico Al ha arruolato un paio di seguaci - un'assassina letale di nome Maria e un enorme bruto ironicamente chiamato Baby dai suoi "colleghi" - e con questo dinamico duo al seguito, abbiamo iniziato a mettere le mani su Little Italy.

Empire of SinEmpire of Sin

Predisporre ondate in Empire of Sin comporta acquisizioni ostili e un'espansione aggressiva della tua attività criminale. Ci sono personaggi con cui parlare, sia nelle strade che nelle rivendite clandestine di alcolici nella città - ma come disse una volta lo stesso Capone, ne otterrai di più con poche parole gentili e una pistola carica di quante ne avrai con poche parole gentili, e qui sembra che la pistola carica sia l'elemento essenziale quando si tratta di persuadere i colleghi di racket a rinunciare al controllo dei loro stabilimenti.

Guardi l'azione dall'alto, osservando contemporaneamente sia gli ambienti interni sia quelli esterni o scorrendo verso l'alto per avere una visione d'insieme di tutta la città e dei suoi numerosi quartieri. Qui puoi tenere traccia delle tue unità mentre queste si muovono per la città, scorrendo dentro e fuori facilmente (sembra che l'obiettivo sia quello di rendere questo spostamento tra le strade e le panoramiche della città senza soluzione di continuità, ma a volte l'azione viene interrotta da una breve schermata di caricamento) e inviando le tue unità ai loro vari obiettivi della città.

La maggior parte dei nostri obiettivi erano distillerie e bar, quindi la nostra squadra di tre uomini sarebbe entrata in un edificio e avrebbe iniziato un combattimento con i gangster che aspettavano all'interno. Non abbiamo visto alcun bar al di fuori di questa area di partenza, quindi non possiamo parlare della varietà complessiva offerta, ma dopo un'ora di gioco a Little Italy gli ambienti hanno iniziato ad essere un po' ripetitivi, così come il ritmo del combattimento , anche se ci sono tutte le possibilità che la demo sia stata impostata su "facile per i giornalisti", impedendoci di non usare tutti gli elementi tattici a nostra disposizione ad eccezione della forza bruta, che invece ha funzionato in modo efficiente durante la nostra sessione hands-on.

Empire of Sin

I bar e le birrerie ci sono apparsi tutti abbastanza simili e i combattimenti si svolgevano tutti in modo piuttosto prevedibile, quindi la nostra speranza è che ci sia molta più varietà non appena ci troveremo ad esplorare nuovi distretti. C'è una certa flessibilità in termini di approccio in ciascun incontro, in quanto puoi raccogliere (e acquistare) nuove armi per la tua banda, e in uno stile simile a quello di Xcom, hai un mix di attacchi standard con pistole e granate, oltre a un paio di mosse speciali.

I personaggi si alternano per spendere un numero finito di punti azione per muoversi e attaccare in ambienti basati su griglia. L'ordine del turno è dettato dal personaggio con la più alta iniziativa (ciò significa che il vecchio Al è sempre andato per primo), quindi si tratta di trovare riparo e colpire i tuoi nemici con qualsiasi strumento tu abbia a disposizione. Puoi scorrere i tuoi obiettivi disponibili e capire la probabilità di un attacco riuscito e, in generale, l'interfaccia utente è pulita e semplice da capire, specialmente per gli ex studenti Xcom.

Durante alcune battaglie, è possibile imbattersi in un avversario nominato e questi incontri spesso si concludono con un brutale takedown in cui hai la possibilità di risparmiare il nemico o tagliargli la gola. Abbiamo anche preso parte a un "sit down" durante la demo, in cui abbiamo parlato con un boss in competizione sul cui territorio ci eravamo mossi. Avevamo la scelta di lasciarlo stare o di combattere, e anche se il nostro rivale sta sicuramente dormendo con i pesci al momento, non vediamo l'ora di scoprire cosa succede quando decidiamo di prendere una strada più diplomatica.

Empire of Sin

Ci sono altre cose interessanti, come le missioni secondarie tratte dai personaggi della strada (abbiamo incontrato un ragazzo che stava producendo un moonshine così forte che lo ha lasciato temporaneamente cieco - ovviamente abbiamo finanziato il suo sforzo) e le relazioni in evoluzione tra i nostri membri della gang. Durante la demo, uno dei nostri personaggi si è innamorato di un altro, che ha fornito un'interessante nuova dinamica, ma poi ci è sembrato di aver accelerato questa relazione alla velocità della luce, un aspetto che gli ha impedito di sentirsi veramente dinamico. Eventualmente, con un po' più di spazio per respirare, queste relazioni appariranno più organiche e significative.

Una volta che hai combattuto per il controllo di una base nemica, puoi adattarla alle tue esigenze, trasformandola in un casinò, in un bar, in una distilleria o persino in un bordello. Una volta che hai fatto questa scelta, spetta a te usare la tua pentola d'oro per migliorare i tuoi stabilimenti e l'idea è quella di attirare il maggior numero possibile di clienti, nel frattempo prendendo decisioni che normalmente assoceresti ad un capo di una gang di malavitosi. Per fare un esempio di questo processo decisionale, abbiamo dovuto scegliere se assecondare o meno un sergente di polizia che continuava a perdere denaro nei nostri casinò e, a quanto pare, la nostra decisione di farci pagare per intero avrà una sorta di conseguenza, anche se non siamo riusciti a scoprirlo da soli durante la demo.

La colonna sonora ci è parsa eccezionale e ben presto ci siamo trovati a picchiettare le dita sulle sue melodie travolgenti, e le immagini sono certamente piene di carattere e piacevolmente dettagliate. Detto questo, questa build iniziale mostrava ancora alcune imperfezioni. Dato che si tratta di un work-in-progress, è comprensibile che non fosse ottimizzato dal punto di vista tecnico, eppure a volte sembrava che i nostri clic non rispondessero a causa di un leggero lag, e abbiamo trascorso molto tempo facendo clic con il tasto destro e sinistro per errore mentre cercavamo di fare in modo che le nostre unità facessero esattamente quello che volevamo. In poche parole, a volte è stato un po' complicato e c'è ancora del lavoro da fare per ottimizzare l'esperienza.

In effetti, in generale, quanto abbiamo appena detto vale per la maggior parte di quanto abbiamo visto e giocato a Colonia. Empire of Sin rappresenta un buffet di buone idee racchiuso in un tema eccellente, eppure tutto sembra un po' lento e potenzialmente ripetitivo in base a quell'ora che abbiamo trascorso a giocare in sua compagnia. Tuttavia, poiché il gioco non dovrebbe arrivare prima del secondo trimestre del prossimo anno, quindi il team ha molto tempo per aggiungere varietà, appianare i nodi e bilanciare il ritmo complessivo dell'esperienza. Se Romero Games riuscirà in questa impresa, ci aspetta una sorpresa assoluta nel 2020, e teniamo le nostre dita incrociate sul fatto che Empire of Sin si rivela altrettanto buono come il suo mood inebriante sembra suggerire.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità