Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
preview
Gloomwood

Gloomwood - Impressioni dalla demo

Abbiamo dato un'occhiata al sim immersivo ispirato a Thief di New Blood Interactive.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Annunciato in occasione del PC Gaming Show in sostituzione dell'evento analogo previsto per l'E3, Gloomwood è stato disponibile per qualche settimana in forma giocabile attraverso una delle numerose demo che sono state rese disponibili in occasione del Summer Games Festival di Valve.

New Blood Interactive è partito in quarta e ha offerto un link diretto alla pagina di Steam del gioco (thiefwithguns.com), che ha lasciato pochi dubbi in merito alle fonti di ispirazione del gioco. Va anche detto che il gioco è sviluppato da Dillon Rogers e David Szymanski, l'ultimo dei quali ha realizzato lo sparatutto vecchia scuola Dusk, un gioco che ci è piaciuto giocare in Early Access (ahimè, non siamo mai riusciti a recensirlo, ma se ti piacciono gli shooter classici in stile Quake, dacci un'occhiata).

Se il focus di Dusk era l'azione FPS brutalmente veloce con un tocco vintage, il ritmo è molto diverso in Gloomwood. Prima di tutto, è in parte horror/survival e in parte sim immersivo. Il "Thief con le pistole" è una descrizione appropriata per questo gioco, e certamente si riferisce alll'atmosfera opprimente e desolante dei primi giochi di Thief, che erano particolarmente inquietanti grazie alla scarsa illuminazione e all'aspetto cupo dei suoi livelli. Questi titoli erano stati anche molto amati dai giocatori per via del fatto che concedessero molta apertura agli utenti, un elemento che mancava nel reboot.

Gloomwood trasporta il giocatore in una oscura città di ispirazione vittoriana con edifici alti e imponenti e sbarre di ferro che separano le diverse aree intorno alla città. In questo gioco, abbiamo il compito di evitare lo sguardo di nemici dall'aspetto inquietante e dei loro coni di visione retrò, o di bestie più imprevedibili che dimorano in superficie. Il linguaggio visivo è abbastanza palese, in cui guardie ignare che appaiono prima verdi, poi gialle quando si mettono sulle tue tracce, fino a quando non ti vedono e ti fanno a pezzi con un'ascia o ti fanno saltare il cervello con un fucile; il loro sguardo penetrante rosso sarà l'ultima cosa vedi prima di riavviare la partita (tornando al fonografo dove hai salvato l'ultima volta, un po' come la macchina da scrivere nel classico Resident Evil).

Gloomwood

Il combattimento si basa, ovviamente, su meccaniche stealth e una delle prime cose in cui ti imbatti è una lama corta, che ti permette di abbattere una guardia vicino all'entrata di una fogna. Non molto tempo dopo vieni equipaggiato con un fucile e un revolver (con una manciata di proiettili, la maggior parte dei quali vanno recuperati dai cassetti o dagli angoli debolmente illuminati fuori dai sentieri battuti). Ho sentito qualche vibrazione in stile Dishonored e cariche di storia, sebbene ci sia anche qualcosa di più primordiale in Gloomwood, una grinta animata fatta di porte scricchiolanti e un ringhio gutturale dai toni bassi che puoi sentire quasi con costanza. L'uso opprimente di luce e buio contribuisce ulteriormente alla creazione della sua atmosfera lugubre.

Dopo un paio di morti, l'ambiente si è aperto a noi e abbiamo toccato con mano il combattimento. Gli attacchi caricati sono mortali contro i nemici inconsapevoli, quindi è sempre consigliabile avvicinarsi di soppiatto ai tuoi obiettivi, anche se puoi comunque contare sulla pistola nel caso in cui ti trovassi nei guai, anche se le munizioni limitate significano che questo non è l'obiettivo principale del gameplay. Nella vera modalità sim immersiva, puoi accovacciarti, strisciare e metterti dietro gli angoli per vedere cosa sta arrivando. Tuttavia, sono gli elementi visivi distintivi che lo aiutano a distinguersi e, sebbene ovviamente possa essere migliore, l'estetica in stile vecchia scuola conferisce agli sviluppatori un brief definito su cui lavorare e che ha portato a un'identità visiva chiara e logica che funziona all'interno dell'ambientazione.

Gloomwood sarà disponibile entro la fine dell'anno e i fan dei classici giochi stealth di una volta farebbero bene ad inserirlo nella loro lista dei desideri.

Gloomwood

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto