Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
articoli

Google Stadia - La prima recensione

Stadia arriva in diversi Paesi europei a partire da domani e abbiamo già messo alla prova il servizio per capire se è davvero la rivoluzione che stavamo aspettando.

Google Stadia deve affrontare una sfida importante. Certo, il servizio è ormai in procinto di offrire un'alternativa basata su cloud ad un settore solitamente basato su hardware, ma deve comunque soddisfare tutti i requisiti molto specifici che solitamente i fan molto esigenti dei videogiochi richiedono, pur non offrendo un abbonamento, ma anzi richiede ai consumatori di acquistare giochi a prezzo pieno. Per questo motivo, ci pare necessario chiarire un aspetto: Stadia non è il "Netflix dei videogiochi", nonostante questa sia stata la sua prima descrizione in termini di marketing.

Qui, in quanto consumatore, devi scegliere di acquistare il tuo gioco su Stadia anziché su PlayStation 4, Xbox One o PC tramite una nutrita varietà di piattaforme che supportano il servizio. Questo è il motivo per cui non basta offrire una soluzione basata su cloud: è necessario poter competere direttamente con i colossi del settore. Di recente abbiamo ricevuto un'unità Founder's Edition, che arriverà molto presto nelle case di quei giocatori che hanno prenotato uno di questi pacchetti (anche se alcuni lo riceveranno con un po' di ritardo, come precisato dalla stessa Google) e finalmente possiamo offrirti le nostre prime impressioni su questa tanto chiacchierata piattaforma.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Configurazione

Google Stadia ha dimensioni diverse rispetto a tante altre piattaforme, semplicemente perché non ha un hardware fisico da collegare allo schermo del PC. Il confronto più vicino è il Chromecast Ultra, tra l'altro incluso nel pacchetto, che è essenzialmente solo un tipo di mirror Android per applicazioni e contenuti sul tuo telefono o tablet. Questo potrebbe lasciarti pensare che la configurazione del sistema sia, quindi, un compito facile, ma non lo è. Non basta solo estrarre il controller Stadia, collegare il Chromecast Ultra e fatto. È necessario un telefono o un tablet con l'applicazione Stadia installata per registrare il tuo account e configurare il Chromecast incluso.

Già, è più un fastidio di quanto si possa pensare. Detto questo, è possibile avviare Stadia senza l'applicazione dopo averlo configurato premendo una sequenza di pulsanti sul controller. No, non è particolarmente elegante, ma almeno diventa più facile dopo la prima installazione. Fortunatamente, l'applicazione è ben progettata ed è chiaro fin dall'inizio che Google abbia progettato l'interfaccia di Stadia affinché fosse user-friendly. Tuttavia, può essere molto difficile individuare esattamente dove si trovano determinate impostazioni e come personalizzare la propria esperienza attraverso la suddetta interfaccia. Ad esempio, ci è stato davvero impossibile inserire i codici per i giochi attraverso l'applicazione o tramite Chromecast (per farlo è stato necessario visitare il sito Web ufficiale di Stadia).

Detto questo, l'interfaccia utente è funzionale e veloce e, dopo l'installazione, il periodo di test ha funzionato in modo relativamente regolare. Tuttavia, ci vuole un po' di tempo prima di riuscire ad abituarsi. Sarebbe stato senza dubbio più semplice se Stadia fosse stato lanciato con solo un minuscolo hardware; magari un Chromecast Stadia, in grado di ospitare un'interfaccia standardizzata volte ad ospitare tutte le impostazioni in un unico spazio, in modo che gli utenti non siano costretti ad aprire un'applicazione o un browser per accedere alle funzioni essenziali. Fortunatamente, una volta impostato l'account, utilizzare Stadia da un computer andando su Stadia.Google.Com è estremamente semplice. Ci vogliono circa 15 secondi per decidere a cosa giocare e iniziare. Inoltre, il controller di Google Stadia richiede solo 10 secondi di installazione tramite USB sul computer, quindi anche questo è un bene.

Google Stadia - La prima recensione

Controller

Parliamo del controller. È probabilmente uno degli aspetti più impressionanti del servizio Stadia allo stato attuale. I clic e la resistenza nei pulsanti sono soddisfacentemente tattili e, allo stesso tempo, sta molto comodamente tra le nostre mani. Diciamo che è paragonabile al DualShock 4 dal punto di vista del design, anche se con un po' più di peso fisico. È anche un ottimo controller e quando si gioca a tutto, da Mortal Kombat 11 a Shadow of the Tomb Raider, ci è piaciuto usarlo. In effetti, funziona bene quando si gioca praticamente a tutti i titoli di lancio.

Stranamente, la qualità della building del controller Stadia ti fa pensare a cosa accadrebbe se un giorno Google decidesse di progettare una vera console da gaming. Tuttavia, ci sono alcune fastidiose restrizioni. Se desideri utilizzare un computer anziché il tuo Chromecast Ultra, il controller non funziona in modalità wireless; deve essere collegato tramite USB (tuttavia, è possibile utilizzare altri controller). Questo accade, ad esempio, se usi un tablet con Chrome (che, garantito, non è il metodo ufficiale per usare Stadia, ma funziona, ma ci torneremo più avanti), e dovrai anche trovare un adattatore da USB-C a USB-C per utilizzare il controller con il cavo. Questo nonostante il fatto che Google vanti l'usabilità in WIFI del controller - eppure non può essere utilizzato in modalità wireless se lo usi su qualcosa di diverso dal Chromecast Ultra.

Google Stadia - La prima recensione

Funzionalità

La promessa base di Stadia è sempre stata il fatto che gli utenti possano portare con sé le loro esperienze di gioco in viaggio. Poiché l'industria videoludica ci offre già esperienze abbastanza solide tramite console o PC, queste sono ovviamente fino a un certo punto stazionarie e Stadia non è legata a nessun hardware fisico. Questo è il motivo per cui è difficile non rimanere colpiti potentemente la prima volta che esci di casa e tiri fuori il tuo laptop e accendi Shadow of the Tomb Raider senza che la macchina si surriscaldi affatto. Ma ancora, ci sono comunque dei problemi, perché anche se Chromecast supporta 4K/60FPS, la versione di Chrome utilizzata su un computer non può essere eseguita in 4K - tale funzione è supportata solo su Chromecast Ultra. Inoltre, la versione per PC non supporta HDR o surround 5.1.

Allo stesso tempo, è abbastanza deludente che Google abbia scelto di lanciare Stadia in Paesi in cui non hanno lanciato i due smartphone su cui Stadia funziona effettivamente. Stadia attualmente richiede una connessione WiFi e non può essere abilitato su 4G. Entrambe queste cose sono abbastanza fastidiose, in quanto ti costringono essenzialmente a utilizzare un computer o un tablet per attivare il tuo Stadia, il che è un po' deludente, soprattutto quando l'esperienza ti limita a luoghi con WiFi solido. A parte questo, ci viene da dire tablet, ma i tablet non sono ancora una piattaforma ufficiale. In realtà, solo i tablet ChromeOS supportano Stadia, ma è possibile impostare il proprio browser Chrome per tablet sulla visualizzazione standard di Stadia.Chrome.Com e avviare un gioco. Ciò, tuttavia, richiede l'utilizzo di un adattatore da USB-C a USB-C e non funziona in modo ottimale.

Purtroppo, ancora una volta, non è l'unica cosa che manca. Stadia manca della funzione Stream Connect, Stat Share e Crowd Play - tutte le funzionalità multiplayer che integrano Stadia con Youtube, rendendo possibile la collaborazione con altri utenti durante una partita. Allo stesso tempo, non ci sono applicazioni Stadia TV: questo deve passare attraverso Chromecast Ultra e se stavi pensando di utilizzare il tuo Chromecast Ultra in tuo possesso, non potrai farlo, poiché solo il Chromecast Ultra della Founder's Edition viene fornito con firmware giusto a partire da ora. Non c'è neanche la condivisione per la famiglia.

Stadia ha un sistema di obiettivi e puoi accedere alle liste (simili ai trofei e agli achievement rispettivamente su PlayStation e Xbox), ma manca qualcosa di basilare come le notifiche che ti aggiornato quando ottieni un trofeo. Google Assistant non è stato completamente implementato al momento del lancio, poiché l'unica cosa che l'assistente può fare è avviare Stadia tramite Chromecast e avviare una partita. Questo è tutto. È tutto abbastanza spartano. Il servizio è stato lanciato con 22 giochi, molti dei quali sono a prezzo pieno, e il principale momento "wow" arriva esclusivamente dalla possibilità di accedere ai giochi tramite un vecchio ultrabook o tablet durante un ritiro nel bosco (a condizione che la posizione abbia un buon WiFi). L'idea è davvero interessante di per sé, ma mantiene le promesse di Google sin dalla prima presentazione di Stadia? Non la pensiamo così.

Google Stadia - La prima recensioneGoogle Stadia - La prima recensioneGoogle Stadia - La prima recensione

Funziona?

Molti di voi probabilmente vorranno sapere se la vera esperienza di gioco su una connessione Internet ad alta velocità funzioni davvero o meno. Forse sei disposto a guardare oltre la desolata library di giochi e le funzionalità mancanti se ciò significa che puoi giocare in 4K / 60FPS con audio surround 5.1 senza alcun hardware di fascia alta a tua disposizione. Possiamo riferire felicemente che la nostra esperienza con Stadia per quanto riguarda le prestazioni è stata abbastanza sorprendente - il più delle volte.

Ci siamo concentrati principalmente su Mortal Kombat 11, Destiny 2 e Shadow of the Tomb Raider, in cui risoluzione e frame-rate sembravano piuttosto robusti. Tuttavia, questo è stato possibile principalmente su una connessione da 1000 MBps, ma anche avviando diverse serie Netflix e scaricando contemporaneamente grandi library musicali di Spotify su due smartphone, la qualità dell'immagine non ne ha risentito. Ciò che non è riuscito a mantenere una performance costante è stato il suono. Le interruzioni del suono si sono verificate più di una manciata di volte, in cui il gioco "ha perso" l'audio prima di recuperarlo di nuovo. Alla fine, abbiamo provato anche Red Dead Redemption 2, e anche se il gioco ha mantenuto la sua risoluzione durante il primo capitolo, abbiamo notato un certo lag.

Il più delle volte, tuttavia, non abbiamo riscontrato un lag significativo sugli input del giocatore, quindi nonostante alcune interruzioni per il suono, Stadia ha funzionato in modo impeccabile durante il periodo di test; tuttavia, dobbiamo notare che questi test sono stati condotti in condizioni relativamente ideali e la valutazione finale includerà una serie di test di varie velocità di Internet. Quello che possiamo dirti è che Stadia funziona come previsto negli uffici di Gamereactor, ma non sappiamo come questo possa essere paragonato alle esperienze dei consumatori quando il servizio verrà preso d'assalto da utenti desiderosi di provarlo al lancio domani.

Google Stadia - La prima recensione

Recensione preliminare

Google Stadia è senza dubbio un prodotto che lascia a bocca aperta e durante il nostro periodo di test, abbiamo giocato a Mortal Kombat 11 e Red Dead Redemption più volte su un Samsung Galaxy Tab S6 e un Dell XPS 15, e siamo rimasti piuttosto colpiti da ciò che ora è possibile grazie alla potenza del cloud. Ciò che possiamo notare, tuttavia, è che praticamente tutti gli altri aspetti di una solida esperienza di gioco sono evidenti con la loro assenza. L'interfaccia utente è semplice ma anche insoddisfacente, la library di giochi è desolante nonostante le aggiunte dell'ultimo minuto, mancano alcune funzionalità cruciali e Stadia non è disponibile su telefoni diversi dai dispositivi Pixel di Google, che devono ancora essere rilasciati in molte Paesi in cui Stadia sarà presto disponibile.

Stadia è eccitante. In effetti, sembra che il futuro sia abbastanza vicino da raggiungere, ma allo stesso tempo è abbastanza chiaro che il servizio non è ancora pronto a conquistare il mondo.



Caricamento del prossimo contenuto