Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
articoli
Perfect Dark

I videogiochi che hanno fatto la storia - Perfect Dark

Ora che l'avventura di debutto di Joanna Dark celebra il suo ventesimo compleanno, diamo uno sguardo a uno dei migliori shooter pubblicati su N64.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Nel 1999, il nostro io diciassettenne avrebbe voluto tantissimo giocare ad un vero e proprio sequel di GoldenEye 007, il classico sparatutto a tema James Bond e uno dei titoli di spicco pubblicato su Nintendo 64. Non siamo gli unici ad essere rimasti amaramente delusi dal fatto che Tomorrow Never Dies (1997), la seconda pellicola con Pierce Brosnan nei panni di Bond, non abbia ottenuto la stessa controparte videoludica come il suo eccellente predecessore. Invece, i fan di Bond hanno ricevuto un tie-in medio realizzato da Black Ops Entertainment ed EA Games 1999, ma meno si dice e meglio è. L'anno seguente, tuttavia, è stato pubblicato Perfect Dark, una nuova serie di sparatutto in prima persona sviluppata da GoldenEye Rare, questa volta affiancata da un nuovo eroe. O meglio, eroina.

Il nome è Dark, Joanna Dark.

Perfect Dark

E così è iniziata la nostra avventura con un nuovo agente segreto, uno che ha lasciato dietro di sé l'approccio profondamente maschile della spia gentiluomo preferita da tutti a favore di un approccio più insolente e maggiormente influenzato da Lara Croft. Anche se sicuramente avevano perso la magia nel creare un gioco dedicato a Bond, questo cambiamento ha dato agli sviluppatori di Rare la possibilità di creare qualcosa di nuovo, interamente da zero, e il risultato è stato uno sparatutto che ha preso in prestito il meglio del gameplay di GoldenEye e lo ha impacchettato con una storia in stile X-Files, piena di alieni e cospirazioni aziendali.

La campagna storia è stata fantastica, ma accedervi non è stato semplice. Il motivo: Perfect Dark è stato uno dei giochi approdati nell'ultima parte del ciclo di vita di N64 e quindi i giocatori avevano bisogno di un Expansion Pak (un enorme aggiornamento da 4 MB di RAM che si poteva inserire nella parte superiore della console) per accedere a buona parte dei contenuti del gioco. Fondamentalmente, era inutile possedere il gioco se non avevi la RAM aggiuntiva, il che significava che molte persone si sono fatte scappare questa avventura all'epoca, anche se hanno potuto recuperarlo in un secondo momento grazie a un remaster pubblicato nel 2010 su Xbox 360 (che includeva il multiplayer online) e a Rare Replay del 2015, in cui l'Agente Dark ha potuto brillare ancora una volta, questa volta su Xbox One.

Perfect Dark

Perfect Dark è ambientato nel 2023, con macchine volanti e ogni sorta di tecnologia del futuro totalmente assurdo, e la visione che Rare dà del futuro era incredibilmente inverosimile. Con armi avanzate e un costume ispirato a personaggi come quelli di Ghost in the Shell, eravamo molto lontani dalla sobria raffinatezza di 007, in un mondo ispirato a Blade Runner con temi noir ma meno testosterone.

La trama era caratterizzata da un ritmo intrigante e missioni ricche di azione, in quanto Dark si scontrava con un'organizzazione oscura chiamata dataDyne, oltre a occuparsi di piccoli uomini grigi provenienti dallo spazio, tra cui un ragazzo chiamato Elvis che ha un ruolo fondamentale. Con armi ad alta tecnologia e colpi di scena che ti tengono con il fiato sospeso, il gioco era una vera e propria montagna russa. Ancora meglio, era giocabile con un amico in modalità cooperativa e c'era anche un'opzione per giocare contro il tuo amico nella campagna, dove il tuo amico assumeva il ruolo dei vari NPC che stanno cercando di sconfiggerti.

Perfect Dark

Eppure, per noi, è stato il multiplayer a fare il successo del gioco, e sebbene non abbia lo stesso posto nel nostro cuore di GoldenEye, Perfect Dark è comunque riuscito a offrire un'esperienza PVP sorprendentemente buona. Fino a quattro giocatori potevano condividere uno schermo, e allora, quando gli schermi erano generalmente molto più piccoli di quanto lo siano oggi, ciò significava alcune sessioni multiplayer seriamente ristrette con te e tre amici raggruppati attorno a una televisione quadrata, con controller N64 a forma di tridente in mano, agitando le loro proprie levette analogiche e spingendosi a vicenda.

È stato fantastico poter giocare con un massimo di altri tre utenti sullo stesso schermo, ma avevamo tutti quegli amici che non potevano fare a meno di passare la maggior parte della partita a spiarti dall'angolino e cercare di ottenere un vantaggio ingiusto. Su questo fronte, Perfect Dark ha prodotto stili di gioco AI personalizzabili che hanno dato personalità extra ai personaggi controllati dal computer e reso accessibili le modalità competitive anche a coloro che giocavano da soli e che cercavano di affinare le proprie abilità in vista della prossima sessione multiplayer.

Perfect Dark

La storia stravagante, il multiplayer stellare e le modalità di gioco innovative, e la protagonista Joanna Dark si sono fuse insieme per creare uno dei giochi più importanti del 2000. Per molti, tuttavia, verrà ricordato solo come il successore spirituale di GoldenEye 007, e questo è un lascito ingiusto per uno dei migliori giochi di Rare, a nostro parere. Ha ancora un suo perché, anche dopo tutti questi anni, e se le voci di un remake o un reboot in lavorazione si dovessero rivelare accurate, nutriremo subito aspettative altissime e incrociamo le dita per avere un gioco degno di quel nome.

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto