Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
articoli
No Man's Sky

No Man's Sky al PlayStation Experience

Due nuovi affascinanti trailer e nuovi succulenti dettagli relativi al nuovo attesissimo (e ambizioso) titolo di Hello Games.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Un anno fa, ai VGX (l'ultimo prima dei VGA), Hello Games - uno studio conosciuto ai più soprattutto per i loro titoli della serie Joe Danger - svelò al pubblico il suo nuovo progetto, che fece letteralmente impazzire i giocatori di tutto il mondo. Può sembrare un'iperbole, ma è andata davvero così. Dopo che No Man's Sky venne mostrato per la prima volta, non sono mancati cedimenti di mascella da parte del pubblico, e a distanza di un anno, il gioco continua ad essere una chicca del panorama indie. Anzi, la chicca del panorama indie.

Se ancora non conoscete il gioco, cercheremo di spiegarvi in breve per quale motivo viene ritenuto una proposta così emozionante. In primo luogo si tratta di un titolo d'esplorazione, in cui è possibile individuare un luogo in lontananza e raggiungerlo. E non parliamo di semplici posizioni su una mappa, stiamo parlando di pianeti in un'enorme galassia generata in modo procedurale. La scala delle ambizioni va oltre l'immaginabile.

No Man's Sky
Quattro nuove immagini da PlayStation Experience.
No Man's SkyNo Man's SkyNo Man's Sky

"Quasi esattamente un anno fa, il 7 dicembre 2013, abbiamo rivelato No Man's Sky ai VGA ed è iniziato un ciclo in stile montagne russe dalla durata di 12 mesi, che hanno cambiato la nostra vita. Fino a ieri, abbiamo mostrato il gioco una sola volta, all'E3, ma abbiamo lavorato duramente sul gioco, e questo fine settimana abbiamo finalmente avuto la possibilità di offrire a tutti voi di dare uno sguardo più da vicino a quanto abbiamo fatto fino ad oggi", ci ha scritto Hello Games da Las Vegas.

"La notizia più sorprendente di cui possiamo parlarvi riguarda l'album dei 65daysofstatic. Siamo dei grandissimi fan ed è la band preferita di Sean, così abbiamo avuto la possibilità di incontrarli, diventare loro amici, ma è stata soprattutto la possibilità di collaborare con loro per la colonna sonora del nostro gioco ad essere una bellissima esperienza per noi ".

La musica sarà completamente decostruita e generata in modo procedurale, quindi non sentirete mai le stesse canzoni più e più volte, e questo si lega anche al sistema che genera i contenuti sulle superfici del pianeta.

"Vedere la musica [65daysofstatic] suonare in sottofondo al bellissimo video realizzato da Matt DiVito è stato qualcosa di incredibile. E' stato Matt a creare il logo di No Man's Sky e, dal momento che realizzava video musicali un tempo, gli abbiamo chiesto se fosse interessato a realizzarne uno per No Man's Sky con le musiche dei 65daysofstatic".

No Man's Sky
65daysofstatic
No Man's SkyNo Man's SkyNo Man's Sky
L'opera di Matt DiVito.

Nel corso dell'intervento di Sean Murray al PlayStation Experience, è stata fatta menzione di alcuni aspetti davvero interessanti. Il primo è che il gioco non peserà molto in termini di download (Sean ci ha scherzato su, dicendo che potrebbe stare comodamente su un floppy-disk...ve li ricordate, vero?). Ogni cosa viene creata al volo e poi buttata via. Un altro è aspetto è dato dal fatto che i giocatori possono gravitare verso il centro della galassia (per ottenere navi migliori, bottini migliori e armi migliori). Sean ha anche rivelato che, anche se la maggior parte delle persone tende a pensare al gioco come principalmente un'avventura esplorativa e commerciale, la cosa che più ama del gioco è il combattimento arcade.

Sono stati mostrati due nuovi trailer a Las Vegas (uno ai Game Awards, l'altro al PlayStation Experience), e lo studio ha poi detto:

"Portal" - che abbiamo mostrato ai The Game Awards - mostra le cinque diverse modalità per viaggiare per la galassia: è possibile percorrere la superficie a piedi, volare attraverso le loro atmosfere, muoversi con un jet-pack nello spazio, usare la curvatura spazio-temporale nei nuovi sistemi e attraversare strani portali.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

"Galaxy" - che abbiamo mostrato questa mattina durante il keynote di PlayStation Experience - offre un po' la misura in scala che caratterizza No Man's Sky. Abbiamo detto che è praticamente infinita (o, se volete, è costituito da 18.446.744.073.709.551.616 pianeti possibili, in termini pratici almeno), e speriamo che questo trailer vi illustri cosa significhi, e quale sia la vostra rilevanza al suo interno".

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Anche se Hello Games ha volutamente mostrato elementi che rimandano alla Terra (come ad esempio, creature simili a dinosauri), ci sono tanti pianeti con ambientazioni più fantastiche, come quei pianeti in cui la superficie è sott'acqua, ma l'acqua non rimanda a quel concetto di acqua che conosciamo, e anche le creature che abitano queste zone non ricordano i pesci che conosciamo. Ci sono tantissime cose ancora da scoprire e quanto abbiamo visto nel corso dei due eventi gratta appena la superficie.

Non vediamo l'ora di saperne di più sul gioco e in merito al suo sviluppo da parte di Hello Games in un futuro non troppo lontano, quindi restate sintonizzati qui su Gamereactor per avere maggiori informazioni su No Man's Sky.

No Man's SkyNo Man's SkyNo Man's SkyNo Man's Sky

Testi correlati

No Man's Sky: NextScore

No Man's Sky: Next

RECENSIONE. Scritto da Kieran Harris

Dopo due anni e numerosi aggiornamenti, abbiamo dato un'altra occhia a No Man's Sky in concomitanza del suo arrivo su Xbox One.

Caricamento del prossimo contenuto