Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
articoli

Parliamo di Hi-Fi con il produttore norvegese di altoparlanti Arendal Sound

La Norwegian Arendal è diventata in breve tempo una seria sfidante di marchi di altoparlanti affermati e curiosi come siamo, abbiamo posto una serie di domande a uno dei co-fondatori, Thomas Gunvaldsen.

HQ

Dopo la sua ascesa al successo negli ultimi dieci anni, abbiamo avuto la possibilità di incontrare uno dei co-fondatori del marchio audio premium norvegese, Arendal Sound. In particolare, abbiamo incontrato Thomas Gunvaldsen per discutere del processo di creazione di un sistema di altoparlanti, di cosa cercare in un buon suono, delle influenze scandinave dell'azienda e altro ancora.

Gamereactor: Potresti parlarci un po' di Arendal come azienda e marchio? Come è iniziato tutto?

Gunvaldsen: Assolutamente. È iniziato mentre vendevamo apparecchiature Hi-Fi e home cinema come rivenditore B2C in Norvegia, la società è stata chiamata L-Sound. Jan Ove Lassesen, il fondatore di Arendal Sound, ha fondato L-Sound nel 2005 e aveva sempre avuto l'idea di creare il proprio marchio ad un certo punto. L-Sound ci ha portato molta esperienza di mercato diretta e una buona rete all'interno del settore, che ha reso il momento giusto per creare il nostro marchio in cui avevamo il controllo di tutti gli aspetti sul lato commerciale e sul lato del prodotto. Volevamo costruire prodotti adeguati che saremmo stati davvero orgogliosi di avere nelle nostre configurazioni.

Ho iniziato a lavorare con Jan nel 2012 presso L-Sound e abbiamo iniziato le idee e i concetti di business per Arendal Sound nel 2013-2014 e abbiamo avuto il nostro primo lancio di prodotto alla fine del 2015.

Parliamo di Hi-Fi con il produttore norvegese di altoparlanti Arendal Sound
Il minimalismo scandinavo al suo meglio.

Cosa c'è dietro la progettazione e la produzione di un altoparlante come il 1961?

Gunvaldsen: Quindi la prima fase sarà la fase dell'idea in cui discutiamo idee e concetti con l'intero team. Cerchiamo di capire cosa vogliono e di cosa hanno bisogno i nostri clienti, ma anche cosa vogliamo lanciare come marchio per mantenere l'integrità di ciò che rappresentiamo. Riceviamo input dal reparto marketing sulle loro prospettive, il nostro team di assistenza clienti ha i suoi preziosi input in quanto sono in prima linea ascoltando sempre le esigenze e i desideri dei nostri clienti.

Annuncio pubblicitario:

In questo processo mappiamo il livello di prezzo in cui vogliamo che si trovino anche i prodotti. E francamente abbiamo difficoltà a raggiungere prezzi più bassi, solo perché ogni volta che pensiamo di fare qualcosa a buon mercato si scontra con l'ethos del nostro marchio di avere un'eccellente qualità costruttiva e prestazioni. Quindi, ogni volta che qualcuno ha portato sul tavolo finiture in vinile, custodie MDF, componenti crossover economici, ecc. Come un pensiero su cosa potremmo fare per raggiungere un livello di prezzo inferiore, è sempre stato allontanato da. Dai un'occhiata alla nostra serie del 1961, ad esempio, questo è il prezzo più basso offerto da noi, ma non è a un livello di prezzo basso di per sé, e non c'è nulla in questa serie che ti faccia pensare entry level - perché non lo è. Finiture verniciate, armadi HDF, componenti crossover di qualità e driver curati nei minimi dettagli.

Quando le discussioni sono risolte, tracciamo le linee temporali di tutti gli ausiliari che vanno nella ricerca e nello sviluppo di tale prodotto, oltre ad allinearci, oltre ad allinearci, con il nostro team di marketing per il processo di lancio dei prodotti. Questo potrebbe essere ovunque da un anno fino a tre anni per progetti più grandi che richiedono più tempo. Il 1961 fu circa due anni prima di essere lanciato.

Annuncio pubblicitario:

In genere iniziamo con il design Tower per qualsiasi serie di altoparlanti, poiché questo è a nostro avviso il più importante e in genere l'altoparlante che venderemo di più ai nostri clienti. Qualsiasi altro altoparlante della serie seguirà i principi di progettazione aggiunti a questo altoparlante. Progettiamo i nostri driver internamente, il che significa che non troviamo un driver standard e costruiamo un involucro per adattarlo, ma lo facciamo al contrario, in modo da avere un driver perfetto per un determinato cabinet e la gamma di frequenza che deve coprire. Nella fase iniziale c'è ovviamente tutta una pletora di simulazioni su driver, interazioni cabinet/driver, disegni ecc. Prima che vengano creati i primi campioni.

Ora, durante la fase di ricerca e sviluppo del progetto, che è di gran lunga la parte più dispendiosa in termini di tempo del progetto, non sono sicuro che la maggior parte delle persone possa immaginare quante discussioni affrontiamo sui piccoli pezzi e pezzi più piccoli e apparentemente insignificanti per ottenere tutto giusto. Probabilmente avremmo potuto realizzare un progetto del genere in metà tempo, ma quando si cerca l'eccellenza a tutti i livelli, ci vorrà solo quel po 'di tempo in più su tutte le questioni. Solo un piccolo esempio dai nostri altoparlanti del 1961, è che abbiamo finito per attrezzare l'intero surround dei driver non solo come surround, ma funge anche da anello di rivestimento in gomma tra il driver e i cabinet. Penso che il risultato finale parli da solo.

Durante la fase di progettazione, ci sforziamo sempre di sostenere i nostri obiettivi sonori; dinamica, precisione tonale, timbro naturale e capacità SPL. Per raggiungere questi obiettivi, crediamo che la nostra combinazione guida d'onda/tweeter sia al centro di tutto. Siamo in grado di progettare le guide d'onda in modo che la loro dispersione fuori asse incontri la dispersione dei medi in quella stessa area, in modo che gli altoparlanti abbiano una potenza sonora uniforme. Questo rende gli altoparlanti naturali e coinvolgenti, senza iniziare a suonare duro o confuso quando si inizia a suonare più forte in stanze normali senza un pesante trattamento acustico. Aiuta a rendere il suono dell'altoparlante dinamico e coinvolgente.

Quando otteniamo i primi campioni, conduciamo una serie di misurazioni e test di ascolto per scoprire cosa dobbiamo cambiare. È molto raro che tutto sia completamente perfetto nei primi campioni. Utilizziamo materiale musicale solo durante questa fase per i test di ascolto. Esaminiamo tutti i nostri risultati delle misurazioni e li confrontiamo con i nostri risultati durante l'ascolto e discutiamo il percorso migliore per migliorare qualsiasi aspetto che pensavamo potesse essere migliore. Questo potrebbe andare avanti e indietro con modifiche a driver, crossover, armadietti ecc. Un paio di volte prima di avere tutto composto alla perfezione.

Quando i nostri campioni sono confermati, passiamo alla fase di pre-produzione in cui eseguiamo una produzione in piccoli lotti per vedere che tutto è composto dai prodotti, dalla produzione e dal controllo qualità. Quindi possiamo controllare i prodotti quando arrivano da noi e dare alla fabbrica un feedback su eventuali modifiche da implementare su QC o produzione prima di procedere con la prima produzione di massa.

Durante la produzione di massa di solito andiamo nella nostra fabbrica e esaminiamo tutte le routine per i nuovi prodotti con il team QC, per assicurarci che tutto sia di livello A, come richiediamo per tutte le nostre produzioni.

Parliamo di Hi-Fi con il produttore norvegese di altoparlanti Arendal Sound
Arendal costruisce altoparlanti sia per gli appassionati di musica che per i fanatici dell'home cinema.

Come descriveresti il suono di Arendal?

Gunvaldsen: Sarò breve su questo. Coinvolgente, dinamico e preciso. Con grandi capacità SPL.

Qual è il buon suono per te, personalmente?

Gunvaldsen: Questa è una buona domanda. Penso che un buon suono per me sia ciò che stiamo cercando di ottenere nei nostri prodotti. Se mi siedo ad ascoltare musica, prima di tutto, avrò bisogno più o meno dell'intera gamma di frequenze da 20Hz a 20kHz da coprire. In secondo luogo, la configurazione deve sembrare dinamica e coinvolgente. Mi piace quando riesco ad alzare il volume, così sento anche la musica con tutto il mio corpo. Con alcuni altoparlanti "Hi-Fi" più tradizionali che mancano del tutto del controllo della direttività, il soundstage e la dinamica tendono a collassare quando si ascolta a SPL più alti, anche se possono suonare molto dettagliati e seducenti a livelli più bassi, questa non è la mia tazza di tè.

Micro e macrodinamica così come la tonalità sono molto importanti per me. Preferisco ascoltare altoparlanti che non cercano di dare alla registrazione la propria firma sonora, ma piuttosto di trasmettere ciò che è stato registrato nel modo più accurato possibile.

Parliamo di Hi-Fi con il produttore norvegese di altoparlanti Arendal Sound
1723 è il nome del loro modello più grande e 1961 è il più piccolo.

In che modo la Scandinavia ispira o motiva voi ragazzi in quello che fate?

Gunvaldsen: Siamo certamente patrioti. Il nostro marchio prende il nome dalla città in cui viviamo e lavoriamo. È anche molto evidente dalla nostra grafica che cerchiamo di promuovere la cultura norvegese. Dall'aurora boreale che appare in alcune delle nostre immagini, alle cabine di legno, agli sci di legno e ad altri accessori che adornano l'interno della cabina. Non dimentichiamo gli orsi polari, o i cappelli di lana lavorati a maglia.

Anche il design degli altoparlanti è in linea con il design scandinavo. Non così tanti bordi e forme arrotondate, ma più angoli rettilinei e angoli quadrati.

Parliamo di Hi-Fi con il produttore norvegese di altoparlanti Arendal Sound
Neutrale... È così che descriveremmo il suono molto dettagliato offerto dal norvegese Arendal.

Perché gli oratori si chiamano 1961?

Gunvaldsen: La nostra convenzione di denominazione è forse un po' rara. Abbiamo basato i nomi delle nostre serie su eventi importanti nella città di Arendal nel corso degli anni. Il 1961 è stato l'anno in cui Arendal ha ottenuto un ponte tra il centro della città e un'isola chiamata Tromøya, che per coincidenza è da dove proviene il nostro fondatore, Jan Ove Lassesen. Prima di quest'anno, dovevano usare le barche tra l'isola e il centro città.

Grazie ad Arendal Sound e Thomas Gunvaldsen per aver parlato con noi. Puoi dare un'occhiata all'offerta dell'azienda sul suo sito web proprio qui.



Caricamento del prossimo contenuto