Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Predator: Hunting Grounds

Predator: Hunting Grounds - Provato alla Gamescom 2019

Alla Gamescom di quest'anno abbiamo inseguito la nostra preda dagli alberi prima di cambiare fazione e mirare all'iconico alieno.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Gli specialisti dei giochi multiplayer asimmetrici, Illfonic, si sono assicurati un'altra famosa licenza cinematografica dopo Friday 13th: The Game. Pensare a Jason Voohres che segue i tuoi passi è abbastanza terrificante, ma mai quanto essere pedinato da lontano da un Predator che ti aspetta in alto appostato sugli alberi. Lo studio ha rivelato il primo trailer di gameplay in occasione della Gamescom e a Colonia abbiamo avuto l'opportunità di giocare sia nei panni del cacciatore sia di quelli della preda.

Predator: Hunting Grounds è uno sparatutto online 4v1 con combattimenti PvE ispirati innanzitutto al film diretto da John McTiernan nel 1987. Detto questo, il gioco è ambientato ai giorni nostri e viene accompagnato da armi moderne. Nei panni della creatura aliena, sei un potente cacciatore con molte abilità ben note e l'unico obiettivo è quello di uccidere ogni essere umano presente sulla mappa, raccogliendo trofei mentre avanzi. Nei panni di un essere umano, sei un membro del Fire Team, un gruppo di soldati d'elite che sono arrivati nella giungla per affrontare la minaccia aliena.

Abbiamo potuto provare solo un livello e una missione nella build pre-alpha mostrata alla Gamescom. Assistiti dal creative director di Illfonic, Jared Gerritzen, siamo partiti nei panni di Predator. Questa straordinaria creatura ha il potenziale per distruggere una squadra da solo, ma non è invulnerabile, quindi devi giocare bene le tue carte. Dotato di alcune armi, tra cui le famigerate lame da polso e il cannone al plasma, può abbattere un soldato in pochi secondi. Tuttavia, altri membri del team potrebbero accorgersi di lui, quindi devi muoverti nell'ombra per evitare rischi inutili.

Non c'è modo migliore di nascondersi se non con la meccanica di occultamento del Predator. Con la semplice pressione di un pulsante, nessuno ti vedrà se rimani fermo, anche se ti muovi solo un po', l'ambiente reagirà, rivelando la tua posizione. La fisica dell'acqua e dei rami degli alberi remerà contro il cacciatore - ma spiegheremo meglio questo aspetto non appena parleremo dell'altra fazione del gioco. Allo stesso tempo, puoi vedere tutti da una certa distanza usando la tua visione a infrarossi. È fantastico, ma usare qualsiasi abilità esaurisce un indicatore blu, quindi è importante pianificare il tuo approccio e movimenti con piccole pause nel mezzo.

Predator: Hunting Grounds

Probabilmente il più grande vantaggio del Predator è quando si arrampica e attraversa il bosco. Come ci ha detto Gerritzen, ogni area della mappa è collegata da rami, quasi come un'autostrada tra gli alberi, e puoi muoverti semplicemente spingendo la levetta analogica sinistra in avanti. Quando sei lontano dai soldati puoi correre come un esperto di parkour, rallentando quando i tuoi obiettivi sono vicini. Innanzitutto, abbiamo cercato di abbatterli a lungo raggio, aiutati dall'iconico cannone al plasma e dal suo puntamento assistito dal laser, ma il raggio viaggia molto lentamente, rendendo difficile colpire il bersaglio.

Nel frattempo, i soldati a terra stavano lavorando alla propria missione e combattendo una milizia locale nella giungla. È una distrazione perfetta per il Predator, in quanto ci permette di scendere al livello del suolo e ucciderne un paio con la nostra lama. Tuttavia, si è rivelata una pessima idea, dal momento che un altro giocatore ci ha sparato e questo ci ha fatto lasciare dietro di noi una scia di sangue verde che gli altri hanno potuto seguire. Siamo guariti prima di provare a tornare a combattere, ma non potevamo arrampicarci e andarcene facilmente, lasciandoci tutto alle spalle. Li abbiamo lasciati prendere la nostra testa come trofeo? Ovviamente no! Abbiamo premuto il pulsante di autodistruzione e siamo morti.

Quando si gioca nei panni di uno dei membri del Fire Team in Predator: Hunting Grounds, tutto sarà familiare per i giocatori FPS più assidui. Ci sono quattro classi disponibili (Assault, CBQ, Scout e Sharpshooter), con un arsenale abbastanza noto e una serie di pulsanti. Ciò che lo rende diverso, tuttavia, è la minaccia del Predator: devi sempre osservare e ascoltare attentamente mentre esplori la giungla intorno a te.

Predator: Hunting GroundsPredator: Hunting Grounds

Il tuo obiettivo principale è sopravvivere al Predator e fuggire dalla giungla, ma prima che tu possa farlo ci sono alcuni obiettivi da completare, tra cui la cattura di piccoli impianti che trovi lungo tutta la mappa (questi sono difesi dai soldati controllati dall'intelligenza artificiale). Non è stato un compito semplice e queste battaglie ci hanno colpito duramente alcune volte durante la demo. La salute non è illimitata, ma i tuoi alleati possono farti rivivere alcune volte. Detto questo, la tua partita termina quando Predator esegue un'uccisione fatale ed estrae il tuo midollo spinale, che è rappresentato da un filmato cruento che può essere visto solo dal giocatore umano.

Detto questo, non ci siamo mai sentiti deboli o inutili. Avendo già giocato nei panni di Predator, non è stato così difficile indovinare le sue mosse e rintracciarlo, aiutando i nostri colleghi a seguire i suoi passi anche se mascherati. Quando si è in squadra, parlare e giocare in modo tattico è ovviamente essenziale. Puoi anche coprirti di fango se vuoi nasconderti dalla visione termica del Predatore per alcuni minuti. Ancora più importante, le tue armi fanno male, quindi non sei di certo indifeso quando giochi nei panni di un essere umano. Inoltre, vale la pena aggiungere che i controlli sono già precisi e reattivi e stiamo parlando di una build pre-alpha, il che è molto incoraggiante.

Il gioco è ancora alle prime fasi di sviluppo, quindi non saremo severi dal punto di vista tecnico. Certo, non sono mancati cali di frame rate, non siamo riusciti a scalare alcuni alberi e abbiamo notato un paio di altri problemi, ma la data di uscita è ancora molto lontana. Ciò che speriamo è che Illfonic possa aggiungere nel frattempo ambienti, edifici e nemici più variegati, cose che siamo sicuri siano già sulla loro tabella di marcia interna. Gerritzen ci ha anche detto che la mappa sarà ancora più grande, ed era già molto grande al punto che abbiamo trascorso alcuni minuti saltando da un ramo all'altro in relativa pace.

Ci siamo divertiti a giocare a Predator: Hunting Grounds alla Gamescom, sia nei panni di un micidiale cacciatore alieno sia come soldato con il compito di abbatterlo. Il gioco sarà pubblicato il prossimo anno in esclusiva su PS4 e non vediamo l'ora di saperne di più.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Caricamento del prossimo contenuto