Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Shadow of the Tomb Raider

Shadow of the Tomb Raider - Provato

Una Lara Croft molto più sicura di sé, che dovrà fare i conti con le conseguenze delle sue azioni in una storia molto più oscura.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Cinque anni fa siamo abbiamo fatto conoscenza con una nuova Lara Croft grazie al reboot di Tomb Raider del 2013, primo capitolo di una storia sulle origini della mitica cercatrice che è proseguita con la seconda iterazione, Rise of the Tomb Raider, due anni dopo. Circa un mese fa abbiamo scoperto che la conclusione di questa trilogia dedicata alle origini di Lara, Shadow of the Tomb Raider, arriverà a settembre di quest'anno, e di recente abbiamo potuto provare il gioco di persona nel corso di un evento di reveal a Londra.

La demo cui abbiamo giocato ci ha catapultato in Messico insieme al nostro vecchio amico Jonah mentre cercavamo di capire dove trovare il nostro prossimo tesoro tenendo d'occhio un nostro obiettivo archeologico che aveva anche qualche legame con il tesoro. Una volta che l'obiettivo ha iniziato a muoversi, si è presentata la nostra occasione per nasconderci e pedinarlo, usando il pedinamento nel senso più stretto della parola, in quanto abbiamo attraversato una folla di gente, sfiorato persone e scusandosi con esse anziché lanciarci ad un vero e proprio inseguimento ad alta velocità.

Una volta che questa misteriosa figura è entrata in un'area sorvegliata da guardie dall'aspetto particolarmente meschino, abbiamo gettato via il nostro travestimento e siamo passati a metodi più usuali per osservarlo (arrampicandoci, in particolare), prima di scovare la posizione del tesoro nelle vicinanze. Non appena abbiamo tolto il mantello che ci copriva, abbiamo dato uno sguardo all'aspetto di Croft e ci sono venuti subito alla mente giochi più vecchi come Tomb Raider Anniversary, visto che indossa un abbigliamento da combattimento più che abbigliamento casual.

Non è solo la scelta dell'outfit di Lara in Shadow of the Tomb Raider a ricordarci i giochi più vecchi; c'è anche quella sicurezza, quell'esperienza che caratterizzava Lara in quei giochi a ricordarci i titoli in cui era già una consolidata cacciatrice di tesori. Nell'opening la vediamo muoversi sicura e andare dietro a quello che vuole senza esitazione, e questo alla fine ci porta a trovare una chiave per un tesoro antico ... la chiave in realtà è un pugnale che deve essere abbinato a una scatola d'argento.

Shadow of the Tomb Raider

Non vi spoilereremo cosa accade esattamente qui, ma quasi subito dopo aver trovato il pugnale scopriamo che la nostra fretta nel recuperarlo porterà a conseguenze drastiche non solo per la stessa Lara ma anche per molti altri, e questo è un aspetto che, a detta degli sviluppatori, verrà esplorato maggiormente in questo gioco - le conseguenze delle vostre azioni. Sappiamo oramai da due giochi che Lara si trova molto più a suo agio nel visitare siti storici, massacrare coloro che le ostacolano il cammino e prendere ciò che vuole. Ora, però, ci sono implicazioni più disastrose, una qualità che sembra promettente, specialmente quando si tratta di modellare e sviluppare l'arco del suo personaggio.

Detto questo, non è che metteremo in stand-by il nostro approccio nell'uccidere i cattivi. Dal trailer di reveal, in realtà sembra che Lara sia diventata ancora più un'assassina a sangue freddo. Anche nella prima sezione di tutorial ci è stato ricordato che le uccisioni furtive e le animazioni dei takedown sono particolarmente brutali, dove lo strangolamento dei giochi precedenti lascia spazio ad una feroce serie di pugnalate. Certo, continueremo a scoccare frecce e sparare proiettili in abbondanza quando anche i cattivi si intrometteranno, quindi state tranquilli, ci sarà anche quello.

Gran parte delle sue efficienti capacità assassine si adattano al contesto della giungla. Nel suddetto trailer vediamo Lara eliminare i nemici come Predator, incastrare i nemici e mandarli al Creatore prima di scomparire, i sopravvissuti vengono lasciati sudare, e questo viene riprodotto benissimo in-game. Potete nasconderli tra cespugli e fogliame ancora una volta, come abbiamo visto nell'ultimo gioco, ma ora potete anche fare cose come nascondervi in un muro coperto di rampicanti per diventare quasi invisibile, saltando poi da lì fuori, all'improvviso, per attaccare i nemici mentre camminano lì di fianco.

Inoltre, in Istinto di Sopravvivenza sono stati presi alcuni accorgimenti per rendere lo stealth un po' più semplice. Per rispolverarvi la memoria, l'Istinto di Sopravvivenza si attiva spingendo la levetta analogica destra (come la Visione Detective dei giochi Batman Arkham) per vedere le cose con cui potete interagire nell'ambiente, oltre a waypoint e nemici, tranne che questa volta sono hanno dei colori diversi che li identificano. I nemici gialli, ad esempio, non sono in vista dagli altri, quindi possono essere uccisi senza attivare un allarme, mentre quelli in rosso sono visibili ai loro alleati, quindi conviene separarli dal branco. In questo modo ci siamo trovati tatticamente a scegliere il nemico da affrontare in un modo incredibilmente soddisfacente, sentendoci veramente tosti mentre lo facevamo.

Quando però viene attivato l'allarme, siamo stati costretti a combattere allo scoperto, cosa con i fan esistenti dovrebbero trovarsi facilmente a loro agio. Ci sono ancora gli stessi quattro slot per le armi - arco, pistola, fucile d'assalto e fucile a pompa - e tutti questi hanno i loro punti di forza e debolezza, in cui l'arco che è la scelta migliore in stealth mentre il fucile funziona meglio per i combattimenti molto ravvicinati. Non c'è molto da dire su questo reparto poiché è tutto più o meno come prima: scatole di munizioni a terra, ci sono pareti alte fino al petto dietro cui coprirsi e restare nell'ombra è sempre più sicuro che lanciarsi in una battaglia campale.

Shadow of the Tomb RaiderShadow of the Tomb Raider
Shadow of the Tomb Raider

Anche l'aspetto relativo all'attraversamento dovrebbe risultare piuttosto familiare, dove ritroviamo lo stesso mix tra arrampicata tra le sporgenze, usare la piccozza su muri robusti e risolvere enigmi ambientali per raggiungere il vostro punto di interesse. Gli enigmi che abbiamo visto nella nostra demo erano simili a quelli che abbiamo visto in passato, in cui viene richiesto di mischiare abilità come quella che ci consentiva di attaccare una fune ad un carrello tramite la prua, tirarla in salita e quindi rilasciarla per eliminare alcuni detriti. Non ci è voluto molto tempo prima che ci trovassimo a nostro agio e ad un ritmo confortevole.

Una cosa che è stata cambiata è che il team ora si concentra maggiormente sull'esplorazione subacquea, aspetto che non abbiamo potuto fare a meno di notare durante la nostra demo. Ci sono state molte volte in questa sezione in cui abbiamo dovuto esplorare le profondità acquose per riuscire a recuperare il tesoro che cercavamo, e in una sezione successiva del gioco - che non vogliamo spoilerarvi - l'acqua è stata letteralmente travolgente. A questo proposito, è stata aggiunta un'altra caratteristica utile, e con il semplice tocco di X quando richiesto (abbiamo giocato su Xbox) potete affiorare in una tasca d'aria in una mini-cutscene per fare in modo di non affogare, rendendo l'intero processo di nuoto decisamente più semplice.

Tutto questo è costruito per giocare sul tema della "paura", su cui il team sta lavorando duramente. Ad un certo punto, ad esempio, ci siamo ritrovati a scavare sott'acqua tra rocce ben strette prima che altri massi ci cadessero addosso e ci lasciassimo prendere dal panico mentre cercavamo di sgombrare la strada, e questo senso di angoscia viene trasmesso davvero bene. C'è qualcosa di più spaventoso nell'essere sommersi nell'acqua senza sapere come uscire per non affogare, dopotutto.

La paura si manifesta anche per via del fatto che è buio anche il gioco. Considerando la precedente cover art che abbiamo visto nella serie, basta solo osservare le immagini di questo gioco per capire cosa intendiamo. In effetti, la nostra demo si è svolta interamente nell'oscurità, sia che si trattasse del villaggio a lume di candela in cui abbiamo iniziato il nostro viaggio o delle profondità del sistema di caverne in cui siamo finiti. Non sono in termini visivi, anche il gioco è molto più oscuro e pesante. Certo, Lara è più sicura di sé, ma è anche un'assassina più feroce, e involontariamente causerà molti danni con le sue azioni.

Ecco perché non si tratta solo della paura di Lara, ma anche della paura che incute negli altri. Non è più una ragazza che sorprende tutti con la sua resilenza, ma una forza da non sottovalutare, ed è per questo che all'inizio del gioco sentiamo il nostro amico archeologo che vuole sapere se siamo in giro, perché siamo la minaccia. Questa volta siamo noi il pericolo, non solo una chiave inglese i azione, proprio come il Cavaliere Oscuro che insegue le ombre.

Shadow of the Tomb RaiderShadow of the Tomb Raider

Gli ambienti ci sono sembrati molto curati, specialmente quando erano immersi nella luce delle migliaia di candele che costellano le strade, ma non abbiamo avuto lo stesso stupore che giochi come Rise of the Tomb Raider e Uncharted 4 ci hanno offerto con i loro scenari inondati dal sole. Tuttavia, c'è la stessa epicità, incluse le vaste voragini nelle tombe che vi sorprendono prima di esplorarle, e anche se abbiamo notato alcuni problemi con il lip-sync, potremmo perdonare coloro che considerano che questo è un work-in-progress.

Per quanto riguarda le tombe, in questo gioco dovrete esplorare le profondità della terra. Certo, avremo gli stessi antichi artefatti e puzzle, ma c'è molto di più, perché spesso ci siamo trovati in equilibrio su vaste distese di oscurità che stavano cercando di inghiottirci.

Vale anche la pena ricordare che tutti i fronzoli extra introdotti in Rise of the Tomb Raider lo rendono indenne anche qui, poiché ci sono ancora ingredienti da trovare e da riciclare, quindi, nonostante non ci siamo imbattuti in un falò neanche una volta nella nostra demo, presupponiamo che ci sarà la stessa attenzione nell'aggiornare sia Lara sia il suo equipaggiamento. Abbiamo anche notato la stessa attenzione al crafting "lampo", come prendere una bottiglia e creare una Molotov improvvisata da scagliare contro i cattivi che, a proposito, sono l'organizzazione Trinity.

Abbiamo davvero fatto fatica ad abbandonare la demo quando lo staff dell'evento ci ha detto che il nostro tempo era scaduto, e questa può essere solo una buona cosa. Meccanicamente è più o meno la stessa cosa, come vi abbiamo spiegato, ma ciò che ci ha fatto davvero venire la voglia di andare avanti è saperne di più su questo lato diverso di Lara, e sperimentare tonalità più oscure di questo gioco già evidenti nei primi 45 minuti di opening. Se continua così, dovremmo avere tra le mani una conclusione molto adatta alla storia delle origini della nostra eroina - o meglio, la fine dell'inizio, se preferite - e speriamo solo che Eidos Montreal possa prendere ciò che Crystal Dynamics ha iniziato e plasmarlo in un modo adeguatamente decisivo per questo personaggio così amato.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Shadow of the Tomb RaiderShadow of the Tomb RaiderShadow of the Tomb Raider

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Caricamento del prossimo contenuto