Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
The Last of Us: Parte 2

The Last of Us: Parte 2 - Provato

Siamo volati a Los Angeles per provare due demo con protagonista Ellie, in questo mondo spietato e brutale.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

"Stiamo realizzando il gioco più importante mai fatto nella storia di Naughty Dog."

Con queste parole allettanti, il creative director dello studio, Neil Druckmann, ha inaugurato l'evento in anteprima dedicato a The Last of Us: Parte 2, tenutosi a Los Angeles questa settimana. È stata una breve presentazione perché sapeva benissimo che la stampa - proprio come gran parte della community videoludica - non vedeva l'ora di mettere le mani sul gioco, dopo 16 mesi di silenzio radio dopo il trailer mostrato all'E3 nel 2018.

Ci ha detto che questo sequel narra una storia di amore e di odio, e quest'ultimo, infatti, è stato uno dei temi portanti dei video oscuri mostrati negli ultimi anni. Ma è anche una storia che parla d'amore e del modo in cui si intreccia a tematiche come la rabbia e, soprattutto, la vendetta. Il bisogno di vendetta è stato descritto come "una verità universale" tra gli umani, e anche se Druckmann non ci ha detto apertamente quale vendetta stia esattamente cercando Ellie, siamo al corrente del fatto che lei sta intraprendendo questo percorso. Ma qual è il prezzo da pagare per un occhio per occhio?

A Los Angeles, Naughty Dog ci ha permesso di provare due demo, e nel primo caso abbiamo vissuto una giornata tipo nella vita di Ellie. La nostra eroina, oramai adulta, è un membro della comunità sicura del Wyoming che definisce la sua casa, e la diciannovenne è di pattuglia con Dina, la donna che ha baciato durante il celebre trailer dell'E3 2018.

Siamo saliti in sella (in senso letterario, su un cavallo e tutto il resto) per esplorare il paesaggio innevato durante la nostra pattuglia, ed è subito chiaro che Naughty Dog sta continuando a lavorare pesantemente sul comparto grafico. Uncharted 4: Fine di un Ladro ha mostrato quanto possano essere spettacolari, a livello visivo, i loro giochi, e per questo titolo non è diverso, dalle impronte sulla neve ai più piccoli dettagli come l'illuminazione in una cantina trasformata in una fattoria di cannabis. Questo sequel è indubbiamente un'avventura cinematografica e una festa per gli occhi, senza dubbio.

Questo aspetto si estende anche alle animazioni, poiché i volti sono stati creati con amorevole cura e attenzione al dettaglio, dando vita ad una rappresentazione incredibilmente realistica dei personaggi. Anche la recitazione è sicuramente un piatto forte di questo titolo, specialmente durante questa sezione con Dina, in cui abbiamo approfondito la loro relazione e ciò che le ha unite, come visto brevemente nel trailer di State of Play.

Non tutto ciò che accade in questa fase di pattuglia è calmo e raccolto, dato che presto ci imbattiamo in alcuni infetti, che offrono una buona opportunità per esercitarsi sulle meccaniche di gameplay. Se hai giocato al primo titolo, la Parte II è praticamente la stessa cosa, in cui bisogna mescolare il fatto che sia sempre a corto di munizioni, perché limitate, con tattiche di distrazione e azione stealth. Puoi anche creare oggetti e kit medici, anche se qui ci sono ulteriori opzioni per quanto riguarda gli oggetti che puoi equipaggiare e utilizzare, per non parlare degli aggiornamenti a disposizioni di Ellie e del suo arsenale.

The Last of Us: Parte 2

Abbiamo optato per il lancio di una bottiglia come distrazione prima di sgattaiolare e abbattere il nostro obiettivo, anche se i clicker sono particolarmente problematici. Gli orribili mutanti dal volto a cavolfiore sono ancora più inquietanti questa volta, dai loro suoni ai loro movimenti spasmodici, e dovrai stare molto attento quando ti intrufoli alle loro spalle. Non basterà accovacciarsi, poiché dovrai anche spostare leggermente la levetta analogica sinistra per abbattere questi "cosi", rendendola una vera prova di pazienza.

Il combattimento è pesante e di grande impatto, ed è un gioco difficile da giocare. Lo stealth è d'obbligo e le cose diventano rapidamente caotiche se vieni rilevato dagli ostili, soprattutto perché non hai molte munizioni a tua disposizione. Siamo stati vittime di questi clicker più di una volta, il che rende ancora più soddisfacente il momento in cui riusciamo a sgomberare in modo furtivo una stanza di nemici per andare avanti ... ma puoi anche scegliere di abbatterli tutti con un fucile, se questo è il metodo preferito.

Lo stesso vale per i nemici umani che abbiamo incontrato durante la seconda sezione, che ci ha portato a Seattle a caccia di Tommy. I Lupi sono un gruppo xenofobo che controlla l'area, e di certo non sono entusiasti del fatto che Ellie sia lì, come abbiamo notato dalle guardie di pattuglia che ci stavano cercando, seguite da cani da fiuto per rintracciarci.

Affrontare questi nemici umani è stato un po' diverso dal momento che erano armati fino ai denti e hanno davvero messo alla prova ancora una volta la nostra capacità stealth. Abbattere i cani è un must, in quanto non solo ti rintracciano attraverso il tuo odore (che ti lasci dietro ovunque tu vada) ma ti mordicchiano anche le braccia quando si viene rilevati, fornendo nuovi livelli di sfida da superare nel furore della battaglia.

The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2

La cosa positiva è che Naughty Dog ha fornito spazi aperti che possono essere utilizzati durante il combattimento, ampliando le tue opzioni tattiche. Ci sono molti edifici da esplorare ovunque tu vada; questi possono aiutarti a scappare dai nemici e puoi usare lo spazio a tuo vantaggio. Saltare da una finestra per sfuggire alla morte è spesso buona cosa come usarla per saltare addosso ad un nemico, e ci sono molti altri dettagli che mostrano come si è evoluto il combattimento.

Ad esempio, una volta ci siamo ritrovati con minime quantità di salute e disperati, così quando, una volta circondati, abbiamo afferrato un cattivo e lo abbiamo usato come scudo mentre affrontavamo i due Lupi vicini, che hanno ucciso la nostra vittima prima di tornare al riparo. C'è una varietà qui che non era presente nell'originale, quindi non si tratta solo di lanciare bottiglie e intrufolarsi alle spalle delle persone. Possiamo persino muoverci nascosti nell'erba alta, fornendo una copertura temporanea e possiamo schivare le minacce in battaglia con L1.

In questa seconda sezione, Ellie era molto più isolata di quanto non fosse con Dina, in quanto attraversa da sola i colorati sobborghi ricoperti di vegetazione mentre i Lupi cacciano lei e Tommy. C'è una netta sensazione di vulnerabilità, accentuata dalla mancanza di risorse a tua disposizione, ed Ellie è chiaramente più brutale e preparata, con i capelli sciolti e una camicia a brandelli che le copre la schiena.

C'è un largo uso di narrazione ambientale qui, che racconta la lotta della comunità con i Lupi, quindi è evidente che Naughty Dog vuole ricompensare coloro i quali sono abbastanza curiosi da esplorare gli ambienti aperti. Abbiamo parlato con un altro giornalista che ha vissuto esperienze diverse dalle nostre perché abbiamo scelto percorsi diversi, ad esempio, e ci sono molte ragioni per cui vale la pena avventurarsi fuori dai sentieri battuti.

The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2

Quindi cosa abbiamo imparato da queste due demo? Prima di tutto, Ellie ci è apparso un personaggio davvero molto profondo. Non è certamente la bambina che abbiamo salutato nel primo gioco; questa versione di lei è indurita dal mondo che la circonda, ma allo stesso tempo riesce comunque a mantenere la sua umanità. Le sue interazioni con Dina sono state assolutamente credibili e divertenti, ma l'altra parte di lei - che uccide brutalmente coloro che la vogliono morta - ha aggiunto un livello di sfumatura al suo personaggio di cui non vediamo l'ora di vederne altre. In che modo queste due parti si riconcilieranno?

Vogliamo anche parlare del comparto audio davvero eccellente. Indossando le cuffie siamo riusciti a identificare i nemici vicini dai loro passi rumorosi e voci. Nel frattempo, trovarsi nella stessa stanza di un clicker significa che è necessario prenderli di mira poiché i loro gorgogli soffocano tutte le altre minacce nelle vicinanze. È inquietante e funziona bene grazie anche alla tensione creata altrove, dando vita ad un senso di paranoia in cui non sai quale tipo di minaccia ti attende dietro l'angolo.

In un certo senso, The Last of Us: Parte 2 è molto simile al primo gioco, ma Naughty Dog ha aggiunto ulteriori modifiche qua e là per rafforzare il gameplay e allo stesso tempo per portare la storia in una direzione completamente inedita. Le cose sembrano molto più oscure qui, ed Ellie si sta già preparando per essere uno dei migliori protagonisti creati dallo studio, quindi tutto ciò che resta da capire è dove riusciranno a condurci il prossimo 21 febbraio quando il gioco arriverà finalmente su PlayStation 4.

The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2
The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2
The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2The Last of Us: Parte 2

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Caricamento del prossimo contenuto