Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
preview
Travis Strikes Again: No More Heroes

Travis Strikes Again: No More Heroes - Provato

Abbiamo dato un'ultima occhiata al nuovo titolo in esclusiva per Switch di Grasshopper Manufacture.

Goichi Suda, o Suda51 come è affettuosamente conosciuto all'interno dell'industria, ha una storia nel mondo dei videogiochi lunga e popolare, e uno dei nomi più importanti del suo portfolio è senza dubbio No More Heroes. Il gioco originale pubblicato su Wii nel 2011, ci ha introdotto per la prima volta all'eccentrico Travis Touchdown, ma in un recente evento tenuto a Londra abbiamo potuto mettere le mani sul ritorno di Mr Touchdown in Travis Strike Again: No More Heroes, in arrivo il 18 gennaio su Nintendo Switch.

Possiamo dire con certezza che No More Heroes e Travis hanno un sacco di ... personalità. La serie è sempre stata folle, stravagante e colorata, e i fan saranno lieti di sapere che questo aspetto è stato sicuramente mantenuto da Travis Strikes Again (TSA, come lo chiameremo da qui in avanti). Proprio come di consueto, c'è tanto rumore e colore, e sai di essere entrato nel mondo di Suda51 all'istante.

Nei circa 30 minuti in cui abbiamo giocato è stato come se fossimo entrati in un buco nero di riferimenti alla cultura pop e ai giochi indie, dalla scena di Arnie nuda di Terminator all'intro classico di Sega e tutto il resto. È così audace e stilizzato che ricorda un po' giochi come Hotline Miami, e il fatto che tu sia in un videogioco rende tutto un po' più strano e meraviglioso, rompendo il quarto muro regolarmente mentre gli sviluppatori fanno costantemente cenno al pubblico.

Di conseguenza, questa linea si muove in modo fine tra l'ironico, l'autoreferenziale e l'imbarazzante. Travis e co. spesso fa dell'ironia sul fatto di essere grandi giocatori e che è necessario essere un giocatore nel vero senso della parola per riuscire a superare i livelli offerti dal gioco, e anche se non mancano parolacce e un umorismo un po' adolescenziale (la stazione di salvataggio è letteralmente un bagno chimico), a volte è un po' eccessivo.

Travis Strikes Again: No More Heroes

È difficile capire esattamente di cosa parli la trama, dal momento che tutto è balenato davanti ai nostri occhi come un'esperienza di pre-morte, ma in fondo, questo è il ritorno trionfale di Travis ed è atterrato in un videogioco. Il game master parla con te e ti guida lungo il tutorial all'inizio, e praticamente tutto ciò che devi fare è andare avanti e fare ciò che ti viene detto: è semplicissimo.

È il solito mix di attacchi pesanti e attacchi leggeri, e puoi combinare i due con salti e corsa per combo più devastanti. Certo, ci sono alcuni nemici che hanno bisogno di un pestaggio pesante, e mentre alcuni grugniti possono essere lanciati con raffiche leggere, hai anche un attacco speciale con R che puoi usare per un colpo più devastante. È anche possibile sbloccare delle abilità, attivarle tenendo premuto L e selezionando un pulsante, e ne abbiamo provate due. Una di queste ci ha permesso di provocare ad un nemico danni elevati, mentre l'altra ci permetteva di lanciare i proiettili in un'ampia area di fronte a te per colpire più nemici. Anche i Joy-Con hanno un ruolo nel gioco, poiché abbiamo dovuto scuotere il controller per ricaricare regolarmente la spada.

Travis Strikes Again: No More HeroesTravis Strikes Again: No More Heroes

Il formato che abbiamo giocato era top-down mentre camminavamo lungo vari corridoi, sigillati a intervalli regolari per permetterci di combattere un sacco di cattivi, con alcuni puzzle luminosi come passerelle girevoli da attraversare, ma abbiamo l'impressione che non sarà la stessa cosa per tutto il percorso. Forse è la reputazione di Suda51 o il fatto che questo si basi su una vasta gamma di giochi, ma immaginiamo che scopriremo vari modi di giocare nel corso dell'esperienza, oltre a molti livelli, ambientazioni e, naturalmente, nemici. Anche nella nostra breve sessione abbiamo visto vari tipi di nemici con i loro pericoli unici, come quelli che ti esplodono addosso, per esempio.

La cosa più divertente di tutta questa carneficina top-down è la gravità di tutti gli attacchi. Usando la nostra spada in stile light-saber è stato molto divertente tagliuzzare e colpire i vari tipi di avversari. Tutto è immerso da una luce al neon, e tutto contribuisce a riportarci alla memoria titoli arcade classici e indie, anche se con un po' di sapore eccentrico.

Tutto sommato quello che abbiamo visto di Travis Strikes Again è stato molto divertente, anche se abbiamo visto solo la sezione tutorial di apertura. Tuttavia, siamo rimasti colpiti da ciò che Suda51 sembra aver raggiunto qui: è pieno zeppo di follia e colore e potrebbe stupire anche chi non è abituato allo stile di No More Heroes. Non vediamo l'ora di scoprire se l'intensità può essere mantenuta in un gioco completo, e la buona notizia è che dobbiamo attendere solo un mese o poco più.

Travis Strikes Again: No More Heroes
Travis Strikes Again: No More Heroes
Travis Strikes Again: No More Heroes