Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
articoli

Vivi ma non in salute: cinque giochi che il tempo sta cercando di farci dimenticare

Il Vecchio Mietitore è sopraggiunto alla loro porta, nonostante la loro giovane età.

HQ

Ci sono innumerevoli giochi e franchise al giorno d'oggi che il tempo sembra aver dimenticato: Jak e Daxter, Turok, Earthworm Jim, sono solo alcuni titoli che mi vengono in mente, ma la lista sarebbe senza dubbio molto più lunga. Questi sono franchise classici che sono amati in qualche modo o forma, eppure sono praticamente spariti dalla circolazione. Detto questo, ci sono venuti in mentre altri giochi, più recenti, che il tempo sta già cercando di farci dimenticare, alcuni giochi che sono in qualche modo vivi e tuttavia non godono affatto di buona salute.

Rocket Arena

L'anno scorso, EA ha lanciato il suo arena shooter 3v3 Rocket Arena, un titolo sviluppato da Final Strike Games e che combinava una varietà di modalità di gioco arcade con combattimenti PvP. Era un gioco piuttosto divertente e utilizzava un concept piuttosto unico, che ruotava attorno a campioni con abilità e mosse uniche, ma nonostante avesse del potenziale, ha fatto fatica a mantenere una fanbase attiva. Ora, 16 mesi dopo il lancio, il gioco ha pochissimi giocatori su Steam, con un picco storico di 1.136 giocatori (ma quel numero risale al lancio).

A dicembre 2021 il gioco è ancora in qualche modo vivo, con quella che sembra essere una quantità minima di supporto da parte del team di sviluppo. La stagione 4 è stata lanciata a luglio 2021 e successivamente, agli inizi di settembre, è stato anche lanciato un aggiornamento, ma sembra che il destino di Rocket Arena sia oramai segnato, soprattutto perché lo studio dietro il gioco sembra che stia già lavorando a un nuovo titolo non ancora annunciato.

Vivi ma non in salute: cinque giochi che il tempo sta cercando di farci dimenticare

Hyper Scape

Al culmine della tendenza dei battle royale, Ubisoft ha cercato di entrare in quella che sembrava essere un'assoluta miniera d'oro, lanciando la sua versione del genere con il futuristico Hyper Scape. Questo gioco aveva tutti i tropi classici del genere e fondamentalmente ha solo dato più di ciò che era già all'ordine del giorno nel sottogenere, e inutile dire che, oltre un anno dopo, il futuro di questo sparatutto sembra piuttosto desolante.

Ubisoft non ha ancora dato ufficialmente l'estrema unzione di Hyper Scape, nonostante il fatto che l'ultimo aggiornamento ricevuto dal battle royale risalga ad aprile 2021, ma considerando che non è stato pubblicato un nuovo post sull'account Twitter del gioco da giugno, probabilmente possiamo semplicemente supporre che la storia di questo sparatutto sia giunta al termine.

HQ

Godfall

Quello di Godfall è un caso davvero singolare, visto che il supporto per un gioco di questo tipo sembra essere vitale. Se avessimo scritto questo articolo a maggio, avremmo probabilmente detto che Godfall fosse oramai pronto ad essere mandato in pensione, dopo un lancio deludente che ha visto il gioco, sicuramene stupendo, caratterizzato da noiose meccaniche di gameplay e una trama poco ispirata, ma dal momento che il gioco ha ricevuto molte risoluzioni, migliorie e persino un'espansione, ha evitato così per un pelo un viaggio lungo il fiume Stige.

Eppure, nonostante questo, è difficile non vedere Godfall di Counterplay come uno di quei giochi che il tempo sta cercando di farci dimenticare. È un titolo che, nonostante innumerevoli aggiornamenti e aggiunte, non sembra attirare l'attenzione in un mercato competitivo, e non ci sorprenderebbe davvero se l'anno prossimo in questo periodo il gioco fosse stato praticamente dichiarato morto, o perlomeno contrassegnato come in uno stato terminale.

Vivi ma non in salute: cinque giochi che il tempo sta cercando di farci dimenticare

Bleeding Edge

Sì, la decisione è stata presa. Bleeding Edge è allo stremo e destinato a morire. Ma nonostante questo, il gioco è in qualche modo ancora attivo. Anche se Ninja Theory ha annunciato ufficialmente che Bleeding Edge non avrebbe ricevuto altri contenuti da gennaio 2021, questo gioco PvP non ha ancora chiuso ufficialmente i battenti per quei quattro giocatori ancora attivi su Steam.

Sì, è vero, Bleeding Edge, nel momento in cui scriviamo questo articolo, ha avuto un picco di quattro giocatori su Steam, che è appena sufficiente per riempire una squadra di giocatori per una partita competitiva. Certo, ci sono altre piattaforme per provare il gioco, probabilmente con più giocatori, ma non prendiamoci in giro, probabilmente non ci sono nemmeno così tante persone che sono interessante a giocare. E abbiamo deciso di inserire questo gioco qui perché Bleeding Edge, nonostante la sua diagnosi praticamente terminale, è ancora in vendita a prezzo pieno su Steam. Follia totale!

Vivi ma non in salute: cinque giochi che il tempo sta cercando di farci dimenticare

Titanfall

A differenza di Bleeding Edge e la sua incapacità di accettare semplicemente l'inevitabile, o Godfall e la sua apparente incapacità di sopravvivere nonostante molti rinforzi, Titanfall è un gioco che viene condotto a morte, anche se i fan stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per garantire che ciò non accada.

Respawn ha ritirato il gioco dalla vendita, lo ha ritirato dai servizi di abbonamento e a quanto pare ha alzato persino la sua ancora di salvezza, eppure lo sviluppatore ha mantenuto in vita i suoi server, poiché ci sono ancora giocatori dedicati che frequentano questo sparatutto. Questa è una di quelle occasioni davvero tristi in cui il Vecchio Mietitore è arrivato a bussare alla porta troppo presto, e anche se Titanfall continuerà a sopravvivere in Titanfall 2 e Apex Legends, il tempo farà del suo meglio per inserire questo titolo nei libri di storia.

HQ


Caricamento del prossimo contenuto