Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
news
League of Legends

Escapist ritira un teaser con una dipendente di Riot che parla di episodi di sessismo

La Senior editor di Riot comic Ellie Pyle è apparsa molto a disagio a parlare di questo argomento.

Nel corso dell'ultimo anno, lo sviluppatore di League of Legends, Riot Games, è stato sottoposto ad attento esame dopo che sono emersi diversi episodi di sessismo sul posto di lavoro, il più importante risalente allo scorso agosto, in cui si parlava di una "bro culture" basata su prove ed esempi forniti da circa 28 dipendenti, vecchi e nuovi.

A settembre Riot ha assunto una consulente di cultura e diversità per provare a risolvere il problema di sessismo in azienda e a dicembre <Kotaku ha riferito che il COO Scott Gelb è stato sospeso senza retribuzione a seguito di accuse di condotta inappropriata sul posto di lavoro.

Tuttavia si è tornati a parlare di episodi analoghi dopo che Escapist Magazine ha rivelato che si stanno preparando ad andare in onda con una nuova serie di Recon, in cui il conduttore Victor Lucas ha chiesto alla senior editor dei fumetti Riot, Ellie Pyle, di parlare delle accuse di sessismo nei confronti di Riot Games, che sarebbe la prima risposta davanti ad una telecamera a queste affermazioni. Escapist ha anche fornito un teaser in cui Pyle dice: "Non voglio essere la prima persona là fuori con citazioni su questo argomento".

Il teaser è stato successivamente rimosso (anche se puoi guardarlo qui), a seguito di una serie di reazioni negative pervenute tramite social media. Questo a causa soprattutto per il nervosismo mostrato dalla Pyle davanti alla macchina da presa mentre si parlava dell'argomento e della sua esitazione a rispondere alle domande, insieme al fatto che sembra che sia stata colta di sorpresa con le domande, come sottolineato dagli utenti su Twitter.

La serie andrà in onda il 12 febbraio, ma Lucas ha pubblicato una dichiarazione sul sito di Escapist dopo la protesta, scusandosi con Pyle e chiunque altro a Riot si sia sentito a disagio con questo teaser, perché non era questa l'intenzione. Afferma inoltre che la clip ha fornito "un notevole sguardo non filtrato su quanto sia doloroso qualcosa come lo scandalo sugli abusi a Riot".

Lucas aggiunge che il primo episodio andrà comunque in onda e che la clip in questione è la parte più spiacevole di tutte le ore che hanno filmato. Per ora quindi dovremo aspettare fino a quando l'intero show andrà in onda per capire se queste preoccupazioni caleranno, soprattutto in che modo la carriera di Pyle verrà influenzata dopo questa intervista.

League of Legends

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto