Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
news

Nintendo si scaglia contro i canali YouTube che utilizzano le sue musiche tratte dai suoi titoli

Centinaia di strikes sono giunti a numerosi canali in una volta sola.

Siamo certi di non essere gli unici ad utilizzare YouTube per ascoltare le colonne sonore dei videogiochi, del resto lavorare accompagnati dalle note delle nostre tracce preferite è sempre un piacere.

Nonostante tutto sono numerosi i publisher che permettono a svariati canali YouTube, sia grandi che piccoli, di proporre le colonne sonore dei propri giochi, che sia attraverso le OST complete o versioni estese di queste, nonostante, tecnicamente parlando, caricare della musica coperta da copyright - indipendentemente che si tragga o meno un profitto da essa - sia illegale.

Tra tutte Nintendo è indubbiamente una delle compagnie più attive e inflessibili nel controllo dell'utilizzo dei propri marchi. L'ultimo episodio di questa politica si è tradotto nell'arrivo di un'ondata di strike contro un numero molto elevato di canali che utilizzavano musica di proprietà di Nintendo, portando alla cancellazione di decine e decine di video, se non direttamente dell'intero canale.

Come GilvaSunner ha scritto su Twitter si tratta di "Game over" per il suo canale. Al suo tweet si sono uniti quelli di molti altri content creator, denunciando l'arrivo di una vera e propria ondata di strike che hanno colpito i loro canali in una volta sola. Per quanto tutto ciò possa rappresentare un disagio per gli utenti e una notizia dolorosa per i possessori dei canali YouTube in questione, Nintendo ha tutto il diritto di tutelare i propri marchi.

Qualcosa di simile è accaduta anche due mesi fa quando il canale BrawlBRSTMs3 è stato cancellato per lo stesso motivo. Adesso c'è da chiedersi se anche altri publisher decideranno di seguire l'esempio della compagnia giapponese, o continueranno invece a lasciare che le community condividano le colonne sonore dei propri titoli.

Nintendo si scaglia contro i canali YouTube che utilizzano le sue musiche tratte dai suoi titoli

Fonte: VG247.



Caricamento del prossimo contenuto