Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
news
League of Legends

Riot Games accusata di discriminazione sul posto di lavoro

Lo stato della California indaga e i creatori di League of Legends si difendono dalle accuse.

Lo stato della California sta indagando su Riot Games, i creatori di League of Legends, per un caso di discriminazione di genere, e ha chiesto ufficialmente all'azienda di fornire maggiori dettagli sui dati salariali dopo che alcune informazioni sono state apparentemente nascoste dallo studio (cosa che Riot nega).

La citazione in giudizio fa seguito alle prime fasi di un'indagine iniziata dopo alcune accuse di discriminazione sul posto di lavoro. Apparentemente, Riot ha "rifiutato di fornire al Dipartimento informazioni adeguate per consentire a DFEH (l'organo di vigilanza americano) per verificare se le donne sono pagate meno degli uomini in azienda". DFEH ha bisogno delle informazioni come parte di un'indagine su presunte disparità salariali, molestie sessuali, violenza sessuale, ritorsioni e discriminazione di genere nella selezione e nella promozione dei dipendenti".

In risposta, Riot ha inviato la seguente dichiarazione a <a href = "https://kotaku.com/the-state-of-california-is-investigating-riot-games-for-1835463823" title = "Kotaku" target = " _blank "> Kotaku</a>:

"Siamo stati attivamente in contatto con il DFEH da quando è iniziata l'inchiesta: indagini come questa possono sorgere quando ci sono state accuse di disparità sul posto di lavoro e abbiamo cooperato in buona fede con il DFEH per rispondere alle sue preoccupazioni. abbiamo prontamente risposto alle richieste del DFEH, abbiamo prodotto oltre 2.500 pagine di documenti e diverse migliaia di righe di dati retributivi fino ad ora e abbiamo anche fatto diverse richieste recenti affinché il DFEH partecipi a una call con noi per soddisfare le loro richieste. Fino ad oggi, queste richieste sono rimaste senza risposta, quindi siamo francamente dispiaciuti di vedere il DFEH emettere un comunicato stampa in cui si sostiene che siamo stati non cooperativi. Siamo fiduciosi di avere compiuto notevoli progressi in termini di diversità, inclusione e cultura aziendale e non vedo l'ora di continuare a dimostrarlo al DFEH ".

Il dibattito sembra però non placarsi, tanto che qualche settimana fa ci sono state delle proteste sul modo in cui le cose vengono gestite internamente. Con il DFEH che chiede maggiori informazioni per lo studio, e con Riot che sembra disposto a cooperare, si spera vi sarà un cambiamento positivo all'orizzonte e lo studio può continuare a fare miglioramenti nei campi dell'inclusività e dell'uguaglianza sul posto di lavoro.

League of Legends

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto