Italiano
Gamereactor
news
Perfect Dark

Spiegate le basi del ritorno di Perfect Dark

L'Iniziativa ha risposto ad alcune grandi domande sul gioco.

HQ

Ieri abbiamo finalmente dato un'occhiata al tanto atteso Perfect Dark in un primo trailer di gameplay.

Ora The Initiative ci ha raccontato di più sull'imminente avventura di Joanna Dark tramite Xbox Wire e promette che non è necessario aver giocato a nessuno dei predecessori per divertirsi con questo poiché "Il Team Perfect Dark ha tratto ispirazione da elementi dei primi due giochi, ma ha creato una storia e un universo completamente nuovi intorno a loro per questo reboot".

Per coloro che si sono chiesti se ci sarà un multiplayer incluso, gli sviluppatori affermano che sarà "un'esperienza per giocatore singolo, con una serie di missioni, ma con scelte offerte su come completare tali missioni". The Initiative ha lavorato duramente per creare un sistema che ci permetta intuitivamente di muoverci nell'ambiente in un modo a cui potremmo non essere abituati dai titoli d'azione in prima persona.

L'idea è quella di avere a disposizione "sia il corpo a corpo che le sparatorie, meccaniche stealth e l'uso liberale dei gadget" e di "presentare ai giocatori un obiettivo, ma lasciare che capiscano come vogliono raggiungerlo". Di conseguenza, gli sviluppatori non vogliono incasellare il ritorno di Joanna Dark, ma affermano che consiste in "elementi di sparatutto in prima persona, simulazioni immersive e azione stealth, ma li fonde in un insieme senza soluzione di continuità".

La stessa Joanna Dark è basata sul look dell'attrice Elissa Bibaud, ma è doppiata dall'attrice britannica Alix Regan. Ha una vasta esperienza sia in ruoli cinematografici che televisivi e ha anche doppiato innumerevoli videogiochi.

Il mondo che visitiamo è ambientato in un futuro prossimo in cui la Terra è diventata in gran parte inabitabile dopo qualcosa chiamato The Cascade. Tuttavia, l'ipercorporazione Core Mantis lancia qualcosa chiamato The GEN Network, che consente il ripristino locale della natura e la rende nuovamente abitabile, e lo lancia al Cairo. Altre aziende stanno seguendo l'esempio, ma sembra che ci sia qualcos'altro in corso e non del tutto altruistico (altrimenti sarebbe stato un gioco noioso).

Dark lavora per dataDyne, che sta indagando su The GEN Network al Cairo. Il motivo per cui questa, nel contesto dei videogiochi, è stata scelta una città un po' insolita per l'avventura è "per offrire un contrappunto ad altre storie di agenti segreti e ai media in generale: l'antico Egitto e l'Egitto moderno sono stati visti da molti, ma una visione del paese nel prossimo futuro è davvero qualcosa di nuovo".

Ti sembra un set-up eccitante degno di Perfect Dark, secondo te?

Perfect Dark

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto