Italiano
Gamereactor
news
Starcraft II: Legacy of the Void

Uno scandalo ha colpito la scena e-Sports coreana di StarCraft

Alcuni giocatori pro e un allenatore sono stati arrestati e bannati a vita.

HQ

Le autorità coreane hanno arrestato un significativo numero di famosi giocatori di StarCraft II e il loro allenatore. Nei loro confronti, l'associazione eSports coreana - KeSPA - ha deciso di provvedere con ban a vita per qualsiasi evento.

Secondo i rapporti riportati da TeamLiquid, è stato coinvolto un gran numero di giocatori in uno scandalo relativo ad alcune partite truccate, di cui almeno cinque partite pro sono state ritenute illegali dall'inizi dell'anno.

Le indagini sulle attività di scommesse illegali sono attualmente in corso, ma KeSPA ha rilasciato una dichiarazione per quanto riguarda i recenti arresti e sul ban a vita che ha imposto ai giocatori:

"Dal 2010, l'associazione ha collaborato con il resto del settore per combattere le scommesse illegali che hanno continuato a minacciare le basi degli e-sport. È estremamente deplorevole che un incidente correlato si sia verificato di nuovo, e ci scusiamo con tutti quei fan che hanno dimostrato di amare e sostenere gli e-Sports".

"Andando avanti, la posizione dell'associazione verso le scommesse illegali continuerà ad essere radicale, e continueremo a rispondere con forza affinché si crei una cultura sana degli e-Sports".

Starcraft II: Legacy of the Void

Testi correlati

0
Starcraft II: Legacy of the VoidScore

Starcraft II: Legacy of the Void

RECENSIONE. Scritto da Adrian Berg

Dopo anni di latitanza, la razza Protoss fa il suo ritorno e reclama la sua terra d'origine e la sua orgogliosa eredità. L'atto finale della trilogia di Starcraft II è per molti versi anche il più importante.



Caricamento del prossimo contenuto