Italiano
Gamereactor
news
Final Fantasy VII: Rebirth

Square Enix ha creato un vero e proprio set di Queen's Blood per testare il minigioco Final Fantasy VII: Rebirth

Ora possiamo ottenere quella produzione di massa? Per favore e grazie.

HQ

Chiunque abbia lavorato su Final Fantasy VII: Rebirth sin dal suo arrivo il 29 febbraio sarà ben consapevole del nuovo minigioco di carte incluso nel titolo. Conosciuto come Queen's Blood, il gioco richiede ai giocatori di usare carte di diversa potenza e pedine simili agli scacchi per superare un avversario segnando più punti di loro, e se questo sembra complicato, non preoccuparti! Abbiamo una guida per aiutarti a conquistare la modalità.

Ma come ha fatto Square Enix a preparare questo minigioco e ad assicurarsi che funzionasse effettivamente nella pratica? Come riporta Kotaku, il team di sviluppo ha effettivamente stampato in 3D un set completo di Queen's Blood per testare il gioco in uno spazio fisico. Include lo sfondo simile a un castello, la scacchiera, le varie pedine e alcuni mazzi di carte, e persino le due statue che si trovano su entrambi i lati della scacchiera stessa.

Il game director Naoki Hamaguchi ha dichiarato: "C'era molto amore per Queen's Blood anche tra lo staff di sviluppo, e verso la fine dello sviluppo, quando il carico di lavoro si è alleggerito per alcuni membri, hanno usato una stampante 3D per creare un vero tabellone reale".
Hamaguchi ha anche notato che Queen's Blood non è stato creato solo dal team dei minigiochi che lavorava su Rebirth, ma è stato invece uno sforzo collaborativo tra loro e il team dei livelli che ha contribuito ad aggiungere un elemento narrativo al gioco e al modo in cui si adatta al mondo.

Ora, se solo potessi metterti al lavoro per produrre in serie quell'espansione fisica, te ne saremmo molto grati!

Final Fantasy VII: Rebirth

Testi correlati

0
Final Fantasy VII: Rebirth Score

Final Fantasy VII: Rebirth

RECENSIONE. Scritto da Ketil Skotte

Il secondo capitolo del remake più ambizioso della storia dei videogiochi è arrivato. È all'altezza della sua eredità e degli standard odierni?



Caricamento del prossimo contenuto